Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

LAPO VERTUA, dallo STAGE di CORFINO alla PANCHINA in SERIE A

Grande soddisfazione per il classe 2006 che domenica scorsa è stato convocato dall'Empoli in Prima squadra per il derby con la Fiorentina

Quando un ragazzo che hai visto crescere riesce ad arrivare a certi livelli è sempre un vero piacere. E per noi che da tanti anni a Corfino portiamo avanti un importante lavoro in estate con lo STAGE IMPARANDO FOOWEL poter constatare la loro crescita umana e tecnica, rappresenta una soddisfazione non quantificabile.

Se poi il ragazzo in questione, arriva ad essere convocato per una partita di serie A, allora come non poterlo sottolineare? Stiamo parlando di Lapo Vertua, classe 2006, che domenica scorsa ha avuto la grande soddisfazione di essere chiamato dall'Empoli e andare in panchina nel derby contro la Fiorentina giocato allo stadio "Castellani"

Lapo è stato convocato dopo il forfait di uno dei portieri, l'albanese Berisha, insieme a Perisan e al titolare Caprile. Ha indossato così per la prima volta la maglia numero 36. E allora come non possiamo ricordare la prima volta, era il 2018, quando lo vedemmo arrivare a Corfino insieme alla premurosa e gentilissima mamma Elena. Era già un ragazzo timido, anche un po' taciturno, che giocava nei Giovani Fuceccho. Lui. nato a Montopoli Valdarno in provincia di Pisa, cresciuto nella Stella Rossa Castelfranco e poi passato nel club bianconero del presidente Montanelli. 

A Corfino è venuto per quattro anni consecutivi, 2018, 2019, 2020 e 2021. Tra il secondo e il terzo anno, ecco il passaggio all'Empoli ha iniziato così quest'anno la sesta stagione. E' entrato a far parte della Primavera, ma già dall'anno scorso ha iniziato ad allenarsi con la prima squadra. 

Ricordiamo con piacere anche le visite a Corfino, tra un impegno di lavoro e un altro, del padre Silvano, un "omone" bresciano "emigrato" in Toscana per amore, simpatico personaggio, con il quale condividemmo diversi passaggi sulle "aspettative" e su quello che contava veramente nella crescita di un ragazzo, non solo a livello sportivo. 

Nel nostro piccolo, pensiamo (speriamo), di aver contribuito a far si che oggi Lapo sia diventato un portiere e un ragazzo "pronto" per certi impegni. Ora lui dovrà continuare su questa strada e in ogni caso, lo aspettiamo sempre a.... Corfino. Bravo Lapo

Print Friendly and PDF
  Scritto da Gino Mazzei il 23/02/2024
Tempo esecuzione pagina: 0,07097 secondi