Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


Ecco perchè il LUCCASETTE non poteva chiedere il PREMIO PREPARAZIONE

La regola 96 delle NOIF è cambiata nel luglio 2019 e ora la società lucchese è di puro settore

Una cosa siamo sicuri in questa vicenda: che non sapremo mai come sarebbe andata a finire. Stiamo parlando di quanto sta tenendo desta l'attenzione dell'opinione pubblica (calcistica) in provincia di Lucca e non, riguarda il giovane calciatore classe 2005 Marco Romiti. (LEGGI QUA) (LEGGI QUA)

Sì, perchè la scelta di Marco di tornare alla sua società d'origine, il San Donato, chiude di fatto la possibilità di capire cosa sarebbe successo in caso di suo tesseramento da parte della Lucchese, nel caso in cui poi il Luccasette, società dove il ragazzo ha giocato per due stagioni, avesse richiesto la suo quota parte di spettanza del premio preparazione.

Infatti, per quello che stiamo sentendo e leggendo in questi giorni, ci sarebbe correnti di pensiero diverse, le classiche "interpretazioni" delle norme che spesso fanno la differenza quando si parla di giurisprudenza, in questo caso anche sportiva.

Cerchiamo però di fare chiarezza, magari per far sì che questa storia diventi un qualcosa di utile conoscenza per tutti coloro che sono gli addetti ai lavori.

Partiamo dalla cosa forse più banale: l'ignoranza delle cose. La Lucchese non sapeva che avrebbe potuto tesserare liberamente Romiti senza dover "trattare" il Luccasette. Quando l'ha scoperto ormai era tardi, perchè Romiti e la sua famiglia hanno deciso di tornare al San Donato e non sono tornati indietro. Da capire invece se il Luccasette sapeva o meno che, cambiando il suo status, da società dilettante a società pura, andava incontro a questa normativa che gli impedisce di avere il premio preparazione. Oppure, seppur sapendolo, aveva avuto rassicurazioni che i suoi diritti su Romiti non fossero cambiati.

Cerchiamo allora di capire la norma, spiegandola e poi ognuno tragga le sue considerazioni.

Il Consiglio Federale della FIGC infatti nella riunione del 30 Maggio 2019 ha introdotto tra le altre cose, la modifica dell'articolo 96 della NOIF (Norme organizzative interne federali), istituto fondamentale nella valorizzazione economica dei giovani calciatori. Tale modifica prevede che il premio di preparazione "spetti unicamente alle società della Lega Nazionale Dilettanti, per la valorizzazione di giovani calciatori passati dal vincolo annuale a quello pluriennale".

Le modifiche hanno riguardato anche altri aspetti del testo quali il numero delle squadre appartenenti alla Lega Nazionale Dilettanti che è passato da 2 a 3 ed anche l'arco temporale di formazione che è passato da 3 a 5 anni. Nello specifico, è stata stabilita per ognuno dei club coinvolti la ripartizione di una quota corrispondente ad un quinto dell'intero premio di preparazione.

Ma cos'è questo "benedetto" PREMIO PREPARAZIONE? E' il pagamento di una somma alle società che hanno formato giovani calciatori e matura al momento della stipulazione di una tesseramento pluriennale. Tale premio ha il fine dichiarato di supportare ed incentivare la formazione di giovani calciatori e premiare le società dilettantistiche che si occupano di settore giovanile.

Il nuovo premio preparazione è entrato in vigore il 1 Luglio 2019 e per la stagione 2019-2020 è stato stabilito nella cifra di euro 556,00, mentre dal 1 Luglio 2020 è stato è stato aggiornato a Euro 554,00. Esiste poi una tabella che stabilisce i vari coefficienti che variano a seconda della categoria in cui milita la società che va a tesserare il ragazzo. Nel caso di Marco Romiti e della Lucchese in serie C, il coefficienti è di 11 punti, ripartiti 2,2 per ognuno dei cinque anni a ritrovo della sua esperienza calcistica. Il Luccasette secondo questo calcolo avrebbe avuto così diritto alla cifra di euro 556,00x2,2 da moltiplicare poi per le due stagioni in cui Romiti ha giocato con la sua maglia. Un totale di Euro 2446,4. Tutto questo solo per fare un esempio e far capire il funzionamento.

La norma dice chiaramente che le società che han diritto al suddetto premio hanno la possibilità di rinunciarvi o di trovare un accordo con le società tenute all'indennizzo sempre tenendo conto che tale diritto sarà prescritto nella stagione successiva a quella in cui è maturato. In caso di mancato accordo con le stesse, il club o i clubs che hanno contribuito alla formazione del calciatore possono far ricorso in primo grado alla Commissione Premi di Preparazione ed in secondo grado al Tribunale Federale sez. Vertenze Economiche.

Tutto questo per dimostrare e su questo non vi devono essere dubbi sul fatto che debba esistere una "forma di difesa" per le società che formano i calciatori, alle quali è giusto dare un indennizzo.

Qua però di passa alla seconda parte della vicenda e cioè sul fatto se il Luccasette aveva o meno il diritto di chiedere il premio preparazione.

La nuova versione dell'articolo 96 N.O.I.F. che permette solo alle società iscritte alla LND di riscuotere il premio di preparazione , influisce ovviamente sull'attività delle associazioni che svolgono attività a livello di settore giovanile e scolastico, le cosiddette "scuole calcio".  Fino all'introduzione della nuova norma, infatti, la scuola calcio che aveva formato il calciatore aveva diritto di beneficiare del premio quando il giovane si trasferiva dalla stessa ad un altro club professionistico o dilettantistico.

Dal 1° Luglio 2019 in poi le Scuole Calcio (oppure chiamiamole "Società pure") se vogliono continuare ad usufruire del premio di preparazione FIGC, devono necessariamente avere una Under 18, Under 19 o una squadra iscritta almeno alla Terza categoria, mentre coloro che hanno già una prima squadra in Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda restano beneficiari del premio, così come avveniva in passato.

Al fine di comprendere meglio la questione, è necessario riportare per completo l'art. 96 NOIF il quale afferma che "le società che richiedono per la prima volta il tesseramento come "giovane di serie" o "giovane dilettante" o "non professionista" di calciatori che nella precedente stagione sportiva siano stati tesserati come "giovani", con vincolo annuale, sono tenute a versare alle o alle società per le quali il calciatore è stato precedentemente tesserato un "premio di preparazione".

Appare evidente che il premio preparazione rappresenti una delle principali fonti di sostentamento per le piccole società calcistiche, ed in particolare per quelle dilettantistiche. Tale strumento è infatti di vitale importanza per monetizzare il lavoro svolto nel settore giovanile e rappresenta indubbiamente un forte incentivo alla formazione e all'addestramento tecnico dei giovani calciatori. Il Luccasette così, tornando alla vicenda specifica, aveva legittimamente il diritto di chiedere il premio, ma solo se non avesse cambiato il suo status nella nuova stagione 2020-2021. Non facendo attività a partire dalla Juniores, decade il suo essere "società iscritta alla LND" e dunque di averne il diritto. Questo è quanto viene sostenuto anche dall'Ufficio premi preparazione di Roma.

Lasciamo così il diritto e lo spazio alle interpretazioni che sempre ci sono. La sostanza della vicenda è che c'è stato un principio di non conoscenza, in primis dalla Lucchese, che doveva sapere questa cosa e non allacciare una "trattativa" con il Luccasette. A quest'ultima va dato beneficio della buona fede e di pensare di averne diritto.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Gino Mazzei il 25/09/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



La VIAREGGIO CUP fissa le DATE per l'edizione 2021

Dopo lo stop imposto forzatamente dalla drammatica situazione sanitaria nel marzo scorso, il Centro Giovani Calciatori – con uno slancio ottimistico per il futuro prossimo venturo – ha ufficializzato le date della prossima edizione della Viareggio Cup, la numero 72, per il 2021. La manifestazione si svolgerà dal 15 al 29 marzo e sarà riservata ...leggi
20/11/2020

VIDEO, CIRO CAPUANO e uno SPORTING PIETRASANTA che brucia le tappe

Un ex calciatore professionista dal passato importante, un club che voleva il rilancio in una piazza storica: Ciro Capuano, napoletano classe 1981, versiliese d'adozione, è il protagonista della crescita dello Sporting Pietrasanta guidato dallo storico presidente Serafino Coluccini. "E' nato tutto dal nulla - dice Capuano a TOSCANAGOL - da un incontro con...leggi
04/11/2020

Lo Stadio "NECCHI-BALLONI" affidato al FORTE DEI MARMI 2015

La Giunta Comunale di Forte dei Marmi con deliberazione n. 356 del 29 ottobre 2020 ha affidato ad A.S.D. Forte dei Marmi 2015 il servizio di apertura, chiusura, custodia, pulizia e manutenzione ordinaria dello stadio "Necchi-Balloni" per il periodo di un anno a decorrere dal 1 novembre 2020. "La gestione dello stadio è per noi significato di grande crescita e sicuramente ...leggi
02/11/2020

VIDEO, "Una decisione RIDICOLA, vanificati i SACRIFICI delle SOCIETA'"

Allibiti, sconcertati, delusi, amareggiati. Cosa fare di fronte a delle decisioni che arrivano dall'alto e che devi solo "subire". Andrea De Luca, direttore sportivo dell'Academy Folgor Marlia, è un tipo tosto abituato a lottare in ogni ambito della vita di tutti i giorni, ma su quanto deciso nel DPCM di domenica scorsa ...leggi
21/10/2020

"Come faccio ora a dire a miei RAGAZZI che non possono più GIOCARE"

E' un vero e proprio appello, accorato e ricco di passione, quello che il presidente dell'Academy Porcari Stefano Silla fa attraverso facebook al Sindaco del Comune Lorenzo Fornaciari dopo le notizie per cui si sarebbe fermata (o si starebbe per fermare) l'attività giovanile a livello provinciale. Silla non ci sta e chiede a Fornaciari di provare a fare ...leggi
20/10/2020

L'ACADEMY PORCARI si aggiudica la "SPORT CENTER CUP"

I Pulcini 2010 dell'Academy Porcari guidati da mister Pesi vincono la Sport Center Cup organizzata presso il centro sportivo Marco Polo di Viareggio. Nel girone Oro, quello delle finaliste, tre vittorie su tre incontri contro Pietrasanta (8-3, reti di Coppi, Momou, Davide Silla, Diego Silla (4) e Nini), San Giuliano (2-1, goals di Momou ed Annichiarico) e Pol. Monte Serra (2-1, reti di ...leggi
13/10/2020

VIDEO Gli ESORDIENTI 2008 dell'A. PORCARI vincono l'AUTUNNO GIALLOBLU

Bellissima vittoria degli Esordienti A 2008 dell'Academy Porcari nella finale del Torneo "Autunno Gialloblu" organizzato dal San Filippo. Partita vietata ai deboli di cuore, lottata in ogni zona del campo che ha visto prevalere la squadra dei mister Roberto Gigliotti e Massimo Ricci, che in poche settimane stanno plasmando un gruppo che darà tante soddisfazioni alla società...leggi
07/10/2020

Il CGC CAPEZZANO PIANORE cede un DIFENSORE ai PROFESSIONISTI

Ancora un "colpo" per il Cgc Capezzano Pianore, che perfeziona il passaggio del difensore classe 2004 Cesare Biasci al Pisa S.C. con la squadra Under 17. Per il forte difensore si tratta di un'opportunità e di un'occasione per mettere in mostra tutte le proprie capacità acquisite in questi anni di militanza con la società versiliese. Infatti Cesare Biasci nasce calc...leggi
07/10/2020

La PIEVE SAN PAOLO sta INVESTENDO sulla QUALITA' della SCUOLA CALCIO

Una giornata di formazione per gli istruttori della scuola calcio di Pieve San Paolo direttamente presso il campo sportivo. La giornata incentrata sul tema “La programmazione annuale della scuola calcio” organizzata dal responsabile Prof Di Bene Marco rappresenta un altro tassello dell’importante progetto messo in campo dalla società. L’A.S.D.Pie...leggi
01/10/2020


Il LUCCASETTE attacca ancora, ma le CARTE FEDERALI gli danno TORTO

Riceviamo e pubblichiamo un altro intervento del presidente del Luccasette Germano Barsali sulla vicenda che riguarda il giovane calciatore Marco Romiti: Sono purtroppo costretto a ritornare per la seconda volta sull'argomento per rettificare quanto riportato dal portale Toscanagol. La società Luccasette non ha richiesto nessun premio di preparazione a nessuno né ...leggi
28/09/2020

Il TAU ricorda PIERGIORGIO ZANI con un MEMORIAL

Appuntamento allo stadio di Altopascio per ricordare Piergiorgio Zani: un amico, un padre, un appassionato di calcio che ha lasciato un grande vuoto. Domani, sabato 26 settembre, e domenica 27 si giocherà infatti il 1° Memorial Piergiorgio Zani, organizzato dal Tau Calcio. Un weekend dedicato al ricordo di Piergiorgio, scomparso improvvisamente nel gennaio 20...leggi
25/09/2020


L'EMPOLI si aggiudica la 9a edizione della "CORDISCHI CUP"

È l’Empoli la squadra vincitrice della 9° Cordischi Cup, organizzata dal Tau Calcio e dedicata ai Giovanissimi B 2007. Gli azzurri vincono infatti per 2 a 1 contro il Pontedera, in una finale scoppiettante, degna conclusione di tre settimane di bel calcio toscano, vissuto ad Altopascio grazie alla 26a edizione del Trofeo Memorial Antonio Cordischi e all...leggi
24/09/2020

"A mio FIGLIO è stato IMPEDITO di GIOCARE con la squadra del CUORE"

Infranto il sogno di un ragazzo che desiderava giocare nella squadra del cuore. Così si potrebbe sintetizzare la brutta storia che Massimo Romiti, padre di Marco, classe 2005 (entrambi super tifosi della Lucchese), racconta con tanta amarezza e delusione. Partiamo dall’inizio, dal momento in cui la Lucchese tornata nei professionisti inizia ad allestire le squadre giovanili...leggi
23/09/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,13324 secondi