Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

"Perchè il CALCIO GIOVANILE NO? Bisogna riportare in CAMPO i RAGAZZI"

L'intervento del direttore generale del Coiano Santa Lucia Mattia Di Vivona

"Non si può mai escludere completamente il rischio contaminazione. Ma se si osservano le misure esistenti, la percentuale durante una partita di calcio non è maggiore rispetto a quella che si ha di prenderlo al supermercato. Quindi è quasi trascurabile".

Mattia Di Vivona giovane direttore generale del Coiano Santa Lucia ha ripreso in un suo post su facebook le Queste le parole del Dr. Edwin Goedhart, medico associato alla federcalcio olandese, autore di uno studio sulla possibilità di contagio da Covid-19 durante una partita di calcio.

"Ebbene - prosegue il dirigente pratese - l’analisi del Dr. Goedhart mostra come durante le partite siano pochissimi i "momenti di contatto ravvicinato" a lungo termine tra i giocatori sul campo e di conseguenza viene tratta la conclusione che il calcio sia uno sport, seppur definito “di contatto”, sicuro da praticare".

Di Vivona è ben informato. "Allo studio del Dr. Goedhart si aggiunge quello degli scienziati della Liverpool School of Tropical Medicine i quali sono giunti alla conclusione che il rischio di trasmissione del virus attraverso gli strumenti condivisi dello sport è "più basso di quanto si pensasse una volta", tanto da portare i ricercatori a dire che “sembra improbabile” che palloni e accessori sportivi possano essere una principale causa di trasmissione del virus".

L'intervento vuole essere costruttivo e propositivo. "Il mio scopo non è certo di polemizzare, quindi, eviterò di soffermarmi sul fatto che, altri sport, discutibilmente “non di contatto”, continuino ad essere praticati a livello giovanile e dilettantistico. Il rischio zero non esiste e mai esisterà, in nessun luogo, ed è per questo che dobbiamo pensare a riportare in campo, in sicurezza, migliaia di bambini e ragazzi, ad oggi ostaggi di inutili allenamenti “individuali”.

Infine, una sorta di appello. "Presidente Draghi, Sottosegretaria Vezzali, nel prossimo Decreto affrontiamo il tema dello sport e del calcio giovanile. Amministratori, aiutateci facendovi interpreti di queste istanze. Insieme alla scuola in presenza, i nostri ragazzi hanno bisogno dello sport. Vaccini, istruzione, corretta informazione e sport. Le armi migliori che abbiamo a disposizione contro il Covid-19.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 01/04/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,04848 secondi