Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


Ecco perchè il LUCCASETTE non poteva chiedere il PREMIO PREPARAZIONE

La regola 96 delle NOIF è cambiata nel luglio 2019 e ora la società lucchese è di puro settore

Una cosa siamo sicuri in questa vicenda: che non sapremo mai come sarebbe andata a finire. Stiamo parlando di quanto sta tenendo desta l'attenzione dell'opinione pubblica (calcistica) in provincia di Lucca e non, riguarda il giovane calciatore classe 2005 Marco Romiti. (LEGGI QUA) (LEGGI QUA)

Sì, perchè la scelta di Marco di tornare alla sua società d'origine, il San Donato, chiude di fatto la possibilità di capire cosa sarebbe successo in caso di suo tesseramento da parte della Lucchese, nel caso in cui poi il Luccasette, società dove il ragazzo ha giocato per due stagioni, avesse richiesto la suo quota parte di spettanza del premio preparazione.

Infatti, per quello che stiamo sentendo e leggendo in questi giorni, ci sarebbe correnti di pensiero diverse, le classiche "interpretazioni" delle norme che spesso fanno la differenza quando si parla di giurisprudenza, in questo caso anche sportiva.

Cerchiamo però di fare chiarezza, magari per far sì che questa storia diventi un qualcosa di utile conoscenza per tutti coloro che sono gli addetti ai lavori.

Partiamo dalla cosa forse più banale: l'ignoranza delle cose. La Lucchese non sapeva che avrebbe potuto tesserare liberamente Romiti senza dover "trattare" il Luccasette. Quando l'ha scoperto ormai era tardi, perchè Romiti e la sua famiglia hanno deciso di tornare al San Donato e non sono tornati indietro. Da capire invece se il Luccasette sapeva o meno che, cambiando il suo status, da società dilettante a società pura, andava incontro a questa normativa che gli impedisce di avere il premio preparazione. Oppure, seppur sapendolo, aveva avuto rassicurazioni che i suoi diritti su Romiti non fossero cambiati.

Cerchiamo allora di capire la norma, spiegandola e poi ognuno tragga le sue considerazioni.

Il Consiglio Federale della FIGC infatti nella riunione del 30 Maggio 2019 ha introdotto tra le altre cose, la modifica dell'articolo 96 della NOIF (Norme organizzative interne federali), istituto fondamentale nella valorizzazione economica dei giovani calciatori. Tale modifica prevede che il premio di preparazione "spetti unicamente alle società della Lega Nazionale Dilettanti, per la valorizzazione di giovani calciatori passati dal vincolo annuale a quello pluriennale".

Le modifiche hanno riguardato anche altri aspetti del testo quali il numero delle squadre appartenenti alla Lega Nazionale Dilettanti che è passato da 2 a 3 ed anche l'arco temporale di formazione che è passato da 3 a 5 anni. Nello specifico, è stata stabilita per ognuno dei club coinvolti la ripartizione di una quota corrispondente ad un quinto dell'intero premio di preparazione.

Ma cos'è questo "benedetto" PREMIO PREPARAZIONE? E' il pagamento di una somma alle società che hanno formato giovani calciatori e matura al momento della stipulazione di una tesseramento pluriennale. Tale premio ha il fine dichiarato di supportare ed incentivare la formazione di giovani calciatori e premiare le società dilettantistiche che si occupano di settore giovanile.

Il nuovo premio preparazione è entrato in vigore il 1 Luglio 2019 e per la stagione 2019-2020 è stato stabilito nella cifra di euro 556,00, mentre dal 1 Luglio 2020 è stato è stato aggiornato a Euro 554,00. Esiste poi una tabella che stabilisce i vari coefficienti che variano a seconda della categoria in cui milita la società che va a tesserare il ragazzo. Nel caso di Marco Romiti e della Lucchese in serie C, il coefficienti è di 11 punti, ripartiti 2,2 per ognuno dei cinque anni a ritrovo della sua esperienza calcistica. Il Luccasette secondo questo calcolo avrebbe avuto così diritto alla cifra di euro 556,00x2,2 da moltiplicare poi per le due stagioni in cui Romiti ha giocato con la sua maglia. Un totale di Euro 2446,4. Tutto questo solo per fare un esempio e far capire il funzionamento.

La norma dice chiaramente che le società che han diritto al suddetto premio hanno la possibilità di rinunciarvi o di trovare un accordo con le società tenute all'indennizzo sempre tenendo conto che tale diritto sarà prescritto nella stagione successiva a quella in cui è maturato. In caso di mancato accordo con le stesse, il club o i clubs che hanno contribuito alla formazione del calciatore possono far ricorso in primo grado alla Commissione Premi di Preparazione ed in secondo grado al Tribunale Federale sez. Vertenze Economiche.

Tutto questo per dimostrare e su questo non vi devono essere dubbi sul fatto che debba esistere una "forma di difesa" per le società che formano i calciatori, alle quali è giusto dare un indennizzo.

Qua però di passa alla seconda parte della vicenda e cioè sul fatto se il Luccasette aveva o meno il diritto di chiedere il premio preparazione.

La nuova versione dell'articolo 96 N.O.I.F. che permette solo alle società iscritte alla LND di riscuotere il premio di preparazione , influisce ovviamente sull'attività delle associazioni che svolgono attività a livello di settore giovanile e scolastico, le cosiddette "scuole calcio".  Fino all'introduzione della nuova norma, infatti, la scuola calcio che aveva formato il calciatore aveva diritto di beneficiare del premio quando il giovane si trasferiva dalla stessa ad un altro club professionistico o dilettantistico.

Dal 1° Luglio 2019 in poi le Scuole Calcio (oppure chiamiamole "Società pure") se vogliono continuare ad usufruire del premio di preparazione FIGC, devono necessariamente avere una Under 18, Under 19 o una squadra iscritta almeno alla Terza categoria, mentre coloro che hanno già una prima squadra in Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda restano beneficiari del premio, così come avveniva in passato.

Al fine di comprendere meglio la questione, è necessario riportare per completo l'art. 96 NOIF il quale afferma che "le società che richiedono per la prima volta il tesseramento come "giovane di serie" o "giovane dilettante" o "non professionista" di calciatori che nella precedente stagione sportiva siano stati tesserati come "giovani", con vincolo annuale, sono tenute a versare alle o alle società per le quali il calciatore è stato precedentemente tesserato un "premio di preparazione".

Appare evidente che il premio preparazione rappresenti una delle principali fonti di sostentamento per le piccole società calcistiche, ed in particolare per quelle dilettantistiche. Tale strumento è infatti di vitale importanza per monetizzare il lavoro svolto nel settore giovanile e rappresenta indubbiamente un forte incentivo alla formazione e all'addestramento tecnico dei giovani calciatori. Il Luccasette così, tornando alla vicenda specifica, aveva legittimamente il diritto di chiedere il premio, ma solo se non avesse cambiato il suo status nella nuova stagione 2020-2021. Non facendo attività a partire dalla Juniores, decade il suo essere "società iscritta alla LND" e dunque di averne il diritto. Questo è quanto viene sostenuto anche dall'Ufficio premi preparazione di Roma.

Lasciamo così il diritto e lo spazio alle interpretazioni che sempre ci sono. La sostanza della vicenda è che c'è stato un principio di non conoscenza, in primis dalla Lucchese, che doveva sapere questa cosa e non allacciare una "trattativa" con il Luccasette. A quest'ultima va dato beneficio della buona fede e di pensare di averne diritto.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Gino Mazzei il 25/09/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



STEFANO ROSELLINI ha festeggiato 70 anni

E' stato ieri un giorno particolare per un personaggio molto conosciuto nella comunità di Altopascio in provincia di Lucca. E il Tau Calcio lo celebra con un bel post sulla sua pagina facebook che riprendiamo molto volentieri.   Iniziamo la settiman...leggi
11/05/2021

Il PIEVE FOSCIANA si muove: nuovo RESPONSABILE del SETTORE GIOVANILE

Ufficiale: Paolo Maggi è il nuovo responsabile del settore giovanile dell'ASD Pieve Fosciana. Tutta la società garfagnina dà il benvenuto a Paolo, sicura di aver trovato la persona giusta e affidabile per questo importante ruolo.   "Volevo ancora ringraziare la società - dice lo ste...leggi
05/05/2021

Nuovo DIESSE per la MARCO POLO SPORTS CENTER: arriva dal BEACH SOCCER

Calcio versiliese sempre più in ebollizione. Tanti i "movimenti" delle società che si stanno preparando per il futuro. Stavolta parliamo del Marco Polo Sports Center, realtà emergente nella città di Viareggio, che si sta allargando a macchia d'olio a livello giocanile. L'ultima notizia ...leggi
30/04/2021

SPORTING PIETRASANTA-VERSILIA: è FUSIONE!!!

La notizia circolava da tempo negli ambienti del calcio giovanile versiliese sempre più attivo e in movimento. Ora l'accordo è praticamente fatta, manca solo l'ufficializzazione e la presentazione. Si può però anticipare che SPORTING  PIETRASANTA e VERSILIA diventeranno un'unica società a partire dalla prossima stagione. La fusione riguarda così du...leggi
29/04/2021


"GIALLO" BONGIORNI a SERAVEZZA: sono DIMISSIONI o ESONERO?

Se Antonio Bongiorni appena due giorni fa (LEGGI QUA) aveva annunciato a TOSCANAGOL il suo addio al Seravezza Pozzi, ecco, a distanza di neppure quarantotto ore il comunicato stampa della società del presidente Vannucci che lo contraddice: in pratica Bongiorni aveva parlato di dimissioni, il Seravezza invece precisa il contrario, annunciando anche il nome del nuovo responsab...leggi
21/04/2021


"RIPARTIRE con certezze, ma abbiamo tante DOMANDE senza RISPOSTA"

Dopo che il Governo ha varato le nuove regole e si intravedono piccoli segni di speranza per la ripartenza, ecco ai  microfoni di TOSCANAGOL l'intervento di Matteo Landucci, da questa stagione segretario dell’Atletico Lucca.  Cosa pensa di questo periodo di obbligato e forzato stop per il calcio giovanile? ...leggi
19/04/2021

PORCARI, è già in rampa di lancio l'ACADEMY CAMP estivo

Una cosa che distingue il vulcanico patron Silla e il direttivo dell’Academy Porcari, nonostante il periodo complicato che stiamo attraversando, è l’entusiasmo nel programmare il futuro. Oltre al recente restyling dell’intera struttura, dal manto in erba sintetica di ultima generazione, nuovi spogliatoi, nuova area ristoro, all'inizio dei lavori volti a realizza...leggi
13/04/2021

BONGIORNI-SERAVEZZA, è già DIVORZIO?

L'articolo di TOSCANAGOL di questa mattina (LEGGI QUA) ha avuto alcune ripercussioni. Da tempo infatti, nell'ambiente calcistico versiliese, gira la voce di un possibile addio (dopo appena una stagione, neppure poi giocata...) di Antonio Bongiorni dall'incarico di resp...leggi
29/03/2021

CGC CAPEZZANO alla ricerca di un NUOVO RESPONSABILE TECNICO

A Capezzano Pianore si pensa a programmare il futuro. L’incertezza del momento non ferma il lavoro della società del presidente Ivo Coli da anni in prima fila nel calcio giovanile e poi fortemente cresciuta anche nel settore dilettantistico con la prima squadra salita fino alla categoria della Promozione. Tanti ragazzi sono passati in questi anni dal Capezzano che prima ave...leggi
29/03/2021

VIDEO, lo STADIO di PORCARI e la SINERGIA tra PUBBLICO e PRIVATO

Lo stadio comunale di Porcari 'si è fatto bello'. A febbraio sono stati ultimati i lavori di efficientamento energetico e con i primi giorni di marzo è stata completata la posa del manto sintetico sugli oltre 7000 metri quadrati di campo da gioco. Un restyling ambizioso per un impianto sportivo che si candida così a divenire punta di diamante per il calcio dilettant...leggi
12/03/2021

VIDEO: "Ora è IMPENSABILE RIPARTIRE, ma dobbiamo PENSARCI lo STESSO"

Interessante chiacchierata con Maurizio Matteoni, responsabile organizzativo del Tau Calcio Altopascio, per analizzare il difficile momento che tutti stiamo vivendo. Il calcio giovanile è fermo ancora e non si vede il "margine" per una ripartenza, almeno nel breve periodo. Matteoni è al suo posto di lavoro come sempre. "Noi si continua a lavorare in ogni caso. Non ...leggi
05/03/2021

Niente da fare: VIAREGGIO CUP rinviata

Una situazione che ancora non trova sbocchi e allora gli organizzatori della VIAREGGIO CUP decidono di rinviare la disputa dell'edizione 2021.  Ecco il comunicato del Cgc Viareggio: Purtroppo il perdurare dell'emergenza sanitaria dovuta alla pandemia da Covid-19, caratterizzata in questo periodo dalla proclamazione della Toscana quale zona arancione per le prossime settiman...leggi
22/02/2021

VIDEO, allo STADIO di PORCARI stesi i primi ROTOLI di ERBA SINTETICA

Ora ci siamo davvero. Torna il sole a splendere e finalmente siamo arrivati alla parte finale dei lavori che arriveranno a dotare lo stadio di Porcari di un bellissimo terreno in erba sintetica. I primi rotoli sono stati stesi questa mattina sotto gli occhi vigili del presidente dell’Academy Porcari Stefano Silla, colui che con tanto impegno ha voluto e sempre creduto nella r...leggi
02/02/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08006 secondi