Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

CAMPIONATI DILETTANTISTICI: cosa devi sapere

Il calcio è senza dubbio lo sport più amato e praticato in Italia a tutti i livelli. Sono tantissimi i tornei che si svolgono per le diverse categorie. In questo articolo ci concentreremo sul calcio dilettantistico, che offre ottime opportunità per i calciatori e per le squadre di tutti i livelli.

Campionati di calcio: tra dilettanti e professionisti.

Il campionato di calcio italiano ogni anno mette d’accordo milioni di tifosi dal Nord al Sud. Comprende tantissimi tornei nazionali e regionali tutti regolamentati dalla FIGC (Federazione Italiana Giuoco del Calcio). Per distinguere quelli professionisti da quelli per dilettanti, i campionati sono suddivisi in 9 livelli. Di questi livelli i primi 3 sono, appunto, quelli per professionisti mentre i restanti 6 sono dilettantistici. Parliamo dunque del fatto che la gran parte dei tornei di calcio è giocata a livelli che sono più alla portata di tutti. Tra i campionati per professionisti quello più seguito e conosciuto è la massima serie, cioè la Serie A. Di seguito, le altre due serie per professionisti sono Serie B e serie C. Il primo campionato dilettantistico è la Serie D, un campionato a carattere semiprofessionistico, suddiviso in 9 gironi che consentono una migliore organizzazione anche di tipo geografico.

Infatti a questo campionato partecipano 18 società in tutta Italia. Di tutti i gironi le prime classificate hanno diritto a salire in Serie C, mentre le squadre che arrivano dalla seconda alla quinta posizione hanno diritto a partecipare ai play-off. Chi supera i play-off affronta finalista e semifinalista della Coppa Italia serie D. Per quanto riguarda la retrocessione in Eccellenza, invece, è per 4 squadre, le ultime due classificate e le altre due in base ai play-out che coinvolgono le squadre classificate dal terzultimo al sestultimo posto. Dopo la serie D seguono l’Eccellenza, la Promozione, Prima Categoria, Seconda Categoria e Terza Categoria. Oltre a questa piramide di campionati, esistono i campionati giovanili che sono divisi in base all’età degli atleti. La categoria Giovani di Serie (che interessa i giovani atleti delle società professionistiche), è organizzata in due tornei: Campionato Primavera e Berretti. Oltre questi ne esistono altri 6 che sono: Campionato Juniores, Allievi, Giovanissimi, Esordienti, Pulcini e Torneo scuola calcio.

Il calcio che piace a tutti i livelli.

Alcune squadre, impegnate nei campionati per dilettanti, hanno finalizzato diversi record nel campionato di serie D. Il Cuneo, ad esempio, ha il record di partecipazioni con un totale di 45 campionati giocati. Un altro record lo ha stabilito il Palermo, classificandosi primo per aver venduto più abbonamenti in una sola stagione, quella del 2019-2020. Con 10.466 abbonamenti ha superato anche il Parma che deteneva il primato dalla stagione 2015-2016.

Se è vero che la serie A è il massimo campionato italiano sotto tutti i punti di vista (abbonamenti, share, audience, scommesse, tifosi ecc), è vero che anche i campionati minori e in particolare quelli dilettantistici, sono, in proporzione, ugualmente seguiti. Sono tantissimi infatti i tifosi che, in numeri sicuramente ridotti, seguono i piccoli campioni nostrani nel campo e fuori. Su questi campionati, come per quelli professionistici, è possibile anche scommettere. Ovviamente esistono delle differenze. I campionati dilettantistici offrono spesso delle quote più alte rispetto ai grandi campionati ma possono essere meno coperte dai media e quindi potrebbe risultare un po’ più difficile reperire informazioni e statistiche per le scommesse.

Un’altra eventualità è che per le squadre dilettantistiche potrebbero non essere disponibili tutti i tipi di scommessa ma, sul sito giusto, si possono trovare dei forum dove è possibile consultare analisi ed informazioni per creare delle opportunità di vincita. Con un po’ di ricerca e conoscenza delle sfide e delle squadre in competizione le scommesse su questi campionati possono essere una esperienza entusiasmante e redditizia e del tutto uguale a quelle che si possono fare seguendo il campionato di serie A o B.

Conclusioni.

Il calcio si afferma, anno per anno, come lo sport più seguito in Italia. Oltre le serie per professionisti che godono anche di una maggiore attenzione da parte dei media, il calcio dilettantistico è una parte sicuramente importante del mondo di questo sport, in Italia. Offre tantissime opportunità, ai tifosi, ai giocatori e alle stesse squadre di poter migliorare costantemente le proprie abilità. Ne giovano anche i tifosi che possono godere di un bel calcio a “Km 0”. Proprio per il fatto che il calcio dilettantistico è una realtà variegata e vasta raccoglie diverse categorie in tantissimi paesi d’Italia che offrono un panorama interessante per tutti gli appassionati di calcio. Non solo serie A, dunque, ma molto molto altro ancora e per tutti i tifosi. Sulle serie dilettantistiche è anche possibile scommettere con delle quote molto spesso più allettanti di quelle dei massimi campionati. Anche se spesso non è possibile seguire minuziosamente l’andamento di tutte le squadre, scommettere su questi campionati può essere abbastanza redditizio. Un’emozione dentro casa, il calcio che è per tutti e che fa sognare grandi e piccini. Non importa il livello di una squadra, le emozioni nel calcio arrivano sempre dritte al cuore dei propri tifosi e le squadre non potranno mai fare a meno del loro pubblico pronto a supportarle e a seguirle ovunque.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 24/01/2023
Tempo esecuzione pagina: 0,08120 secondi