Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


"Io ALLENATORE, positivo al CORONAVIRUS, vi racconto la mia STORIA"

Andrea Petroni guida il Ponte Buggianese in Promozione, ma ora il calcio non è una priorità

Nessun problema a raccontare e a raccontarsi. Il coronavirus è (purtroppo) il “convitato di pietra” presente ora nelle giornate di tutti noi. Una storia perversa che sta cambiando le nostre esistenze. Nessuno è al riparo, c’è chi lo ha avuto e magari non lo sa, c’è chi purtroppo ne sta pagando un duro prezzo.

Tanti i casi ormai di personaggi conosciuti definitivi “positivi”, anche nel “nostro” calcio, quello minore, e toscano, ecco quello di Andrea Petroni, allenatore del Ponte Buggianese, squadra che abbiamo lasciato al sesto posto nel girone A della Promozione, in piena corsa per un posto nei play-offs. Già, quei play-offs che ora sembrano un miraggio per tutti, perché è davvero difficile capire quando e come ripartiremo.

Lucchese di Segromigno, 55 anni, Andrea è in isolamento da quel venerdi 4 Marzo, quando il tempone fatto rivelò la sua positività al virus. “Maledetta” quella cena al ristorante del paese insieme a tanti amici: fu lì qualche giorno prima che Andrea fu contagiato, insieme ad altri, uno di questi è ancora in lotta per la vita all’ospedale Careggi di Firenze.

“E’ vero, è andata così – dice a TOSCANAGOL – e io posso ritenermi fortunato perché non sono mai stato ricoverato. Mi è arrivato in  forma lieve, solo qualche linea di febbre all’inizio, poi per qualche giorno niente. Una settimana fa mi è tornata, ora però è tutto ok”.

Venerdì 20 scadono i quindici giorni e Andrea conta di superare la quarantena. “Non so se farò il tampone. Aspetto di saperlo. Sapere importante per me e per la mia famiglia”.

Già, perché la quarantena è valsa per tutti: per la moglie Cinzia e per le figlia Clarissa, 20 anni. Un’altra figlia Martina convive, mentre la terza Rachele è invece un medico e lavora all’ospedale di Careggi a Firenze dove abita. “Viviamo ognuno in una camera diversa, abbiamo un bagno personale e non possiamo certo stare insieme. Ognuno mangia per conto suo. E’ un’esperienza durissima”.

Ex calciatore a livello professionistico con le maglie di Lucchese, Cuoiopelli, Reggina, Pro Vercelli, Pontedera, Pavia e Olbia, Andrea Petroni è da anni allenatore conosciuto e apprezzato. Per lui buonissimi risultati con Pieve a Nievole e Anchione, poi Uzzanese, Lampo, Lammari in Eccellenza, quindi Lampo e Ponte Buggianese in Promozione. “Ora al calcio però non riesco a pensare. E’ un momento buio per tutti. Mi domando solo se il calcio dilettantistico riuscirà a ripartire”.

Andrea ricorda la partita vinta a Lammari lo scorso 1 Marzo. “Era un campo difficile e aver conquistato quei tre punti ci ha consentito di tornare a sperare di conquistare un posto nei play-offs”.

Quella domenica però Andrea non stava già bene. “Ero spossato, avevo mal di testa e così la settimana successiva non mi sono presentato agli allenamenti”. Poi la doccia fredda e la positività. “Ho avvertito la squadra e la dirigenza con un messaggio audio. Era uno scrupolo di coscienza che dovevo fare. Successivamente ho visto che nessuno del Ponte è stato chiamato per accertamenti, e, soprattutto, che nessuno è stato contagiato”.

I primi giorni sono stati quelli più duri. “La febbre è arrivata al massimo a 37,3, io mi sentivo sempre stanco e avevo mal di testa, le tempie che mi facevano male. Tosse? Non molta, ma in ogni caso erano diversi giorni che l’avevo”.

Lo stato d’animo è facilmente comprensibile. “Situazione non facile da descrivere. Ho certo di riposarmi, di riprendermi. Adesso è più di una settimana che non ho febbre e dunque mi svago alla tv, leggo libri e da tre giorni esco anche a fare due passi in giardino”.

Andrea vuole ringraziare “tutti gli amici, colleghi allenatori, giocatori attuali e del passato che ho avuto, dirigenti che mi hanno telefonato o mandato dei messaggi. Mi sono stati di conforto”.

E il suo messaggio per tutti noi? “Ritengo di essere stato molto fortunato rispetto a tanti altri. Diciamo che non è stato facile vivere questa storia. La speranza è che tutto finisca, ma per far sì che accada molto presto dipende solo dal nostro corretto comportamento”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Gino Mazzei il 18/03/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



VIDEO ACQUACALDA SPV: "Speriamo che tutto passi prima possibile"

Anche all'Acquacalda San Pietro a Vico (Seconda categoria girone C) provano a "sdrammatizzare" in questo difficile momento. E' stato così montato un simpatico VIDEO che mostra i giocatori della squadra biancoazzurra impegnati a casa in "particolari" allenamenti. "Un caro saluto a tutti - dice l'allenatore Mario Meschi -. Questo video è stato pensat...leggi
30/03/2020

"La RIPARTENZA sarà difficile per tutti: serve una TOSCANA unita"

E' una lettera-aperta bella e interessante, accorata e con una forte dose di positività. Andrea Motroni, responsabile del settore giovanile del Cgc Capezzano Pianore, ha scritto nei giorni scorsi al presidente Mangini, ma in accordo con lui, ha deciso anche di renderla pubblica tramite TOSCANAGOL e di questo lo ringraziamo. Il suo pensiero va al futuro e a come ripartirà i...leggi
30/03/2020

"Se si RIPARTIRA', propongo SPAREGGI per PROMOZIONI e RETROCESSIONI"

E' uno dei presidenti "storici" del calcio toscano. Prima con il Pietrasanta, poi con il Marina di Pietrasanta, oggi con lo Sporting Pietrasanta che ha fatto partire praticamente da zero. Serafino Coluccini è un imprenditore molto conosciuto in Versilia ed è un grande "amante" del gioco del calcio. Ci tiene, tramite TOSCANAGOL, a mandare un messaggio di speranza per tutti....leggi
30/03/2020

E gli ARBITRI? Anche loro aspettano la fine dell'emergenza ALLENANDOSI

E gli arbitri cosa fanno? "Chiusi" in casa come tutti noi, come logico che sia. Abbiamo chiesto al presidente della sezione AIA di Lucca Antonio Ruffo di inviarci un suo pensiero sul momento che viviamo, magari raccontandoci la quotidianietà "forzata" anche dei direttori di gara. ------------------------------------------------------------------------------------------------ ...leggi
28/03/2020

"Le POSIZIONI della società sono improntate solo al loro OPPORTUNISMO"

La sua società è stata tra le prime lo scorso lunedì 9 Marzo a rompere le righe ed a interrompere l'attività dei suoi tesserati. Alessandro Mussi, vice presidente dela Real Forte Querceta (serie D girone A) è anche uno dei delegato assembleari della Lega Nazionale Dilettanti dove rappresenta le società di questa categoria. Anche lui sta viv...leggi
27/03/2020

"Una RACCOLTA FONDI tra le SOCIETA' per AIUTARE in questa EMERGENZA"

La società US San Macario (Seconda categoria girone A) ha deciso di organizzare una raccolta fondi in merito all'emergenza che stiamo tutti vivendo, nella speranza di coinvolgere anche i tifosi e le società dilettantistiche della provincia di Lucca o chiunque sia interessato a dare una mano all'Ospedale San Luca di Lucca appartenente ad USL Nord Ovest Toscana. ...leggi
24/03/2020

NOIGIOCHIAMOINCASA: la challenge contro il virus viaggia sui social

Scuole chiuse e attività sportive sospese: una rivoluzione delle abitudini di tutti, in particolare per i più piccoli. Anche l’Asd Tau Calcio Altopascio si è adeguata alle disposizioni del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che impone la sospensione delle attività e la chiusura degli impianti, ma per restare vicino ai tanti tesserati ha lanciato ...leggi
24/03/2020


EX ARBITRO muore a soli 52 ANNI

La Sezione AIA “Mario Gianni” di Lucca piange la scomparsa di Gianluca Bertini, che si è spento a soli 52 anni a seguito di un arresto cardiocircolatorio. Ex arbitro da ormai diversi anni, Gianluca veniva comunque ricordato sempre con affetto da tutti i colleghi della Sezione. Era di Capannori (Lucca) ed ha diretto partite fino alla Prima categoria. Il Presidente Anto...leggi
23/03/2020

"Con un po' di FANTASIA, il campo di ALLENAMENTO può essere ovunque"

Lui è Manuele Cacicia, è di Lucca e da alcuni anni è il primo assistente tecnico di Davide Nicola che lo ha voluto con sè anche nell'attuale esperienza sulla panchina del Genoa. Manuele è un tipo estroso, ricco di fantasia, fuori e dentro il campo da calcio. Così, in questo momento di triste e forzato stop si è "inventato" alcuni simpatici "allen...leggi
13/03/2020

VIDEO SERIE D, il SERAVEZZA festeggia il COMPLEANNO di mister VANGIONI

Classe 1977, sono 43 le primavere per mister Walter Vangioni, condottiero oramai tre stagioni e mezzo del Seravezza Pozzi, piccola-grande realtà del girone A della serie D. E in un giorno in cui l'emergenza coronavirus offusca tutti gli amanti del calcio giocato, ci fa piacere festeggiare anche noi di TOSCANAGOL la "faina di Gallicano" (questo è uno dei suoi soprannomi) al quale f...leggi
09/03/2020

VIAREGGIO CUP, è ufficiale il RINVIO a data da destinarsi

Stop alla 72ª Viareggio Cup, che avrebbe dovuto iniziare il prossimo 16 marzo: si tratta di un rinvio, non di un annullamento. "La manifestazione è momentaneamente sospesa ma è nostra intenzione disputarla quando ci saranno le giuste condizioni, superata l’emergenza Coronavirus - afferma il presidente del Centro Giovani Calciatori, Alessand...leggi
06/03/2020

"Chiudere i CAMPO da CALCIO? Non è OBBLIGATORIO, serve solo PRUDENZA"

E' assessore agli eventi e al territorio del Comune di Altopascio (Lucca), ma da anni anche (apprezzato) istruttore a livello di scuola calcio. Adamo La Vigna è d'accordo con i provvedimenti presi per fermare il calcio in questi giorni di allarme coronavirus. In particolare nell’attività di base "dove i bambini ,che come tali si comportano, e che nel loro giocare e d...leggi
06/03/2020

VIDEO "L'importante era VINCERE, ci GODIAMO il TRIONFO"

Grande soddisfazione in casa Academy Tau per la vittoria della Coppa Provinciale Terza Categoria di Lucca. La compagine allenata da Antonio Maino si è imposta di misura (1-0 con goal di Miserendino) sulla Sanvitese nella finale disputata allo Stadio di Marlia. "Sapevo che la Sanvitese è una squadra che non molla mai - dichiara mister Maino - noi ab...leggi
05/03/2020

"Scelta VERGOGNOSA, non si doveva RINVIARE ma giocare a porte CHIUSE"

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Marco Scaltritti, addetto stampa del Ghivizzano Borgoamozzano, che esterna il proprio pensiero sulla sospensione del campionato di Serie D. Quella di Scaltritti "è una dichiarazione personale come cittadino e dirigente sportivo, non concordata con il GhiviBorgo" - ci tiene a sottolineare. ...leggi
05/03/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07549 secondi