Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Siamo ad AGOSTO e ancora NESSUNA certezza sulla RIPARTENZA

Il mondo del calcio minore attende di sapere come e se ripartirà. E settembre è vicino...

Primi di agosto e strane sensazioni ancora nell’aria. Di solito in questo periodo dell’anno si era abituati a seguire i raduni e i primi allenamenti delle squadre, magari quelle di serie D. Ora invece siamo al “calcio virtuale”, al “calcio che potrebbe essere”, agli “allenamenti che dovrebbero svolgersi”, a date fissate per una ripartenza che nessuno però ci garantisce.

Si sale così sull’altalena delle ipotesi, di chi crede nella ripartenza e stabilisce il tutto, con professionalità dovuta, di chi ci crede di meno e magari fissa tutto, ma in fondo in fondo non ci crede. C’è chi prova a lanciare tornei, cura l’organizzazione, studia tempi e modi di realizzazione: lo fa con la profonda convinzione che “tutto sarà come prima” o quasi, che arriverà presto l’autorizzazione perché tutto sia possibile.

E che dire delle società di settore giovanile che organizzano periodi di allenamento in montagna, chiedendo sacrifici alle famiglie per portare in albergo i ragazzi? La maggior parte non ci ha rinunciato, qualcuna ha disdetto, ma chi garantisce che tutto questo non sarà poi vano?

E allora, è arrivato anche Agosto e siamo nella fase di non ritorno. Tutte le componenti sono pronte per la ripartenza, si scalpita per poter tornare ad allenarsi e poi a giocare. La palla va così alle autorità competenti, la FIGC e la LND Toscana (LEGGI QUA) stanno cercando di “spingere”. Anche loro hanno “fatto finta” che “tutto sarà come prima”, accogliendo iscrizioni e quant’altro, rispettando le tempistiche di una stagione che in ogni caso sappiamo sarà “spostata in avanti” quanto all’inizio dei campionati.

Ma i tornei, fonte importante di finanziamento per tutti, che garanzie hanno ora di poter essere effettuati? Ed è chiaro, sarebbe banale pensare al contrario, che non potranno essere disputati senza pubblico. Si dice che la serie A ripartirà a Settembre con un'apertura seppur parziale degli stadi. Pensiamo però a far ripartire prima il calcio di base.

Settembre è vicino, siamo oltretutto in un periodo (presunto…) di ferie, uffici chiusi e quant’altro. Serve che dall’alto, da chi comanda, arrivi la presa di coscienza che una decisione debba arrivare. Altrimenti, sarà un altro duro colpo per tutto il calcio minore.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Gino Mazzei il 05/08/2020
Tempo esecuzione pagina: 0,08768 secondi