Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


"A mio FIGLIO è stato IMPEDITO di GIOCARE con la squadra del CUORE"

Un padre racconta la brutta storia dei premi preparazione da pagare per essere tesserati nei professionisti

Infranto il sogno di un ragazzo che desiderava giocare nella squadra del cuore. Così si potrebbe sintetizzare la brutta storia che Massimo Romiti, padre di Marco, classe 2005 (entrambi super tifosi della Lucchese), racconta con tanta amarezza e delusione.

Partiamo dall’inizio, dal momento in cui la Lucchese tornata nei professionisti inizia ad allestire le squadre giovanili e chiede al San Donato, società dove Marco Romiti ha giocato negli ultimi tre anni, di poter portare in rossonero l’attaccante capace di segnare tanti gol. Una proposta accolta in maniera entusiasta sia dalla famiglia Romiti, sia dallo stesso club orgoglioso di aver formato un ragazzo per il calcio professionistico.

Trovato l’accordo con il San Donato, i primi di luglio si viene a sapere che ci potrebbero essere problemi di tesseramento con il Luccasette, società dove Marco ha giocato fino all’età di dodici anni. “Ci sono delle norme federali, articolo 96 delle N.O.I.F. – racconta babbo Massimo – che prevedono la possibile richiesta di un “premio di preparazione” da parte delle società in cui il ragazzo ha militato nelle cinque stagioni precedenti verso il club professionistico. Vengo così a sapere dalla Lucchese che il Luccasette non aveva intenzione di dare una liberatoria senza il pagamento del corrispettivo di 2500 euro”.

E qua scoppia la grana. “La Lucchese alla fine di un’estenuante trattativa con il Luccasette è arrivata a proporre il pagamento immediato di 500 euro e un diritto di riscatto di 2000 euro al termine della stagione. Una proposta non accettata”.

Nel frattempo Marco aveva iniziato la preparazione con la nuova squadra degli Allievi nazionale 2004/2005 della Lucchese, trovandosi subito bene con i compagni e con l’allenatore Davide Guasti. Al momento in cui c’è stato da tesserarlo ufficialmente, la Lucchese ha spiegato al padre di Marco di non poterlo fare per il mancato accordo con il Luccasette. “Alla luce di questa situazione, ho cercato di capire anche con amici che ho nel settore, quali sono le prassi usate e ho scoperto che in questi casi, spesso è il genitore che si va a sostituire al club professionistico, “liberando” il figlio con un suo personale esborso. Ne abbiamo parlato in famiglia e lo stesso Marco ha detto esplicitamente che non era la maniera per risolvere, dimostrandosi prima uomo che calciatore, mostrandosi disponibile a rinunciare alla Lucchese e tornare al San Donato”.

Una scelta controcorrente che Massimo Romiti e la sua famiglia rivendicano con orgoglio. “Che insegnamento diamo ai nostri ragazzi se i genitori pagano per farli giocare in un club professionistico? Sto scoprendo che in questo ambiente purtroppo avviene ed è una logica che non accetto. Marco ha rinunciato al sogno della sua vita perché il Luccasette si è irrigidito non accettando la proposta della Lucchese”.

Dopo il danno però la beffa, perché Romiti padre scopre nei giorni successivi che il Luccasette non aveva diritto a richiedere il premio preparazione. “Dopo varie ricerche, ho chiamato direttamente la Commissione Premi preparazione della F.I.G.C. di Roma che mi ha comunicato il fatto che nella corrente stagione 2020-2021 il Luccasette (matricola 750668) è “società di puro settore giovanile” e quindi non poteva chiedere il premio”.

Le considerazioni sono davvero amare e Romiti le sottolinea. “Il comportamento dei soggetti in causa mi fa davvero pensare. Perché il Luccasette ha preteso per mio figlio una somma di denaro che non aveva alcun diritto di esigere? La stessa Lucchese doveva secondo me avere maggiore professionalità nel trattare questo argomento, visti i tanti problemi che so aver avuto per allestire le squadre con ragazzi presi da altre realtà”.

C’è poi la componente ragazzo e il “danno” che viene fatto sulla sua pelle. “Mio figlio ha dimostrato una maturità fuori dal comune perché non era facile lasciare tutto come ha fatto ed andare a giocare in un campionato provinciale con gli amici del cuore. Di fatto però, ha perso un’occasione che spero un domani possa riavere. Ma nella vita prima bisogna essere uomini”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/09/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



"Come faccio ora a dire a miei RAGAZZI che non possono più GIOCARE"

E' un vero e proprio appello, accorato e ricco di passione, quello che il presidente dell'Academy Porcari Stefano Silla fa attraverso facebook al Sindaco del Comune Lorenzo Fornaciari dopo le notizie per cui si sarebbe fermata (o si starebbe per fermare) l'attività giovanile a livello provinciale. Silla non ci sta e chiede a Fornaciari di provare a fare ...leggi
20/10/2020

L'ACADEMY PORCARI si aggiudica la "SPORT CENTER CUP"

I Pulcini 2010 dell'Academy Porcari guidati da mister Pesi vincono la Sport Center Cup organizzata presso il centro sportivo Marco Polo di Viareggio. Nel girone Oro, quello delle finaliste, tre vittorie su tre incontri contro Pietrasanta (8-3, reti di Coppi, Momou, Davide Silla, Diego Silla (4) e Nini), San Giuliano (2-1, goals di Momou ed Annichiarico) e Pol. Monte Serra (2-1, reti di ...leggi
13/10/2020

VIDEO Gli ESORDIENTI 2008 dell'A. PORCARI vincono l'AUTUNNO GIALLOBLU

Bellissima vittoria degli Esordienti A 2008 dell'Academy Porcari nella finale del Torneo "Autunno Gialloblu" organizzato dal San Filippo. Partita vietata ai deboli di cuore, lottata in ogni zona del campo che ha visto prevalere la squadra dei mister Roberto Gigliotti e Massimo Ricci, che in poche settimane stanno plasmando un gruppo che darà tante soddisfazioni alla società...leggi
07/10/2020

Il CGC CAPEZZANO PIANORE cede un DIFENSORE ai PROFESSIONISTI

Ancora un "colpo" per il Cgc Capezzano Pianore, che perfeziona il passaggio del difensore classe 2004 Cesare Biasci al Pisa S.C. con la squadra Under 17. Per il forte difensore si tratta di un'opportunità e di un'occasione per mettere in mostra tutte le proprie capacità acquisite in questi anni di militanza con la società versiliese. Infatti Cesare Biasci nasce calc...leggi
07/10/2020

La PIEVE SAN PAOLO sta INVESTENDO sulla QUALITA' della SCUOLA CALCIO

Una giornata di formazione per gli istruttori della scuola calcio di Pieve San Paolo direttamente presso il campo sportivo. La giornata incentrata sul tema “La programmazione annuale della scuola calcio” organizzata dal responsabile Prof Di Bene Marco rappresenta un altro tassello dell’importante progetto messo in campo dalla società. L’A.S.D.Pie...leggi
01/10/2020


Il LUCCASETTE attacca ancora, ma le CARTE FEDERALI gli danno TORTO

Riceviamo e pubblichiamo un altro intervento del presidente del Luccasette Germano Barsali sulla vicenda che riguarda il giovane calciatore Marco Romiti: Sono purtroppo costretto a ritornare per la seconda volta sull'argomento per rettificare quanto riportato dal portale Toscanagol. La società Luccasette non ha richiesto nessun premio di preparazione a nessuno né ...leggi
28/09/2020

Il TAU ricorda PIERGIORGIO ZANI con un MEMORIAL

Appuntamento allo stadio di Altopascio per ricordare Piergiorgio Zani: un amico, un padre, un appassionato di calcio che ha lasciato un grande vuoto. Domani, sabato 26 settembre, e domenica 27 si giocherà infatti il 1° Memorial Piergiorgio Zani, organizzato dal Tau Calcio. Un weekend dedicato al ricordo di Piergiorgio, scomparso improvvisamente nel gennaio 20...leggi
25/09/2020



L'EMPOLI si aggiudica la 9a edizione della "CORDISCHI CUP"

È l’Empoli la squadra vincitrice della 9° Cordischi Cup, organizzata dal Tau Calcio e dedicata ai Giovanissimi B 2007. Gli azzurri vincono infatti per 2 a 1 contro il Pontedera, in una finale scoppiettante, degna conclusione di tre settimane di bel calcio toscano, vissuto ad Altopascio grazie alla 26a edizione del Trofeo Memorial Antonio Cordischi e all...leggi
24/09/2020

Il PONTEDERA si aggiudica il Memorial "Antonio CORDISCHI"

Lo stadio di Altopascio si tinge di colore amaranto: sono i Giovanissimi B 2007 del Pontedera a vincere la 26° edizione del Trofeo Memorial Antonio Cordischi, organizzato dal Tau Calcio Altopascio. Una vittoria che non solo consacra il team, ma che consegna ai ragazzi il pass per accedere alla Cordischi Cup che si terrà sempre ad Altopascio sabato 19 e domen...leggi
18/09/2020

VIDEO ALLIEVI ELITE: "Ci attende un GIRONE davvero DIFFICILE"

Un gruppo davvero interessante atteso però dalle difficoltà di un girone Elite regionale. Stiamo parlando degli Allievi del Forte dei Marmi brillanti protagonisti del SETTEMBRE LUCCHESE dove hanno ottenuto due vittorie nel girone di qualificazione arrivando con il vento in poppa nei quarti di finale.  Al termine della gara di Marlia abbiamo intervistato il tecnico ver...leggi
18/09/2020

Sestese-Pontedera è la FINALE del "26° Memorial Antonio Cordischi"

Saranno la Sestese e il Pontedera a contendersi la finalissima del 26° Memorial Antonio Cordischi organizzato dal Tau Calcio Altopascio. La Sestese, infatti, ha vinto per 1 a 0 contro la Pistoiese nelle semifinali di ieri, martedì 15 settembre, mentre i padroni di casa sono stati battuti dal Pontedera per 4 a 1. ...leggi
16/09/2020

Memorial "Antonio CORDISCHI", ecco chi sono le SEMIFINALISTE

Due dilettantistiche e due professionistiche: le semifinali del 26° Memorial Antonio Cordischi, organizzato dal Tau Calcio Altopascio, porta sul sintetico della cittadina del Tau quattro squadre eccellenti: il Tau Calcio, la Sestese, la Pistoiese e il Pontedera. Nella giornata di domenica 13 settembre i padroni di casa hanno battuto per 3 a 0 l'Aquila Sant'Anna mentre il Ponted...leggi
15/09/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,10202 secondi