Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


"Vorrei tornare in CAMPO, ma non credo sarà POSSIBILE"

La rassegnazione di Michel Cruciani, capitano della Lucchese in serie D

In un momento così particolare e doloroso che ha colpito la Nazione, non è facile parlare di calcio giocato: la Redazione di TuttoSerieD, ha intercettato uno dei protagonisti del Girone A, Michel Cruciani, esperto centrocampista della Lucchese per capire il suo punto di vista in merito a questa situazione: “I primi pensieri vanno sicuramente alle persone che stanno soffrendo. Stando a casa guardi sempre news e il telegiornale. Purtroppo anche se in questo momento la situazione pian piano migliora, ci sono sempre bruttissime notizie. Si pensa sempre alle persone che non ce l’hanno fatta e agli infermieri e ai dottori che stanno dando la loro vita per salvare le persone. Un altro pensiero va anche alla mia compagna che è incinta con la speranza che vada tutto bene”.

RIPRESA - “Tutti quanti vorremmo ripartire, la speranza è quella che domani mattina possa arrivare la chiamata e puoi rimettere gli scarpini e ricominciare a correre perché è il nostro lavoro, la nostra vita e siamo cresciuti con questo mestiere. E se ci togli questa cosa siamo i primi penalizzati. Però ci vuole anche un minimo di buon senso nel capire le cose: ci saranno difficoltà anche in Serie A nell’attuare queste norme e provare a far ripartire il calcio che andrà avanti per due fattori. 1) perché ci sono gli imprenditori che ci mettono i soldi; 2) i tifosi, che sono il motore di ogni squadra: se mancano queste due cose è difficile parlarne. Poi in Serie D è ancor più complicato: è difficile trovare stadi, in quanto si va a giocare in campi dove gli spogliatoi sono piccoli, dove la sanità non c’è e tantissime cose non sono a norma. Non credo che ci siano le possibilità di poter ricominciare nel nostro campionato. Allo stesso tempo ci vorrebbe da tante persone: che siano direttori o presidenti, nel parlare in maniera corretta. Si leggono tante situazioni, in merito ai mancati pagamenti degli stipendi anche da ottobre o da dicembre, quindi se ne approfittano di questa situazione. Dovrebbero prima pensare a mettere questo a posto con i calciatori, anche perchè noi con questo ci viviamo: la famiglia, i mutui… e poi dopo si può parlare di calcio. Spero che la gente ragioni prima di parlare. Per il campionato, se non dovesse riprendere, e si opterebbe per la cristallizzazione delle classifiche, innanzitutto stiamo parlando di una pandemia… e poi cosa è giusto? Chi è primo (non perché lo siamo noi, chi mi conosce sa che sono fatto così), e ha un merito è giusto che salga. Non vedo altre soluzioni, anche perché mettere tutti d’accordo è impossibile, partiranno cause e ci saranno conseguenze in qualsiasi modo. Ringraziando Dio, sono in una società seria: è normale che anche loro in questo momento sono fermi, ma ci hanno rassicurato e non ci saranno problemi sui pagamenti. Ne sono certo”.

STIPENDI“Serve un accordo tra le parti: sono contento che alcuni miei compagni, nonostante questa situazione, stanno prendendo gli stipendi e questo mi fa piacere. Bisogna sicuramente elogiare queste società, allo stesso tempo bisognerebbe andare incontro ad altri club per cercare di perdere meno società possibili, evitando l’iscrizione al campionato per esempio. Modi ce ne sono, però in ogni caso le stesse, devono garantire un tot di stipendi e questo sarebbe giusto nei nostri confronti, perché senza di noi non ci sarebbe calcio. Deve prevalere il buon senso, come ad esempio da parte che so che posso rinunciare a qualcosa ma allo stesso tempo dalla società a venirmi incontro. E soprattutto accetteremo qualsiasi decisione prenda la Federazione”.

STAGIONE - “Per quello che è successo (prematura scomparsa della figlia ndr), il primo pensiero è stato di smettere. Non posso andare avanti, dicevo, ma grazie alla mia compagna e al mio lavoro, riuscivo a non pensare e quell’ora e mezza di allenamento mi portava via dalla realtà, a sfogarmi e togliermi questi brutti pensieri. Mi fa piacere che possa essere di esempio a qualcuno, però credo che sia l’unico modo per andare avanti, perché perdere una parte importante della tua vita non è semplice. Io credo in qualcosa e sono sicuro che lei mi sta guardando da lassù e mi sta dando tanta forza. Ringraziando Iddio questa cosa è combaciata con un gran campionato, poi dopo un inizio così-così, ci siamo ripresi alla grande e abbiamo conquistato il primo posto. Ho fatto forse una delle migliori annate, e probabilmente ho avuto una spinta in più… questo non lo so. Nella sfortuna sono stato fortunato nel trovare questa forza. Se dovessimo vincere il campionato, sarà il mio regalo per lei, ma anche per la mia compagna che mi è stata vicina e mi darà la gioia di diventare nuovamente papà. In ogni caso, ringrazio e sono orgoglioso di far parte di questa società che è composta da persone vere e spero di rimanere a lungo… e se loro vorranno anche chiudere la carriera qui. Non può essere l'unica soluzione, rigiocare per riprendere i soldi”.

MESSAGGIO“Ai tifosi, mi auguro di ritrovarli prima possibile, ma non solo nel calcio, con la speranza di riprenderci la vita in mano. Sarebbe bello festeggiare qualcosa di importante. Mi auguro che si possa cambiare, anche nel mondo dei dilettanti, perché non lo siamo e questo è un lavoro vero e proprio. Sarebbe giusto tutelare questa Serie D, facendo delle nuove regole che si avvicinino il più possibile al professionismo”.

fonte tuttoseried.com

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 22/04/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



DOLORE per l'improvvisa scomparsa del giovane padre di un CALCIATORE

Lavorava come magazziniere nello stabilimento LUCART di Porcari (Lucca). E proprio qua, questa mattina, ha avuto un malore improvviso Massimo Del Dotto, 52 anni, soccorso poi vanamente dai colleghi di lavoro che l'avevano visto accasciarsi a terra.  Massimo Del Dotto viveva a Saltocchio ed era molto conosciuto nell'ambiente calcistico per essere tifoso della Lucchese, nonch&eg...leggi
18/06/2020


CALCIO in LUTTO per la SCOMPARSA del presidente del BARGA

Lutto nel mondo del calcio. E' scomparso all'età di 85 anni Guido Mori, da tanti anni dirigente prima e presidente poi del Barga, storico club della provincia di Lucca.  Ecco il toccante saluto del figlio Leonardo. "Oggi, il nostro presidente ci ha lasciato, “Il Nonno” ha attaccato le scarpette al chiodo. In qualità di presidente facen...leggi
16/06/2020

Si torna a "PARLARE" di CALCIO a VIAREGGIO: ecco le NOVITA'

Il Marco Polo Sports Center e lo Sporting Viareggio 86 hanno raggiunto un accordo di collaborazione finalizzato al rilancio del calcio a Viareggio. Due società ormai radicate sul territorio, che partono dalla volontà di garantire ai giovani di Viareggio la possibilità di avviarsi alla pratica del calcio fin dalla giovane et&...leggi
16/06/2020

Indagine della PROCURA: terremoto nel CALCIO TOSCANO

Un nuovo terremoto fa tremare il calcio dilettantistico toscano. L’epicentro è a Viareggio: è qui che la procura di Lucca contesta alla spina dorsale della defunta società bianconera costituita nel 2014, niente meno che l’associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva. Nella stagione 2018-2019, quella conclusasi con...leggi
12/06/2020

Lutto nel CALCIO GARFAGNINO per la scomparsa di MARCO CAVILLI

Grande tristezza in Garfagnana ma in tutto il calcio della provincia di Lucca per la prematura scomparsa di Marco Cavilli, per tanti anni importante dirigente del Castelnuovo Garfagnana e molto conosciuto. Lottava contro una brutta malattia da parecchio tempo. Questo il triste conunicato della società gialloblù: "La nostra società si unisce al dolore della f...leggi
28/05/2020

VIDEO, vanno a RUBA le MASCHERINE PERSONALIZZATE della LUCCHESE

Vendute in appena tre ore oltre 1000 mascherine rossonere anti Covid-19. Un successo enorme, che va al di là delle più rosee aspettative della Lucchese e che testimonia l'entusiasmo della città verso la squadra protagonista di una stagione esemplare conclusa con la promozione in C. In considerazione dell'eccezionale trend la società ha già ordinato altre 2000 ...leggi
26/05/2020

Il LAMMARI cerca PARTNERS per proseguire la sua ATTIVITA'

E' una delle società storiche del calcio nella provincia di Lucca. Per anni il "miracolo" Lammari si è confrontato con realtà cittadine e di livello in Eccellenza, poi un inevitabile ridimensionamento, la retrocessione in Promozione e una dura gavetta anche in questa categoria. Nel frattempo una squadra Juniores sempre protagonista a livello regionale con un gruppo di ragaz...leggi
25/05/2020

E' morto il padre dell'ex arbitro e dirigente CARLO DINELLI

E' scomparso questo pomeriggio Silvano Dinelli, padre di Carlo, ex arbitro con presenze in serie A e in passato dirigente di società come Castelnuovo e Ghiviborgo. Silvano Dinelli aveva 95 e si è spento all'ospedale di Lucca dove era stato trasportato nella tarda mattinata. I funerali si terranno lunedì 25 Maggio alle ore 17 presso la Chiesa di Vorno. AL...leggi
23/05/2020

A BARGA partiti i lavori per il RIFACIMENTO del TERRENO da GIOCO

Per l'A.S.D.  Barga questa è una settimana speciale perché per la prima volta dopo 40 anni viene rifatto tutto il terreno di gioco del campo, il “Johnny Moscardini“. Questo è stato possibile grazie al contributo di sponsorizzazione che l'azienda Sipack di Barga ci garantisce anche quest'anno. Sipack è un'azienda del territorio specializzata n...leggi
20/05/2020


MORGIA e gli INVISIBILI del CALCIO:"Quei DILETTANTI ora senza TUTELA"

Romano di nascita, ma toscano ormai d'adozione (vive a Lucca da tanti anni), Massimo Morgia è molto conosciuto nella nostra regione, avendo allenato tra l'altro il Pisa, la Pistoiese e la Robur Siena. Nei giorni scorsi è stato intervistato da Enrico Currò di REPUBBLICA dove sono stati toccati alcuni concetti davvero importanti. I suoi 69 anni M...leggi
07/05/2020

CALCIO LUCCHESE in LUTTO per la SCOMPARSA di uno STORICO DIRIGENTE

E' un momento davvero difficile per tutti. Oltre all'emergenza coronavirus, ci sono altri mali, come quello che ha colpito Luciano Dini, per anni attivo dirigente della società lucchese del Lucca 7, scomparso all'età di 64 anni.  Nelle due FOTO che abbiamo messo qua, IN ALTO, quella al "Ciocco" con la squadra del 1984 dove giocava il figlio Luca e di cui Luciano (&egr...leggi
07/05/2020

Attacco HACKER al sito del CENTRO GIOVANI CALCIATORI VIAREGGIO

‘Non sappiamo proprio che cosa pensare: anche in un momento come quello che il mondo sta vivendo, c’è qualcuno che trova il tempo e ha voglia di compiere nefandezze". E’ sconsolato il presidente del Cgc Viareggio, Alessandro Palagi nel verificare che il sito della società bianconera – dove sono raccolte le informazioni e l&rsqu...leggi
06/05/2020

E' morto il padre di GIOVANNI GRANELLI

Brutta notizia in casa Pontedera. Nella giornata di ieri è venuto a mancare il padre di Giovanni Granelli, magazziniere e figura fondamentale della famiglia Pontedera. Aurelio Granelli aveva 96 anni e viveva a Capannori (Lucca). Giovanni Granelli è un personaggio molto conosciuto nell'ambito del calcio toscano: dopo una carrieradi calciatore, è diventato un apprezzato dirig...leggi
06/05/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07060 secondi