Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


"Ora anche la LEGA DILETTANTI non potrà che SOSPENDERE tutto"

Parla il responsasabile del settore giovanile del Cgc Capezzano Andrea Motroni: "Chiedo ancora una volta un coordinamento tra le società perchè diano il loro contributo nella ripartenza"

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Andrea Motroni, attuale Responsabile del Settore Giovanile del CGC Capezzano Pianore, su quanto sta avvenendo nel mondo del calcio e su come e quando ripartire, senza tralasciare un pensiero al calcio “giocato”.

Siamo di fronte ad un continuo sovrapporsi di opinioni e decisioni in merito a come e quando ripartire con il calcio qual è il suo pensiero su questo. "E’ innegabile che ci sia disorientamento nella base dei dirigenti e anche di atleti e genitori su come e quando ripartire e non si può certo dire che ci stia aiutando questa indecisione e continuo tira e molla tra gli stessi massimi dirigenti della Figc, delle varie leghe, del Coni e del Ministero dello Sport. Pur comprendendo le difficoltà e gli interessi che ruotano intorno allo sport e soprattutto intorno al calcio credo che in questi momenti ci vorrebbe maggior condivisione con la base e coraggio nel prendere decisioni in particolare per il mondo del calcio dilettanti e giovanile che, già gravato da difficoltà economiche impreviste e difficili da superare, avrebbe bisogno di poter avere un orizzonte su cui muoversi per programmare una stagione futura. Sarebbe cioè importante capire quando e come ripartire, ovviamente nel rispetto delle indicazioni sanitarie che ci verranno date e che dovranno essere tali da poter essere applicate anche nelle nostre realtà, questo non per voler a tutti i costi accelerare i tempi, ma perché ritengo ci sia davvero bisogno di buttarsi alle spalle quanto è successo e riorganizzare le idee per potersi riproporre ai nostri tesserati in un quadro economico totalmente diverso, sarà possibile farlo nel miglior modo possibile quanto prima ci verrà detto come".

Quindi suggerirebbe di annullare tutta la vecchia stagione vanificando gli sforzi delle società che magari stavano raggiungendo obbiettivi per cui avevano sostenuto sforzi importanti? "Fin dall’inizio non mi ha mai innamorato questa discussione sul come finire la stagione, troppe prese di posizione sono poco obbiettive e condizionate dalle classifiche dei vari campionati. Credo che qualsiasi soluzione verrà presa sarà comunque penalizzante per qualcuno, nel caso venga annullata la stagione ovviamente chi era vicino al raggiungimento di una promozione si vedrebbe costretto a ripartire da zero, di contro cristallizzare le classifiche accrescerebbe il rammarico di chi magari sperava quell’obbiettivo di raggiungerlo nelle ultime giornate. L’altra ipotesi che ultimamente si sta facendo strada cioè quella di prolungare la stagione nei mesi di settembre, ottobre e novembre permetterebbe di finire i campionati sul campo, anche se è innegabile che non è facile ripartire dopo tanti mesi, e magari risolverebbe anche qualche problema economico come costi dei tesseramenti ed iscrizioni oltre a problematiche di “mercato” specialmente nel settore giovanile. Questa ultima ipotesi è forse quella che avrei privilegiato, ma il comunicato del Settore Giovanile e Scolastico con cui si dichiarano sospesi definitivamente i campionati giovanili nazionali, quelli dei professionisti per intenderci, e il successivo comunicato della Lega Pro che annulla il campionato Berretti credo che indichino una strada a cui i dilettanti difficilmente potranno sottrarsi".

Viste queste premesse e questi comportamenti, se vuoi un po’ contraddittori, da parte delle varie componenti della Figc cosa pensi sia opportuno fare a questo punto? "Alcune settimane fa avevo scritto una lettera aperta al Presidente Mangini in cui avevo suggerito l’idea di realizzare una commissione rappresentativa delle società della regione per creare uno strumento di confronto e di supporto per l’intero movimento. Penso dovremmo ripartire da qui, leggo molte prese di posizioni di tanti dirigenti, c’è voglia di partecipare e di dare il proprio contributo per una ripartenza che possa a fronte di una grande tragedia dare lo spunto per riproporre con forza il grande valore sociale che ha il nostro movimento. In questo momento ci sono poi tanti strumenti per favorire il confronto e la partecipazione, ad esempio organizzare una videoconferenza invitando le società è sicuramente compito agevole con le moderne tecnologie. Le tante richieste da portare all’attenzione delle istituzioni statali, regionali e comunali oltre alle istituzioni sportive come il Coni e la stessa Figc avrebbero ancora più forza se frutto del contributo dell’intero movimento. Tutto quanto già portato avanti dal Presidente Sibilia e tutto quanto già comunicato e attivato dal Presidente Mangini sono sicuramente un passo importante, ma ripeto credo ci sia davvero bisogno di un coinvolgimento e un coordinamento maggiore altrimenti si rischierebbe di non dare omogeneità alle decisioni che verranno prese".

Crede che le società siano mature per questo coinvolgimento che chiede? "Fondamentalmente credo e spero di si, non è più il tempo per chi si impegna a fare il dirigente di una società di calcio di farlo senza la consapevolezza di quanto il proprio ruolo sia carico di responsabilità di ogni tipo. Certo ho ben chiaro che la passione è alla base di questo movimento e che non sono comparabili anche al nostro interno società che partecipano ad esempio con una squadra a campionati di terza o seconda categoria e società che hanno un movimento tra prima squadra e settore giovanile di più di trecento tesserati, allo stesso tempo però sono convinto che tutti devono fare lo sforzo di capire la realtà che ci circonda e di essere parte attiva di un movimento che se compatto può veramente smuovere le montagne. Bene mi sembra chiaro il tuo punto di vista, per chiudere volevo ritornare un po’ a quello che ci piace di più il calcio quello giocato".

Come si sentirebbe di valutare la stagione ad oggi e cosa pensi per il futuro. "Questa “vita sospesa” che stiamo attraversando in questi giorni a volte mi fa sembrare così lontana la stagione 2019/2020, invece credo sia una stagione davvero ricca di soddisfazioni per me e per la mia società. Abbiamo attraversato un estate difficile nel creare squadre pronte ad affrontare gli impegni che i vari campionati Elite e Regionali ci ponevano davanti, ma anche per dare continuità ad un lavoro tecnico di primo livello che dai “primi calci” fino agli esordienti proseguisse quel marchio di fabbrica che contraddistingue il Cgc Capezzano da anni: formare giovani atleti, con l’obbiettivo che il bagaglio di conoscenze che i nostri ragazzi si portano dietro sia un patrimonio che li possa accompagnare nella loro crescita sportiva e non solo. I risultati ci hanno dato ragione: con la Prima Squadra che sta disputando un campionato di Prima Categoria da primi della classe, con i campionati élite e regionali dove abbiamo dimostrato di poterci stare da protagonisti anche contro società sicuramente più attrezzate economicamente di noi, con il campionato provinciale Giovanissimi B abbiamo recitato un ruolo da protagonisti assoluti e con l’attività di base, in tante manifestazioni di livello nazionale e regionale abbiamo messo in mostra qualità tecniche di squadra ed individuali davvero soddisfacenti. Per tutto questo non smetterò mai di essere grato a tutti i nostri ragazzi, ai nostri tecnici e alle famiglie che ci sono state sempre vicino. Per il futuro abbiamo cominciato un po’ a parlarne in società, ma ne riparleremo in maniera definitiva una volta che avremo indicazioni in merito come dicevo prima. La mia idea al momento sarebbe di ripartire con tutte le squadre che abbiamo in questa stagione confermando tutti i ragazzi e aggiungendo, se possibile, anche una compagine Juniores che andrebbe a chiudere tutte le caselle, con la convinzione che questo sia come una sorta di impegno morale da parte nostra quasi idealmente a voler dare una seguito a questa stagione spezzata".

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 20/04/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



DOLORE per l'improvvisa scomparsa del giovane padre di un CALCIATORE

Lavorava come magazziniere nello stabilimento LUCART di Porcari (Lucca). E proprio qua, questa mattina, ha avuto un malore improvviso Massimo Del Dotto, 52 anni, soccorso poi vanamente dai colleghi di lavoro che l'avevano visto accasciarsi a terra.  Massimo Del Dotto viveva a Saltocchio ed era molto conosciuto nell'ambiente calcistico per essere tifoso della Lucchese, nonch&eg...leggi
18/06/2020


CALCIO in LUTTO per la SCOMPARSA del presidente del BARGA

Lutto nel mondo del calcio. E' scomparso all'età di 85 anni Guido Mori, da tanti anni dirigente prima e presidente poi del Barga, storico club della provincia di Lucca.  Ecco il toccante saluto del figlio Leonardo. "Oggi, il nostro presidente ci ha lasciato, “Il Nonno” ha attaccato le scarpette al chiodo. In qualità di presidente facen...leggi
16/06/2020

Si torna a "PARLARE" di CALCIO a VIAREGGIO: ecco le NOVITA'

Il Marco Polo Sports Center e lo Sporting Viareggio 86 hanno raggiunto un accordo di collaborazione finalizzato al rilancio del calcio a Viareggio. Due società ormai radicate sul territorio, che partono dalla volontà di garantire ai giovani di Viareggio la possibilità di avviarsi alla pratica del calcio fin dalla giovane et&...leggi
16/06/2020

Indagine della PROCURA: terremoto nel CALCIO TOSCANO

Un nuovo terremoto fa tremare il calcio dilettantistico toscano. L’epicentro è a Viareggio: è qui che la procura di Lucca contesta alla spina dorsale della defunta società bianconera costituita nel 2014, niente meno che l’associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva. Nella stagione 2018-2019, quella conclusasi con...leggi
12/06/2020

Lutto nel CALCIO GARFAGNINO per la scomparsa di MARCO CAVILLI

Grande tristezza in Garfagnana ma in tutto il calcio della provincia di Lucca per la prematura scomparsa di Marco Cavilli, per tanti anni importante dirigente del Castelnuovo Garfagnana e molto conosciuto. Lottava contro una brutta malattia da parecchio tempo. Questo il triste conunicato della società gialloblù: "La nostra società si unisce al dolore della f...leggi
28/05/2020

VIDEO, vanno a RUBA le MASCHERINE PERSONALIZZATE della LUCCHESE

Vendute in appena tre ore oltre 1000 mascherine rossonere anti Covid-19. Un successo enorme, che va al di là delle più rosee aspettative della Lucchese e che testimonia l'entusiasmo della città verso la squadra protagonista di una stagione esemplare conclusa con la promozione in C. In considerazione dell'eccezionale trend la società ha già ordinato altre 2000 ...leggi
26/05/2020

Il LAMMARI cerca PARTNERS per proseguire la sua ATTIVITA'

E' una delle società storiche del calcio nella provincia di Lucca. Per anni il "miracolo" Lammari si è confrontato con realtà cittadine e di livello in Eccellenza, poi un inevitabile ridimensionamento, la retrocessione in Promozione e una dura gavetta anche in questa categoria. Nel frattempo una squadra Juniores sempre protagonista a livello regionale con un gruppo di ragaz...leggi
25/05/2020

E' morto il padre dell'ex arbitro e dirigente CARLO DINELLI

E' scomparso questo pomeriggio Silvano Dinelli, padre di Carlo, ex arbitro con presenze in serie A e in passato dirigente di società come Castelnuovo e Ghiviborgo. Silvano Dinelli aveva 95 e si è spento all'ospedale di Lucca dove era stato trasportato nella tarda mattinata. I funerali si terranno lunedì 25 Maggio alle ore 17 presso la Chiesa di Vorno. AL...leggi
23/05/2020

A BARGA partiti i lavori per il RIFACIMENTO del TERRENO da GIOCO

Per l'A.S.D.  Barga questa è una settimana speciale perché per la prima volta dopo 40 anni viene rifatto tutto il terreno di gioco del campo, il “Johnny Moscardini“. Questo è stato possibile grazie al contributo di sponsorizzazione che l'azienda Sipack di Barga ci garantisce anche quest'anno. Sipack è un'azienda del territorio specializzata n...leggi
20/05/2020


MORGIA e gli INVISIBILI del CALCIO:"Quei DILETTANTI ora senza TUTELA"

Romano di nascita, ma toscano ormai d'adozione (vive a Lucca da tanti anni), Massimo Morgia è molto conosciuto nella nostra regione, avendo allenato tra l'altro il Pisa, la Pistoiese e la Robur Siena. Nei giorni scorsi è stato intervistato da Enrico Currò di REPUBBLICA dove sono stati toccati alcuni concetti davvero importanti. I suoi 69 anni M...leggi
07/05/2020

CALCIO LUCCHESE in LUTTO per la SCOMPARSA di uno STORICO DIRIGENTE

E' un momento davvero difficile per tutti. Oltre all'emergenza coronavirus, ci sono altri mali, come quello che ha colpito Luciano Dini, per anni attivo dirigente della società lucchese del Lucca 7, scomparso all'età di 64 anni.  Nelle due FOTO che abbiamo messo qua, IN ALTO, quella al "Ciocco" con la squadra del 1984 dove giocava il figlio Luca e di cui Luciano (&egr...leggi
07/05/2020

Attacco HACKER al sito del CENTRO GIOVANI CALCIATORI VIAREGGIO

‘Non sappiamo proprio che cosa pensare: anche in un momento come quello che il mondo sta vivendo, c’è qualcuno che trova il tempo e ha voglia di compiere nefandezze". E’ sconsolato il presidente del Cgc Viareggio, Alessandro Palagi nel verificare che il sito della società bianconera – dove sono raccolte le informazioni e l&rsqu...leggi
06/05/2020

E' morto il padre di GIOVANNI GRANELLI

Brutta notizia in casa Pontedera. Nella giornata di ieri è venuto a mancare il padre di Giovanni Granelli, magazziniere e figura fondamentale della famiglia Pontedera. Aurelio Granelli aveva 96 anni e viveva a Capannori (Lucca). Giovanni Granelli è un personaggio molto conosciuto nell'ambito del calcio toscano: dopo una carrieradi calciatore, è diventato un apprezzato dirig...leggi
06/05/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06970 secondi