Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Massa Carrara


"E' un TEATRINO per prenderci SOLDI, ci DIFENDEREMO in tutte le SEDI"

Pesante sentenza contro la Massese da parte del Tribunale Federale. L'allenatore Gassani però non ci sta

Dodici mesi di inibizione al direttore generale Dario Pantera, otto mesi al presidente Giovanni Nepori, 2000 euro di multa alla società Massese, deferito alla Commissione disciplinare del settore tecnico della FIGC l’allenatore Matteo Gassani. Ecco la dura sentenza pubblicata sull’ultimo bollettino della LND Toscana che ha concluso l’indagine della procura federale dopo la denuncia di un calciatore, già tesserato per la società bianconera, in ordine al comportamento tenuto dall’allenatore nei confronti di due calciatori.

E’ lo stesso Gassani che prende posizione e risponde duramente. “In merito alla sentenza pronunciata dal tribunale sportivo territoriale nei confronti del dg Pantera e del presidente Nepori (il sottoscritto dovrà rispondere delle proprie azioni il prossimo 5 marzo) è arrivato il momento di fare chiarezza perché quanto contestato alle parti è privo di elementi oggettivi e frutto di fantasie personali da parte del denunciante”.

Gassani inizia così il suo racconto. “In data 02/12/2019 (nella sentenza sono erroneamente riportate le date dell’8 Novembre 2020 e del 2 Dicembre 2020, ma devono ritenersi relative all’anno 2019 ndr) giorno dell'apertura del mercato invernale vengo contattato telefonicamente dal dg Pantera che mi riferiva della richiesta da parte dei calciatori Cela e La Rosa di essere svincolati. Da parte mia all'inizio c'era ostruzionismo, visto che dal punto di vista tecnico si trattava di due giocatori titolari dell'allora reparto difensivo e perché nonostante fossero difensori erano i giocatori più prolifici della squadra dal punto di vista realizzativo, e ciò testimoniava l'importanza tecnica degli stessi nel contesto sportivo e di conseguenza il mio iniziale ostruzionismo al loro svincolo”.

“Il dg Pantera, sempre telefonicamente, e in quella data, mi informava che i tesserati erano irremovibili nella loro decisione di lasciare la squadra – prosegue Gassani -, il cui motivo principale era che gli stessi non tolleravano più, a loro dire, le critiche feroci degli ultras (anche questo aspetto non veritiero perché gli ultras nonostante una stagione difficile dal punto di vista dei risultati sportivi sono sempre stati vicino alla squadra)”.

A questo punto Gassani prese atto. “Riferì a Pantera che i giocatori potevano lasciare il gruppo squadra solo quando sarebbero arrivati i sostituti, invitando il dg a trovarli nell'immediatezza visto l'imminente gara di campionato a Castelfiorentino che aveva una rilevanza importante. Dal 03/12/2019 né il Cela né il La Rosa si presentavano più agli allenamenti e non ottemperavano alla convocazione inviatagli dalla società a mezzo raccomandata postale per la gara domenicale successiva. Dal dg Pantera mi veniva riferito, a tal proposito, che il La Rosa non rispose mai alle sue chiamate mentre il Cela mandò un certificato medico rilasciato da un medico specializzato in pediatria, e ripeto pediatra, nel quale si evidenziava che il calciatore non poteva svolgere attività agonistica ma aveva bisogno di assoluto riposo a causa di un problema al ginocchio”.

L’allenatore nega di “avere avuto contatti diretti con il tesserato Cela se non quelli di natura tecnica e mai fatto richieste economiche allo stesso visto che i rapporti per ottenere lo svincolo lì doveva avere con il dg Pantera e il presidente Nepori quali persone incaricate a svolgere tali mansioni. Tutto ciò è confermato dai testimoni interpellati dalla procura federale, nonché da altri tesserati di quel momento che nella finestra di mercato vennero svincolati, i quali nelle loro dichiarazioni hanno riferito e verbalizzato che ottennero lo svincolo senza che la società (o il sottoscritto) gli richiedesse somme di denaro e sempre gli stessi hanno riferito e verbalizzato che il sottoscritto non ha mai partecipato a riunioni nelle quali l'argomento fosse di natura non tecnica”.

A proposto delle registrazioni che sarebbe state portate come prove, Gassani spiega che “si parla che il Cela avrebbe registrato il contenuto delle presunte riunioni da lui indicate che poi sono state messe all'attenzione degli imputati e nelle quali è emerso, in maniera oggettiva, che le voci presenti nelle stesse non sono riconducibili né al sottoscritto né al Pantera e per confermare tale estraneità a ciò, i suddetti, chiesero al procuratore federale di essere sottoposti ad esame vocale che avrebbe confermato, in maniera inequivocabile, la loro estraneità a quanto contestato, ma tale richiesta, in maniera inspiegabile, non è stata accolta e per di più, è bene sottolineare, che tali registrazioni sono state ritenute valide dal giudice nonostante che quest'ultimo non conosca minimamente il timbro di voce degli imputati perché gli stessi non sono stati mai ascoltati in tribunale e non hanno presenziato all'udienza”.

L’allenatore bianconero vuole poi precisare “che lo stesso presidente del Corneto Tarquinia, squadra nella quale Cela fu tesserato da dicembre, nega di aver versato somme all’US MASSESE per ottenere lo svincolo del calciatore, cosa che invece il Cela riferisce essere avvenuta”.

E poi. “Faccio presente che in data 06/02/2020 la società riceve una lettera dall'avvocato del Cela, tale avvocato QUATTRONE, indirizzata anche al sottoscritto nella quale vengono richiesti 6.600 euro da versare al Cela (non capendone il motivo di tale richiesta) e in caso di non ottemperanza a ciò lo stesso avvocato riferiva che avrebbe agito nelle sedi di competenza. Questo a casa mia si chiama ricatto nonché estorsione”.

Infine Gassani precisa anche il comportamento sempre tenuto in fase processuale. “Aggiungo, per terminare, che il collaboratore federale autore delle indagini al termine delle stesse chiese con insistenza ai nostri avvocati che il sottoscritto e gli altri imputati si avvalessero del patteggiamento. In virtù dell’estraneità ai fatti contestati, il sottoscritto e gli altri imputati rifiutarono il patteggiamento perché per noi era un ricatto, perché patteggiare un qualcosa mai commesso è un ricatto”.

E ora? Cosa succederà? “Siamo pronti ad arrivare fino all' ultimo grado di giustizia e se è il caso fino al tribunale di Losanna, nonostante tutto ciò comporti un grande esborso economico, per tutelare la nostra immagine e la nostra dignità e per far cadere le accuse fantasiose, infondate e calunniose nei nostri confronti, nonché il “teatrino” inscenato al solo scopo di estorcere denaro, convinti che la verità verrà fuori perché quest'ultima è supportata da prove a nostro favore inequivocabili”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Gino Mazzei il 01/03/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Michele BALLONI saluta il SERAVEZZA POZZI e va alla CARRARESE

Il Seravezza Pozzi saluta Michele Balloni, che passa tra i professionisti approdando alla Carrarese. Questo il comunicato del club versiliese: Ufficiale, il nostro prof. Michele Balloni sarà il nuovo preparatore atletico della Carrarese Calcio agli ordini di mister Di Natale. Un obbiettivo meritatissimo per un ragazzo splendido e molto preparato. Nei due anni che ...leggi
08/07/2021

PROMOZIONE, ecco il nuovo ALLENATORE della VIRTUS MARINA DI MASSA

La Virtus Marina di Massa comunica, per voce della sua Direzione Sportiva, che l'allenatore per la prima squadra nella stagione 2021/2002 sarà Luca Ravecca. Precedentemente alla guida degli Juniores Regionale e Nazionali ha ottenuto ottimi risultati, e nel 2007/2008 con la stessa Sarzanese ottenne la salvezza nel Campionato di Serie D, per poi ripercorrere il solito importante ca...leggi
05/07/2021

ECCELLENZA, è SEPARAZIONE tra la SAN MARCO e mister TURI

L'Usd San Marco Avenza 1926 (Eccellenza girone A), terminata la stagione ufficiale 2020 /21 di Eccellenza comunica seppur con dispiacere, considerati i rapporti umani e sportivi, la separazione dal tecnico Stefano Turi che non continuerà la sua avventura alla guida della prima squadra per la prossima stagione 2021/22. A Stefano il club intende rivolgere un Grazie...leggi
08/06/2021

La PONTREMOLESE piazza il COLPO: arriva un NUOVO RESPONSABILE TECNICO

Come un fulmine a ciel sereno a Pontremoli, dal cilindro del presidentissimo Piergiorgio Aprili, coadiuvato nella trattativa da Maurizio Giuntini e Pierangelo Della Catta, con il benestare del direttivo, ecco spuntare un nome di livello altisonante quale responsabile tecnico della squadra che milita nel campionato di Eccellenza Toscana. Sarà Mauro Bertacchini, cl...leggi
29/05/2021

Niente da fare: il RECUPERO di ECCELLENZA sospeso dopo 26 minuti

San Marco Avenza-Tuttocuoio sospesa al 26' del primo tempo (sul risultato di 4 a 0) SAN MARCO AVENZA: Pinarelli, De Angeli, Mussi, Brizzi, Zuccarelli, Gamberucci, Gabrielli, Diawara, Taraj, Pedrazzi, Dell Amico. A disposizione Pinna, Mosti S., Valori, Niang, Ussi, Parra, Ballani, Antonelli, Doretti. Allenatore Stefano Turi...leggi
19/05/2021


"Non mi aspettavo una PRESTAZIONE del genere, ora AVANTI così"

Allora, tra i risultati della prima giornata del nuovo campionato di Eccellenza, spicca nel girone A il netto successo della Massese contro il San Miniato. Una prova di forza importante per la formazione bianconera. Ne parliamo con il mister bianconero Matteo Gassani. "Faccio i complimenti ai ragazzi per l'ottima prestazione e ciò è frutto della dedizione e disponi...leggi
21/04/2021

"GRAZIE a TUTTI: LUI era davvero BENVOLUTO"

Tanta, tantissima gente, purtroppo in un momento di grandi restrizioni. Ma Roberto Taponecco era un personaggio troppo conosciuto, apprezzato e benvoluto. E così lunedì pomeriggio il piazzale della chiesa di San Francesco a Carrara ha visto l'arrivo di tanti amici che l'hanno voluto salutare per l'ultima volta. C'erano ex compagni di squadra della gioventù, altri de...leggi
21/04/2021

Abbiamo perso un AMICO: l'ADDIO a ROBERTO TAPONECCO

Oggi è davvero un giorno triste per chi ama il calcio. Perchè se n'è andato uno che veramente amava questo sport, che l'aveva nel sangue, che viveva per raccontarlo, impararlo e insegnarlo. Con tanto dolore dobbiamo purtroppo scrivere questo articolo per ricordare Roberto Taponecco, un grande personaggio che ieri sera ci ha lasciato.  Classe 1947, avrebbe compi...leggi
17/04/2021

"E' stata la MASSESE a subire gli ATTI ESTORSIVI"

I Legali di fiducia della U.S. Massese 1919 Avv. Francesco Rondini, Avv. Edoardo Truppa, Avv. Luca Ulivi comunicano che sono state depositate dalla Prima Sezione della Corte Federale di Appello della F.I.G.C. le motivazioni della sentenza con cui sono stati assolti con formula piena l’allenatore Matteo Gassani, il Direttore Generale Dario Pantera ed il Presidente Giovanni Nepori oltre all...leggi
13/04/2021




GRAGNOLESE, una STAGIONE mai INIZIATA:"Ma noi abbiamo VINTO lo stesso"

Una stagione in pratica non partita mai per la Gragnolese che dopo tanti anni si è nuovamente iscritta al campionato di Terza categoria di Massa-Carrara. Il club bianco verde insieme allo Spartak Apuane, Master Marina di Massa e Villafranchese sono le squadre che non hanno neppure iniziato la stagione ufficiale, mentre le altre sei compagini hanno disputato il primo e ultimo turno del ca...leggi
18/02/2021

LUNIGIANA calcistica in LUTTO per la SCOMPARSA di un ex CALCIATORE

  Nella notte di venerdi ci ha lasciato improvvisamente Domenico Canepa giocatore, allenatore, presidente per tanti lustri degli allenatori e socio onorario dell’Aiac a livello nazionale. Senza dubbio persona di alto profilo sotto tutti gli aspetti, non solo sportivo ma specialmente di grandissima umanità, aveva 81 anni. Pensionato delle Poste da giovane &egrav...leggi
09/11/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,11861 secondi