Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Sentenza choc del Tribunale, cade il vincolo nel calcio giovanile?

E' ritenuta nulla qualsiasi firma che lega un minorenne ad una società di calcio

Quello del vincolo nel tesseramento dei giovani calciatori è da tempo uno dei temi più dibattuti e di maggior interesse nel panorama calcistico nazionale. Di recente si sono occupate della questione anche Le Iene (la trasmissione TV di Italia 1) con l’inviata Nadia Toffa che ha provato ad interpellare a tal proposto il numero uno della Figc, il comasco Carlo Tavecchio, senza però ottenere alcun commento in risposta.

Una sentenza civile del Tribunale di Verbania, potrebbe sconvolgere il calcio giovanile, perché è stata ritenuta nulla qualsiasi firma che lega un minorenne a una società di calcio, vincolandolo fino all’età di 25 anni, anche se accompagnata dalla garanzia dei genitori, poiché si tratta di un atto di straordinaria amministrazione, e non di ordinaria come indicano le carte federali, che quindi richiederebbe l’autorizzazione del giudice tutelare.

In altre parole, tutti i calciatori minorenni sarebbero liberi di svincolarsi a fine stagione, decidendo liberamente dove andare a giocare.

Questo quanto stabilito dal giudice di Pace in primo grado e dal giudice del tribunale Civile di Verbania in secondo grado, in merito alla vertenza tra un minore e la società per la quale tesserato (Virtus Villadossola). E' come se decine di migliaia di giovani calciatori dilettanti abbiano firmato un tesseramento senza valore, che di conseguenza gli permetterebbe di cambiare società ogni stagione, senza che queste possano più percepire alcun premio di preparazione, come invece accade oggi.

La sentenza di secondo grado, dando forza alla tesi del primo, potrebbe avere un impatto devastante  su tutto il sistema “calcio giovanile”. E’ inevitabile ora che la Federazione intervenga per regolamentare la questione, ed evitare così che tutto il sistema vada in tilt.

INVITIAMO SOCiETA', DIRIGENTI; GENITORI E TUTTI GLI ADDETTI AI LAVORI A INVIARCI I LORO COMMENTI PER APRIRE UNA DISCUSSIONE SU QUESTO ARGOMENTO MOLTO DELICATO

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 22/04/2015
Tempo esecuzione pagina: 1,07299 secondi