Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


"A mio FIGLIO è stato IMPEDITO di GIOCARE con la squadra del CUORE"

Un padre racconta la brutta storia dei premi preparazione da pagare per essere tesserati nei professionisti

Infranto il sogno di un ragazzo che desiderava giocare nella squadra del cuore. Così si potrebbe sintetizzare la brutta storia che Massimo Romiti, padre di Marco, classe 2005 (entrambi super tifosi della Lucchese), racconta con tanta amarezza e delusione.

Partiamo dall’inizio, dal momento in cui la Lucchese tornata nei professionisti inizia ad allestire le squadre giovanili e chiede al San Donato, società dove Marco Romiti ha giocato negli ultimi tre anni, di poter portare in rossonero l’attaccante capace di segnare tanti gol. Una proposta accolta in maniera entusiasta sia dalla famiglia Romiti, sia dallo stesso club orgoglioso di aver formato un ragazzo per il calcio professionistico.

Trovato l’accordo con il San Donato, i primi di luglio si viene a sapere che ci potrebbero essere problemi di tesseramento con il Luccasette, società dove Marco ha giocato fino all’età di dodici anni. “Ci sono delle norme federali, articolo 96 delle N.O.I.F. – racconta babbo Massimo – che prevedono la possibile richiesta di un “premio di preparazione” da parte delle società in cui il ragazzo ha militato nelle cinque stagioni precedenti verso il club professionistico. Vengo così a sapere dalla Lucchese che il Luccasette non aveva intenzione di dare una liberatoria senza il pagamento del corrispettivo di 2500 euro”.

E qua scoppia la grana. “La Lucchese alla fine di un’estenuante trattativa con il Luccasette è arrivata a proporre il pagamento immediato di 500 euro e un diritto di riscatto di 2000 euro al termine della stagione. Una proposta non accettata”.

Nel frattempo Marco aveva iniziato la preparazione con la nuova squadra degli Allievi nazionale 2004/2005 della Lucchese, trovandosi subito bene con i compagni e con l’allenatore Davide Guasti. Al momento in cui c’è stato da tesserarlo ufficialmente, la Lucchese ha spiegato al padre di Marco di non poterlo fare per il mancato accordo con il Luccasette. “Alla luce di questa situazione, ho cercato di capire anche con amici che ho nel settore, quali sono le prassi usate e ho scoperto che in questi casi, spesso è il genitore che si va a sostituire al club professionistico, “liberando” il figlio con un suo personale esborso. Ne abbiamo parlato in famiglia e lo stesso Marco ha detto esplicitamente che non era la maniera per risolvere, dimostrandosi prima uomo che calciatore, mostrandosi disponibile a rinunciare alla Lucchese e tornare al San Donato”.

Una scelta controcorrente che Massimo Romiti e la sua famiglia rivendicano con orgoglio. “Che insegnamento diamo ai nostri ragazzi se i genitori pagano per farli giocare in un club professionistico? Sto scoprendo che in questo ambiente purtroppo avviene ed è una logica che non accetto. Marco ha rinunciato al sogno della sua vita perché il Luccasette si è irrigidito non accettando la proposta della Lucchese”.

Dopo il danno però la beffa, perché Romiti padre scopre nei giorni successivi che il Luccasette non aveva diritto a richiedere il premio preparazione. “Dopo varie ricerche, ho chiamato direttamente la Commissione Premi preparazione della F.I.G.C. di Roma che mi ha comunicato il fatto che nella corrente stagione 2020-2021 il Luccasette (matricola 750668) è “società di puro settore giovanile” e quindi non poteva chiedere il premio”.

Le considerazioni sono davvero amare e Romiti le sottolinea. “Il comportamento dei soggetti in causa mi fa davvero pensare. Perché il Luccasette ha preteso per mio figlio una somma di denaro che non aveva alcun diritto di esigere? La stessa Lucchese doveva secondo me avere maggiore professionalità nel trattare questo argomento, visti i tanti problemi che so aver avuto per allestire le squadre con ragazzi presi da altre realtà”.

C’è poi la componente ragazzo e il “danno” che viene fatto sulla sua pelle. “Mio figlio ha dimostrato una maturità fuori dal comune perché non era facile lasciare tutto come ha fatto ed andare a giocare in un campionato provinciale con gli amici del cuore. Di fatto però, ha perso un’occasione che spero un domani possa riavere. Ma nella vita prima bisogna essere uomini”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/09/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



TAU, ripartiti gli ALLENAMENTI anche del SETTORE GIOVANILE

Il Tau Calcio Altopascio comunica la decisione di tornare in campo anche con i ragazzi del settore giovanile. Ecco il comunicato della società:   "Anche per la settimana dal 18 al 22 gennaio possiamo tornare in campo con le attività di base, ment...leggi
19/01/2021


Il TAU CALCIO ALTOPASCIO riparte con l'ATTIVITA'

Il Tau Calcio Altopasco annuncia la ripresa dell'attività dei propri tesserati. Ecco il comunicato pubblicato sulla pagina facebook del club del presidente Antonello Semplicioni:   Abbiamo deciso di riaprire le nostre porte alle attività della Sc...leggi
09/01/2021

VIDEO: "RAGAZZI non MOLLATE, è la PARTITA più IMPORTANTE da VINCERE"

E' voluto venire a trovarci in redazione spinto dalla voglia di lanciare un messaggio per tutti coloro che in questo momento non possono fare attività sportiva. Manuel Ricci, lucchese di San Pietro a Vico, salito alla ribalta della cronaca per la sua partecipazione alle "Speciali Olympics" con la Nazionale Italiana di bowling, è un grande sportivo, tifoso del Milan e di tutte le d...leggi
08/01/2021

Un NATALE stile DRIVE IN per i ragazzi dell'ATLETICO LUCCA

Quando si deve fare di necessità....virtù. Ecco cosa si sono "inventati" i dirigenti dell'Atletico Lucca per gli auguri natalizi ai propri tesserati in tempo di covid 19. Una vero e proprio "drive in" improvvisato sulla pista ciclistica del campo "Henderson" abilmente sfruttata per il passaggio delle auto dei genitori dei ragazzi. Il tutto per rispettare una tradizione che la soci...leggi
28/12/2020


"Fate i NOMI e i COGNOMI dei DIESSE che ora fanno MERCATO"

Da qualche mese ha fatto nascere insieme ad alcuni colleghi una vera e propria chat su whatsapp dove interagiscono circa 200 direttori sportivi e dirigenti del calcio toscano. Antonio Bongiorni, 73 anni, personaggio storico del calcio toscano e italiano, grande talent scout, ha letto l'articolo di TOSCANAGOL ...leggi
15/12/2020

DI BENE tiene un VIDEO LEZIONE con gli ISTRUTTORI della PIEVE S. PAOLO

Nonostante le restrizioni imposte dai recenti DPCM, le attività di formazione per gli istruttori della scuola calcio della Pieve San Paolo continuano anche a distanza. Il responsabile Prof Marco Di Bene ha svolto una video lezione con tutti gli istruttori collegati trattando il tema “l’esercitazione tecnica analitica o situazionale?”. Forti di un gruppo giovane,...leggi
03/12/2020

Il TAU piange la SCOMPARSA di un suo STORICO COLLABORATORE

Lutto in casa Tau Calcio Altopascio per la scomparsa di Giuliano Mastrandrea, 74 anni, da diversi anni dirigente accompagnatore e collaboratore della società della provincia di Lucca. "Giulianone", coeì veniva chiamato, era di Empoli ed aveva seguito in passato la squadra Allievi. Nell'ultima stagion...leggi
30/11/2020

VIDEO, l'ACADEMY PORCARI dice NO alla VIOLENZA sulle DONNE

Sensibilizzare le nuove generazioni su un tema sempre più scottante e sul quale è fondamentale dover porre l'attenzione. Mercoledì 25 novembre si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne. Una data scelta dall'Assemblea dell'ONU per ricordare il sacrificio delle sorelle Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal, uccise dagli a...leggi
25/11/2020

La VIAREGGIO CUP fissa le DATE per l'edizione 2021

Dopo lo stop imposto forzatamente dalla drammatica situazione sanitaria nel marzo scorso, il Centro Giovani Calciatori – con uno slancio ottimistico per il futuro prossimo venturo – ha ufficializzato le date della prossima edizione della Viareggio Cup, la numero 72, per il 2021. La manifestazione si svolgerà dal 15 al 29 marzo e sarà riservata ...leggi
20/11/2020

VIDEO, CIRO CAPUANO e uno SPORTING PIETRASANTA che brucia le tappe

Un ex calciatore professionista dal passato importante, un club che voleva il rilancio in una piazza storica: Ciro Capuano, napoletano classe 1981, versiliese d'adozione, è il protagonista della crescita dello Sporting Pietrasanta guidato dallo storico presidente Serafino Coluccini. "E' nato tutto dal nulla - dice Capuano a TOSCANAGOL - da un incontro con...leggi
04/11/2020

Lo Stadio "NECCHI-BALLONI" affidato al FORTE DEI MARMI 2015

La Giunta Comunale di Forte dei Marmi con deliberazione n. 356 del 29 ottobre 2020 ha affidato ad A.S.D. Forte dei Marmi 2015 il servizio di apertura, chiusura, custodia, pulizia e manutenzione ordinaria dello stadio "Necchi-Balloni" per il periodo di un anno a decorrere dal 1 novembre 2020. "La gestione dello stadio è per noi significato di grande crescita e sicuramente ...leggi
02/11/2020

VIDEO, "Una decisione RIDICOLA, vanificati i SACRIFICI delle SOCIETA'"

Allibiti, sconcertati, delusi, amareggiati. Cosa fare di fronte a delle decisioni che arrivano dall'alto e che devi solo "subire". Andrea De Luca, direttore sportivo dell'Academy Folgor Marlia, è un tipo tosto abituato a lottare in ogni ambito della vita di tutti i giorni, ma su quanto deciso nel DPCM di domenica scorsa ...leggi
21/10/2020

"Come faccio ora a dire a miei RAGAZZI che non possono più GIOCARE"

E' un vero e proprio appello, accorato e ricco di passione, quello che il presidente dell'Academy Porcari Stefano Silla fa attraverso facebook al Sindaco del Comune Lorenzo Fornaciari dopo le notizie per cui si sarebbe fermata (o si starebbe per fermare) l'attività giovanile a livello provinciale. Silla non ci sta e chiede a Fornaciari di provare a fare ...leggi
20/10/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07018 secondi