Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Firenze


"RIFLETTERE già sul DOPO COVID e RIPARTIRE con un CALCIO diverso"

Interessante lettera aperta a tutto il movimento toscano da parte della Rinascita Doccia

Finirà questo maledetto Covid. Sarà tra poco, sarà tra tanto, ma finirà. Tutto forse non sarà come prima. in ogni caso giusto iniziare già a pensarci, a far sì che questi mesi di sofferenza e di dolore non siano trascorsi invani. Lecito sperare che qualcosa cambi in meglio nella nostra società, che tanti mesi di negatività possano aver prodotto anche pensieri positivi per il futuro, cercando magari di riflettere su stili di vita sbagliati, provando a cambiarli un po'.

Passaggi che saranno fondamentali anche nel mondo dello sport e del calcio in particolare, meglio ancora nell'immenso e affascinante mondo di quello dilettantistico e giovanile. E in questa fase di forzato stop, giusto non fermare le menti, giusto pensare a come ripartire. Bello pensare che ogni medaglia ha sempre il suo rovescio e qualsiasi cosa brutta che accade nella vita di ciascuno di noi, abbia anche dei lati positivi o che ci dia gli spunti per migliorare e cambiare quello che in noi non va.

E' un po' il senso (molto condensato...) della LETTERA APERTA che la Rinascita Doccia, importante società di Sesto Fiorentino (Firenze) ha voluto inviare a tutto il movimento del calcio toscano e che necessariamente impone delle riflessioni. E' indirizzata simbolicamente a colui che lo guida, al presidente regionale della LND Paolo Mangini e a tutto il Consiglio Direttivo.

Ci piacerebbe aprire su TOSCANAGOL una sorta di "tavolo di lavoro" su questi argomenti, magari ospitando pensieri e opininioni di vari addetti ai lavori. Potrebbero nascere nuove idee e spunti per cambiare davvero tante cose. 

Gino Mazzei

 

                                                                     Gentile Presidente Paolo Mangini
                                                                     Spett.le Consiglio Direttivo LND C.R.Toscana

Care società sportive tutte al termine di questo 2020 caratterizzato purtroppo da un’emergenza sanitaria mondiale straordinaria abbiamo pensato di scriverVi questa lettera per condividere alcune riflessioni e proposte per il futuro. Oggi siamo tutti totalmente assorbiti dal gestire l’emergenza, ancora purtroppo in corso, ma pensiamo possa essere utile anche iniziare a dibattere su come ripartire quando questa situazione sarà definitivamente terminata. L’auspicio è che, anche lavorando insieme, si possa superare questo momento e, contestualmente, si possano gettare le basi per una solida ripartenza ed un “nuovo” futuro del nostro bellissimo sport.

Una breve premessa di carattere generale

L’evento COVID19 sta mettendo a nudo alcune criticità della società in cui viviamo. Una è sicuramente l’eccessivo stress economico, e più in generale consumistico, dei comportamenti nella società cd. “moderna”, criticità che negli ultimi 30 anni ha portato tutti a correre come matti, produrre, consumare, a fare tutto alla massima velocità e redditività (materiale). A volte perdendo però di vista i valori immateriali della vita, le relazioni umane, il senso di collaborazione e solidarietà, tanto altro.

Il bellissimo mondo del calcio, anche ai nostri livelli dilettantistici e giovanili, è uno specchio della vita: nelle dinamiche umane, nell’andamento degli eventi, nelle opportunità che offre, nelle criticità che presenta. Per questo lo sport è considerato palestra di vita per i giovani che lo praticano (talvolta lo è anche per noi adulti), si imparano regole, il rispetto dei compagni, degli allenatori, degli avversari, del giudice di gara, il dovere verso l’impegno, l’accettazione della sconfitta, la gioia della vittoria. Tutte cose che ritroveranno nella vita da adulti, quando costruiranno una propria famiglia, nel mondo del lavoro, nelle amicizie, nel mondo dello sport (se qualcuno diventerà allenatore o dirigente di una associazione sportiva). La relazione fra “società civile” e mondo dello sport vale però anche nella direzione inversa e inevitabilmente anche il nostro mondo ha risentito e risente di ciò che accade al di fuori. Ed è quindi condizionato dalle regole del suo Paese, dalle abitudini delle persone, dalle aspettative di vita di ognuno e soprattutto dai valori culturali che si consolidano nel tempo.

La società “moderna” negli ultimi 20/30 anni si è lanciata a velocità elevatissima sui binari dell’individualismo, del consumismo, della ricerca sfrenata del benessere materiale e del profitto che sono diventati valori predominanti della vita. Tutto questo ha avuto un prezzo: siamo tornati indietro nella qualità delle relazioni umane, il senso della misura e la sobrietà degli atteggiamenti è quasi diventato un disvalore, ci siamo dimenticati, forse purtroppo, del benessere “immateriale” della vita. Infatti siamo tutti, chi più chi meno, eccessivamente stressati. Possiamo ammettere a noi stessi che anche il calcio dilettantistico e in particolare quello dei giovani si siano spinti ad una velocità eccessiva sui binari sopra descritti? Secondo noi si. Questo è dipeso principalmente dall’essere parte di una società “moderna” che procedeva in quel modo, per certi aspetti è stato anche normale correre su quei binari.

Il COVID19 ci sta dando la possibilità di fermarsi un attimo a riflettere sul nostro sport, anch’esso ormai caratterizzato, probabilmente, da eccessivi livelli di stress, di competitività, di necessità finanziarie e questo riguarda anche noi del mondo dei Dilettanti. Il COVID19 ci sta portando gravi problemi che dobbiamo provare a superare uniti e nel più breve tempo possibile. Ma ci sta anche facendo riflettere sull’opportunità di cogliere questo momento di stop e di analisi varie, per aprire una più ampia riflessione sullo sport dilettantistico, giovanile e di base, partendo dalla centralità del suo ruolo sociale. In questi giorni molte discussioni social vertono sul ruolo sociale dello sport e sull’importanza di avere centri sportivi aperti. Tutti parlano dell’importanza sociale e formativa dello sport per i giovani!!! “Meno male è arrivato il COVID19!”…verrebbe da dire… “Tutti noi stiamo finalmente parlando dell’importanza sociale del nostro sport!” Cogliamo tutti insieme questa occasione per analizzare, riflettere e pensare al nostro nuovo futuro.

Riflessioni e proposte per il futuro

La grave e sicura riduzione di risorse con cui tutti dovremo fare i conti nei prossimi anni e più in generale gli effetti globali della pandemia ci imporranno una riorganizzazione e potrebbe per tutti noi rivelarsi sbagliato porsi l’obiettivo di ripartire in tutto e per tutto da dove ci eravamo lasciati. Questa grave crisi è invece una straordinaria occasione per ripartire dai principi fondanti del nostro sport. La nostra natura, orgogliosamente dilettantistica, ci impone di avviare un processo, non breve e non semplice, di analisi anche “culturale”: attraverso un confronto franco, trasparente. Capire se può essere opportuno, nell’interesse di tutti, rivedere alcune regole, obiettivi, cercare di analizzare alcuni aspetti, talvolta difficoltosi, della nostra attività. Negli ultimi 10/20 anni, talvolta, ci siamo spinti verso consuetudini troppo simili a quelle del professionismo perdendo un po’ di vista la nostra missione sportiva e sociale.

Occorre darsi una organizzazione meno gravosa per tutti, da un punto di vista finanziario, logistico, di intensità generale delle cose.

Provando a tradurre con alcuni esempi e proposte concrete che riteniamo essere nell’interesse comune di tutte le società sportive:

- Riduzione generale dei costi (sia a livello di Federazione/Lega sia a livello di singole società sportive): adottare misure per la riduzione dei costi di gestione. In breve, un ridimensionamento generale al ribasso, in parte imposto dalla crisi ma anche determinato da precise scelte gestionali, determinerebbe un abbassamento generale del livello di “tensione finanziaria”;
- Apertura di una discussione sul format dei campionati, in particolare quelli giovanili. Potremmo così avere una formula meno dispendiosa di energie e risorse, che inoltre potrebbe avere anche effetti positivi in termini di “tensione sportiva” (livelli di competitività, ridotti movimenti di mercato di atleti, altro);
- Predisposizione di una Carta Etica fra società, e con la supervisione del Comitato, per condividere e promuovere azioni e comportamenti virtuosi (a titolo esemplificativo, evitare eccessivi spostamenti fra società di bambini in età “scuola calcio”, azioni di “mercato” che depauperano di fatto gruppi di altre società, altro). Un’azione rivolta a sensibilizzare i dirigenti sportivi ad un maggior fair play gestionale;
- Intensificare campagne di comunicazione per sensibilizzare gli adulti, a partire da noi dirigenti e rappresentanti delle società sportive e passando poi alle famiglie, a praticare atteggiamenti più sobri e sereni. Occorre più spesso ricordare e ricordarci che il calcio è per i giovani, non per gli adulti. Bisogna vivere lo sport dei nostri ragazzi e dei nostri figli con minore tensione.
- Apertura di una discussione sul vincolo sportivo (anche in relazione a quanto previsto nella bozza di “riforma” dello sport a cui sta lavorando il Governo, delegato con Legge 86/2019);
- Aprire un tavolo di confronto con le istituzioni pubbliche (in particolar modo Regione e ANCI) sul tema della gestione degli impianti sportivi e della gestione delle attività sportive, partendo dal principio che la fiscalità generale dovrebbe tornare a partecipare in misura superiore alla vita degli impianti sportivi. Troppe volte parliamo di impianti sportivi come luogo di produzione di reddito, quasi mai lo facciamo rivolgendoci alla loro funzione sociale e formativa. Bisogna pertanto lavorare con la Pubblica Amministrazione per ridare valore al “welfare” negli impianti sportivi.
- Calcio e scuole: stimolare ulteriori progetti di integrazione fra il mondo sportivo e quello scolastico.

In definitiva pensiamo che ritornare a praticare un calcio più semplice, più sobrio per tutti, più sociale potrà portare benefici, quali ad esempio:
- ridurre l’incidenza dei giovani che abbandonano troppo presto l’impegno sportivo;
- aumentare l’autorevolezza delle società sportive verso le istituzioni pubbliche nelle varie istanze che, sempre più numerose, avremo bisogno di presentare nei prossimi mesi/anni in aiuto e supporto alla nostra attività;
- incentivare i giovani e le loro famiglie a vivere l’esperienza sportiva con minore tensione agonistica e maggior piacere;
- vivere tutti più serenamente l’attività settimanale e i risultati del week end;
- portare una generale ventata di freschezza e nuovi stimoli per i tanti addetti ai lavori che dovranno affrontare anni non facili. Resta inteso che con questa riflessione ed elenco di proposte intendiamo esprimere principi e concetti dai quali far scendere regole e impostazioni, nel completo rispetto delle legittime ambizioni e aspirazioni di tutte le entità coinvolte, collettive e individuali.

Una nota di metodo: auspichiamo che LND e società sportive mettano in campo le proprie esperienze, conoscenze e idee per operare uniti intorno ad un tavolo straordinario di lavoro, affrontando i problemi più urgenti ma anche iniziando un percorso per raggiungere nuovi obiettivi di medio termine.

Sta finendo un’epoca, se ne sta aprendo una nuova, tutti insieme gettiamo le basi per il nostro futuro! Cordiali saluti

                                                                                              La Società USD Rinascita Doccia

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 19/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...





La POLISPORTIVA MEMBRINO piange la SCOMPARSA di uno STORICO DIRIGENTE

Storie di calcio, storie di vita, gioie e dolori che si alternano nella vita quotidiana e delle società calcistiche, splendido esempio di aggregazione e socialità. Storie anche di personaggi che ci lasciano dopo averle "vissute" e valorizzate con il proprio impegno e partecipazione, all'insegna del p...leggi
19/11/2020


"Ora andrebbe TUTELATO anche il LAVORO di noi ALLENATORI"

E gli ALLENATORI? In questo momento di stop assoluto al calcio dilettantistico e giovanile anche questa "categoria" si è gioco forza fermata. Una componente importante quella dei tecnici, coloro cioè che devono dare le nozioni e far crescere sotto ogni aspetto il giovane calciatore. Un ruolo difficile, spesso controverso, ma dove ci sono figure preparate e ris...leggi
17/11/2020

Ancora RINVIATA la gara tra AQUILA MONTEVARCHI e SAN DONATO

Il San Donato Tavarnelle comunica che, a seguito di comunicazione ufficiale ricevuta dalla LND, la partita in programma mercoledì prossimo, 18 novembre alle 14,30, allo stadio "Brilli Peri" contro l’Aquila Montevarchi, è stata rinviata a data da destinarsi a causa del covid...leggi
16/11/2020

"Aiutare le SOCIETA' in DIFFICOLTA' e poi ripartire TUTTI insieme"

Da dieci anni è alla guida del movimento calcistico fiorentino, quello più importante e popoloso della Toscana. Il professor Roberto Bellocci, classe 1958, da Malmantile, località del Comune di Lastra a Signa, è uno dei riferimenti per tutti. Insegna ormai da tanti anni al Liceo "Datini" a Prato e nel pomeriggio "veste" con professionalità e serietà i p...leggi
16/11/2020

Il viaggio all'INFERNO, ANDATA e RITORNO, per ELIA GUIDOTTI

Un banale infortunio extra-calcistico, l'ospedale, le cure intense, poi il ritorno ad una vita normale. In un mese è mezzo la vita di Elia Guidotti, uno dei calciatori toscani più conosciuti e più bravi a livello dilettantistico, ha subito uno scossone non da poco. Il "Gufo" (così lo chiamano a Borgo San Lorenzo, il suo paese nel Mugello, soprannome ereditato dal pad...leggi
12/11/2020

"Ma siamo su SCHERZI A PARTE o a OGGI LE COMICHE"

La situazione pare essersi "sbloccata", ma è chiaro per chi "vive" una società di calcio non sono giorni facili. Sulla pagina facebook della Sestese ecco il racconto o meglio lo sfogo del presidente Matteo Melani che ripercorre le tante problematiche vissute in questo periofo. ...leggi
29/10/2020


VIDEO: "La situazione stava diventando caotica, meglio fermare tutto"

"Si stava creando una situazione caotica perchè molti dei campionati dilettantistici una squadra arrivava e una per paura non aveva tutti e undici i giocatori. In Federazione si era creata una situazione imbarazzante: cosa dovevano fare? Sanzionare la squadra che non veniva? Così abbiamo deciso di far uscire l'ordinanza, vista soprattutto la situazione con 1526 contagi di ...leggi
24/10/2020


"Il DPCM infligge un COLPO PESANTISSIMO all'ECONOMIA delle società"

Ancora un intervento a commento dell'ultimo DPCM che ha bloccato l'attività dei campionati provinciali, facendo però proseguire quelli regionali. A parlare è il Presidente della Rondinella Marzocco Lorenzo Bosi, che invia una lettera TOSCANAGOL per esprimere il proprio pensiero. Avremmo preferito di gran lunga il blocco delle attività per qualche...leggi
22/10/2020

SERIE D GIR. E, RINVIATA una GARA in programma domenica 25 ottobre

Il Dipartimento Interregionale ha comunicato che, su richiesta inoltrata dallo Scandicci, preso atto della documentazione allegata, proveniente da strutture pubbliche e, segnatamente dall'AR Medicina, tenuto conto, altresì, del Protocollo predisposto dalla ASL competente per territorio e, comunque, dei provvedimenti e delle indicazioni provenienti dalle Autorità Sanitarie, per cau...leggi
21/10/2020

L'AUDACE LEGNAIA piange la MORTE di un suo EX GIOCATORE ventiduenne

Un tragico incidente stradale è stato fatale per Nicolò Minello, ventiduenne giocatore dell'Asd Grassaga (Terza Categoria Veneta), che ha avuto trascorsi anche nel calcio toscano. L'Audace Legnaia, sua ex squadra, lo ricorda così tramite un post sulla propria pagina Facebook: L’USD Audace Legnaia si stringe intorno alla famiglia di Nicol&o...leggi
20/10/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07165 secondi