Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

E' dura POLEMICA tra ATLETE, STAFF e SOCIETA' del MONTEVARCHI WOMAN

La prima squadra non è stata iscritta al campionato ed ora c'è uno scambio di accuse

Siamo rimaste in silenzio nelle ultime settimane, ma è arrivato il momento di raccontare i fatti che hanno portato alla cessazione dell’attività della prima squadra femminile dell’Aquila Montevarchi. Sette anni fa iniziava un progetto con tanto entusiasmo che, a soli due anni dalla nascita della squadra di calcio femminile, ha portato a vincere un campionato. Dopo stagioni di rodaggio in Eccellenza Toscana, la prospettiva per la stagione appena iniziata sarebbe stata, a detta della società, quella di migliorarsi ulteriormente. Progetto che però è svanito nel nulla dopo sole tre settimane dall’inizio della preparazione.. o forse prima?

Per raccontarvi questa storia partiamo però dalla fine. Sabato 16 settembre, dopo venti giorni di allenamenti e ad iscrizione al campionato già perfezionata, la società Aquila Montevarchi chiama tutte noi giocatrici e lo staff tecnico telefonicamente, per comunicare la cessazione dell’attività della prima squadra femminile a causa della “mancanza di condizioni”.

Lo scorso giugno lo staff tecnico (allenatore, vice-allenatore, all. portieri, collaboratore tecnico), preoccupatosi di alcuni aspetti sia di carattere numerico relativi alla composizione della rosa che di carattere organizzativo, dopo alcune sollecitazioni cadute nel vuoto, decide di inviare una mail alla società. In questo messaggio, oltre agli aspetti appena citati, ravvisa l’assenza di una figura che si occupasse della ricerca di nuove ragazze: in buona sostanza non esiste ufficialmente un direttore sportivo. La risposta dell’Aquila Montevarchi, inviata in data 12 giugno, afferma che la società ritiene di essere in linea con la programmazione ed invita a non tornare nuovamente sull’argomento, perché in fatto di organizzazione è certa di aver dato a questo settore un ottimo supporto.

Nonostante la situazione di difficoltà sull’attribuzione di questo ruolo vacante, lo staff tecnico, per necessità e non per iniziativa personale ma tenendo costantemente al corrente la società, cerca di porre rimedio. A proprie spese realizza colloqui con 37 giocatrici, di cui la stragrande maggioranza svolti di persona: la dirigenza è stata fisicamente presente soltanto ad uno di questi; per tutti gli altri ha provveduto a svolgere telefonate in un secondo momento. Martedì 22 agosto, una settimana prima dell’inizio della preparazione, sempre lo staff tecnico (e non la società, ribadiamolo) indice una videochiamata per “fare delle comunicazioni importanti e non rimandabili nel tempo”, alla quale era presente un solo componente della dirigenza.

Durante questa videochiamata, l’allenatore ed i suoi collaboratori, ci comunicano che al momento la rosa non superava le 15 ragazze e che la società non era riuscita a chiudere nessuna delle 37 trattative avviate. Noi, molto sorprese, chiediamo spiegazioni all’unico componente della società, nonché la persona (si verrà a sapere solo successivamente) alla quale era stato affidato l’incarico di dirigente, responsabile e direttore sportivo: non ci convince.

Lo staff tecnico non molla e ci comunica che i contatti con ulteriori giocatrici non erano esauriti: lo testimonia il fatto che poco prima dell’inizio della preparazione eravamo riuscite a raggiungere quota diciassette giocatrici in rosa. Lunedì 28 agosto inizia la preparazione. Martedì 12 settembre chiediamo una riunione con la società per esternare il nostro stato di preoccupazione dato dall’organico piuttosto ridotto e con l’intento di trovare una soluzione per continuare l’attività.

Durante la riunione ci sentiamo dire da un componente della società frasi del tipo: “ci credo che nessuno vuole allenare le donne” o “con voi femmine non si può parlare”. Forse, il condizionale è d’obbligo, in risposta ad una ragazza colpevole di aver sottolineato come il parlare alzandosi in piedi ed avvicinandosi all’interlocutrice, non fosse il modo più opportuno di confrontarsi: dopo neanche mezz’ora di riunione un dirigente abbandona la riunione senza comunicarne motivo; dopo poco abbandona anche un altro: ne rimane uno solo e rimaniamo ancora senza risposte. Probabilmente questo ha portato due ragazze a manifestare la volontà di fare un passo indietro: la società, nonostante potesse opporsi al loro trasferimento in quanto si trattava di ragazze ancora vincolate, nell’ultimo giorno di mercato (venerdì 15 settembre) opta per trasferirle ad un’altra società, riportando così l’organico a quindici tesserate.

Giovedì 14 settembre, su richiesta della società che sollecitava le ragazze a fornire una risposta riguardo le loro intenzioni sul prosieguo dell’attività, un solo dirigente accoglie due giocatrici insieme all’allenatore e ad un collaboratore. In quella stessa sede il dirigente dichiara che, da quel momento, non si sarebbe più occupato del settore femminile perché non si sentiva a proprio agio. Tuttavia, sia la nuova persona che si sarebbe dovuta occupare della squadra femminile che coloro che già ne erano responsabili, non sono presenti a quella riunioneNonostante questo, noi e lo staff decidiamo di dare un’ulteriore dimostrazione del nostro interesse a portare avanti la squadra, fornendo alla società altri sei nominativi di ragazze svincolate e da poter contattare: la società decide di non farlo. Venerdì 15 settembre la società annulla l’allenamento in programma ed il giorno seguente, Sabato 16 settembre, ci comunica telefonicamente la cessazione dell’attività della squadra con una telefonata e senza fornire motivi chiari.

Alcune considerazioni.

Dopo tanti campionati di eccellenza ad ottimi livelli e con un gruppo che si è basato fino alla fine su di uno zoccolo duro, formato principalmente da un gruppo di montevarchine e valdarnesi, non ci capacitiamo dei motivi che hanno portato a questa scelta, anche perché non ci sono mai stati resi noti in modo chiaro. Le cose così finiscono per tante cause, a volte anche comprensibili seppur difficili da accettare, ma le modalità e le tempistiche che hanno contraddistinto questo finale riteniamo che siano quantomeno discutibili:

se vi erano problemi organizzativi, economici o che altro, sono insorti improvvisamente a pochi giorni dall’inizio delle gare ufficiali e ad iscrizione già perfezionata?

Se vi era intenzione di non andare avanti con questo settore e ci fossero stati realmente dei problemi, perché non comunicarli a giugno? Quanto meno si sarebbe evitato di far lavorare a vuoto lo staff per un’estate intera per poi lasciarlo, insieme alle giocatrici, senza squadra a stagione iniziata. Concludiamo ravvisando che nel comunicato ufficiale della società non vi è stato spazio per ringraziare nessuno. Noi invece vogliamo farlo anche in quest’occasione: vogliamo ringraziare tutte le persone che hanno fatto parte di questa squadra negli anni, dalle giocatrici agli allenatori, dai preparatori ai fisioterapisti, fino ad arrivare ai custodi dei campi e ai pochi dirigenti che ci hanno messo cuore e anima. Grazie per l’impegno, la dedizione e la passione che ci avete messo. Abbiamo provato emozioni bellissime insieme, e nessuno potrà portarcele via.

Il calcio femminile ha le stesse regole di quello maschile.

Le giocatrici dell’Aquila Women

Questo invece il comunicato di risposta fatto uscire dall'Aquila Montevarci: "A seguito delle notizie relative alla prima squadra femminile, che stanno circolando a mezzo stampa e social, è doveroso da parte della società spiegare e fare chiarezza sulla vicenda. La società si era regolarmente iscritta al campionato femminile ed era iniziata la preparazione, a dimostrazione che la società era convinta di proseguire come ormai da 7 anni il cammino, fatto anche di grandi soddisfazioni, con la prima squadra.

A due giorni dall’inizio del campionato le giocatrici richiedono un incontro con la società, due di loro manifestano la volontà di essere svincolate perché la squadra non era considerata competitiva. In realtà avevano interesse a spostarsi su Monte San Savino, come poi è avvenuto. I toni della riunione sono stati irriguardosi e aggressivi nei confronti di un nostro dirigente e di un responsabile tanto da indurli ad abbandonare la riunione. Se ci fossero state reazioni non corrette da parte dei nostri, ce ne scusiamo pubblicamente, quando i toni si accendono si possono purtroppo fare affermazioni che andrebbero evitate.

La società decide quindi di accontentare le due ragazze. Tra i vari motivi della discussione c’era quello di una rosa che per le calciatrici era giudicata inadeguata per fare il campionato, così i nostri responsabili hanno provato a cercare nuove figure da inserire ma senza riuscirci, purtroppo il calcio femminile non offre un bacino ampio da cui scegliere.

Avevamo quindi proposto di iniziare il campionato e strada facendo avremmo avuto modo di ampliare l’organico come spesso succede, ma questa nostra proposta è stata rifiutata. Fu richiesto un nuovo incontro da parte delle giocatrici per esporre le loro nuove richieste perché fossero disponibili a proseguire con il campionato. Un elenco di 5/6 ragazze provenienti da ogni parte della toscana che, come succede per il calcio femminile, necessitavano di essere portate e riaccompagnate per gli allenamenti e le partite.

La squadra aveva ormai solo 7/8 ragazze di zona e, per far capire la complessità di prendere giocatrici da fuori, una delle ragazze era di Porto Santo Stefano, che avrebbe comportato organizzare e sostenere i costi per almeno due allenamenti per un totale di 1.400km la settimana. La società ha ribadito la volontà di allargare la rosa ma con ragazze del Valdarno perché era impossibile per noi sostenere tutti quei viaggi con pulmini e autisti che purtroppo non abbiamo e che avrebbero comportato problemi non indifferenti. Pertanto, pur con grande dispiacere non vi era proprio la possibilità di accettare queste condizioni.

Anche il sindaco ha richiesto un incontro alle giocatrici per trovare una soluzione temporanea che permettesse di non disgregare la squadra, partecipando ad un campionato di calcio a 5, a cui noi avevamo dato la nostra completa disponibilità in modo da sfruttare questo anno per ripopolare la prima squadra e riuscire ad avere una rosa idonea per riprendere il campionato il prossimo anno e non perdere i frutti di un lungo cammino fatto di sacrifici e soddisfazioni per tutti, ma purtroppo, poche settimane fa le giocatrici hanno comunicato al Sindaco che non accettavano la proposta della società.

Pertanto con grande dispiacere, la società ringrazia tutte coloro che in questi anni hanno contribuito a realizzare campionati e a raggiungere traguardi importanti con i colori Rossoblù. La storia della prima squadra femminile non finisce qui, abbiamo sempre creduto nel calcio femminile scegliendo convintamente di costituire la squadra già 7 anni fa. Ribadiamo la prosecuzione del settore giovanile femminile che deve diventare, come per quello maschile, il vero bacino per la prima squadra. Per quanto concerne il titolo del giornale la Nazione, valuteremo se ci sono gli estremi per discuterne nelle sedi opportune".

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 26/10/2023
Tempo esecuzione pagina: 0,69720 secondi