Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Firenze


"Finita l' EMERGENZA COVID, il CALCIO dovrà RIPARTIRE su nuove BASI"

Il presidente regionale della LND Paolo Mangini commenta la lettera della Rinascita Doccia e parla delle riunioni in corso con le società

All’indomani della pubblicazione e divulgazione della LETTERA APERTA (LEGGI QUA) a tutto il movimento calcistico toscano da parte della società fiorentina Rinascita Doccia, siamo andati a sentire il pensiero di colui che lo guida, il presidente regionale Paolo Mangini, a cui oltretutto la lettera è intestata.

Mangini è impegnato nelle prime video conferenze programmate con le delegazioni provinciali (in questa settimana si sono svolte quelle di Firenze, Prato) ma, vista l’importanza dei temi lanciati dalla lettera, accetta volentieri di fare un primo commento a TOSCANAGOL.

“Ho ricevuto la lettera e ne ho apprezzato i modi e i toni – dice – che denotano un’autentica voglia di collaborazione tesa a contribuire al miglioramento del nostro movimento. Concordo su molti dei temi che sono stati sollevati anche perché alcuni di essi facevano già parte del programma del settore giovanile e scolastico della nostra regione, sia quando ero il coordinatore che attualmente”

In particolare Mangini vuole riprendere quello che a suo avviso è il concetto di fondo contenuto nella lettera. “E’ una riflessione che sto proponendo anche alle società durante le video conferenze che stiamo facendo. E’ legata in particolare all’esperienza di questa pandemia che ormai con alterne vicende dura da Marzo scorso e che ci ha profondamente segnato in tanti campi e situazioni. Ritengo che non sia assolutamente pensabile che quando tutto questo finirà si possa ricominciare come se niente fosse accaduto. Abbiamo avuto in questo periodo la possibilità di riflettere ancora di più sull’importante ruolo che le nostre società svolgono per tanti soggetti, ma anche sulla concreta difficoltà che potremo avere nel reperire risorse che non potranno essere più le stesse degli ultimi anni. E’ necessaria una rivisitazione di alcune attività, ma soprattutto ci sarà bisogno di più solidarietà vera fra le società, una maggiore unità di intenti per perseguire obiettivi comuni e pensare che il bene di ognuno non può che essere il bene di tutti. Ritengo che questo possa diventare un vero e proprio programma di lavoro a cui tutto il movimento è chiamato a partecipare”.

C’era attesa per capire l’umore delle società in questo momento difficile. “Al momento abbiamo fatto tre video conferenze, due a Firenze, una a Prato. Ho potuto apprezzare la grande partecipazione, il livello veramente alto dei contributi dati e anche la qualità delle proposte che sono state formulate. Queste riunioni ci serviranno per acquisire eventuali proposte operative che potranno emergere dagli interventi, allo scopo di completare il programma del prossimo quadriennio che dovrà essere condiviso al massimo con le società e che ha già recepito alcuni contributi ricevuti in questi mesi. I temi principali affrontati in questi incontri sono stati solo quelli legati all’emergenza in corso: gli aiuti economici, le prospettive legate ad un’eventuale possibile ripartenza, protocolli sanitari. Questo perché abbiamo voluto dare  massimo spazio agli interventi delle società partecipanti. Purtroppo il tempo a disposizione non mi ha permesso di affrontare anche altri argomenti che pur non essendo di estrema attualità, rivestono un’importanza vitale per le società, come la questione del  vincolo sportivo inserita nella bozza di riforma dello sport portata avanti dal ministro Spadafora e sulla quale è necessaria la massima attenzione, l’allargamento del periodo del premio preparazione (attualmente di 5 anni) in modo da poter comprendere anche parte degli anni di permanenza dei ragazzi nelle scuole calcio e la riattivazione del contributo di solidarietà a mio parere ingiustamente tolto e sul quale è necessario che tutte la Lega Nazionale Dilettanti si faccia promotrice di una sua reintroduzione nell’ordinamento sportivo. Al termine dei ciclo di incontri con tutte le Delegazioni provinciali, invierò a tutte le società per mail il programma che vorremo realizzare nel prossimo quadriennio”.

Infine Mangini anticipa che “nei prossimi giorni, per una questione di trasparenza e correttezza verso le società che ci hanno dato la loro fiducia 4 anni fa, invierò alla mail di ognuna di esse il report del quadriennio 2016-2020 nel quale sono riportate tutte le iniziative, progetti, modifiche regolamentari, supporti formativi ed economici realizzati dal Comitato a favore delle società della Toscana”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 20/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...




"RIFLETTERE già sul DOPO COVID e RIPARTIRE con un CALCIO diverso"

Finirà questo maledetto Covid. Sarà tra poco, sarà tra tanto, ma finirà. Tutto forse non sarà come prima. in ogni caso giusto iniziare già a pensarci, a far sì che questi mesi di sofferenza e di dolore non siano trascorsi invani. Lecito sperare che qualcosa cambi in meglio nella nostra società, che tanti mesi di negatività p...leggi
19/11/2020

La POLISPORTIVA MEMBRINO piange la SCOMPARSA di uno STORICO DIRIGENTE

Storie di calcio, storie di vita, gioie e dolori che si alternano nella vita quotidiana e delle società calcistiche, splendido esempio di aggregazione e socialità. Storie anche di personaggi che ci lasciano dopo averle "vissute" e valorizzate con il proprio impegno e partecipazione, all'insegna del p...leggi
19/11/2020


"Ora andrebbe TUTELATO anche il LAVORO di noi ALLENATORI"

E gli ALLENATORI? In questo momento di stop assoluto al calcio dilettantistico e giovanile anche questa "categoria" si è gioco forza fermata. Una componente importante quella dei tecnici, coloro cioè che devono dare le nozioni e far crescere sotto ogni aspetto il giovane calciatore. Un ruolo difficile, spesso controverso, ma dove ci sono figure preparate e ris...leggi
17/11/2020

Ancora RINVIATA la gara tra AQUILA MONTEVARCHI e SAN DONATO

Il San Donato Tavarnelle comunica che, a seguito di comunicazione ufficiale ricevuta dalla LND, la partita in programma mercoledì prossimo, 18 novembre alle 14,30, allo stadio "Brilli Peri" contro l’Aquila Montevarchi, è stata rinviata a data da destinarsi a causa del covid...leggi
16/11/2020

"Aiutare le SOCIETA' in DIFFICOLTA' e poi ripartire TUTTI insieme"

Da dieci anni è alla guida del movimento calcistico fiorentino, quello più importante e popoloso della Toscana. Il professor Roberto Bellocci, classe 1958, da Malmantile, località del Comune di Lastra a Signa, è uno dei riferimenti per tutti. Insegna ormai da tanti anni al Liceo "Datini" a Prato e nel pomeriggio "veste" con professionalità e serietà i p...leggi
16/11/2020

Il viaggio all'INFERNO, ANDATA e RITORNO, per ELIA GUIDOTTI

Un banale infortunio extra-calcistico, l'ospedale, le cure intense, poi il ritorno ad una vita normale. In un mese è mezzo la vita di Elia Guidotti, uno dei calciatori toscani più conosciuti e più bravi a livello dilettantistico, ha subito uno scossone non da poco. Il "Gufo" (così lo chiamano a Borgo San Lorenzo, il suo paese nel Mugello, soprannome ereditato dal pad...leggi
12/11/2020

"Ma siamo su SCHERZI A PARTE o a OGGI LE COMICHE"

La situazione pare essersi "sbloccata", ma è chiaro per chi "vive" una società di calcio non sono giorni facili. Sulla pagina facebook della Sestese ecco il racconto o meglio lo sfogo del presidente Matteo Melani che ripercorre le tante problematiche vissute in questo periofo. ...leggi
29/10/2020


VIDEO: "La situazione stava diventando caotica, meglio fermare tutto"

"Si stava creando una situazione caotica perchè molti dei campionati dilettantistici una squadra arrivava e una per paura non aveva tutti e undici i giocatori. In Federazione si era creata una situazione imbarazzante: cosa dovevano fare? Sanzionare la squadra che non veniva? Così abbiamo deciso di far uscire l'ordinanza, vista soprattutto la situazione con 1526 contagi di ...leggi
24/10/2020


"Il DPCM infligge un COLPO PESANTISSIMO all'ECONOMIA delle società"

Ancora un intervento a commento dell'ultimo DPCM che ha bloccato l'attività dei campionati provinciali, facendo però proseguire quelli regionali. A parlare è il Presidente della Rondinella Marzocco Lorenzo Bosi, che invia una lettera TOSCANAGOL per esprimere il proprio pensiero. Avremmo preferito di gran lunga il blocco delle attività per qualche...leggi
22/10/2020

SERIE D GIR. E, RINVIATA una GARA in programma domenica 25 ottobre

Il Dipartimento Interregionale ha comunicato che, su richiesta inoltrata dallo Scandicci, preso atto della documentazione allegata, proveniente da strutture pubbliche e, segnatamente dall'AR Medicina, tenuto conto, altresì, del Protocollo predisposto dalla ASL competente per territorio e, comunque, dei provvedimenti e delle indicazioni provenienti dalle Autorità Sanitarie, per cau...leggi
21/10/2020

L'AUDACE LEGNAIA piange la MORTE di un suo EX GIOCATORE ventiduenne

Un tragico incidente stradale è stato fatale per Nicolò Minello, ventiduenne giocatore dell'Asd Grassaga (Terza Categoria Veneta), che ha avuto trascorsi anche nel calcio toscano. L'Audace Legnaia, sua ex squadra, lo ricorda così tramite un post sulla propria pagina Facebook: L’USD Audace Legnaia si stringe intorno alla famiglia di Nicol&o...leggi
20/10/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06776 secondi