Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


Il VORNO festeggia la SALVEZZA, ma CARDELLA ora potrebbe lasciare

Intervista a cuore aperto con il tecnico che in ogni caso dice: "Chi verrà qua troverà una società competente e un bell'ambiente"

Il Vorno festeggia la salvezza in Eccellenza. Era la prima volta per questa piccola società alla porte di Lucca al cospetto di piazze e società blasonate. Un traguardo raggiunto persino con una giornata di anticipo che premia il lavoro serio e competente di una società che sapeva che c’era il rischio di pagare una certa inesperienza a questi livelli e di uno staff tecnico che si è dimostrato competente e preparato anche in categoria superiore.

A guidarlo il tecnico Alfredo Cardella che ora confessa a TOSCANAGOL tutta la sua soddisfazione. “Abbiamo raggiunto la salvezza con una giornata di anticipo e per noi questo equivale a vincere un campionato. I meriti sono ragazzi, della società e dello staff.  In questi ultimi due anni abbiamo fatto la storia, ritengo però che parlare di sogno o di miracolo sia molto riduttivo nei confronti di tutti: dietro questo risultato non c'è casualità, oltre a me c'è un allenatore in seconda, un preparatore atletico, un match analyst, un preparatore dei portieri, un fisioterapista per il recupero degli infortunati, un massaggiatore, e persone competenti dietro una scrivania. Nulla è lasciato al caso, il lavoro sul campo, le nostre riunioni tecniche, i confronti con i dirigenti. Tutto ciò ci ha permesso di raggiungere l'obiettivo prefissato ad inizio stagione. Per questo parlare di sogni o di miracolo non è nel mio modo di lavorare e di pensare”.

Analizzando la stagione, Cardella focalizza il momento più bello e quello più deludente. “Sicuramente battere la corazzata Grosseto allo stadio “Porta Elisa” di Lucca è stata una grande soddisfazione che difficilmente la società Vorno dimenticherà. A noi come squadra quel giorno ha dato la consapevolezza che stavamo lavorando bene e che il motto “rispettare tutti ma non aver paura di nessuno” cominciava ad essere applicato sul campo. Quel giorno i ragazzi cominciarono a capire che trasformare il lavoro settimanale sul campo era possibile. Delusioni particolari non ce ne sono state, anche se è chiaro che quando facciamo un campionato difficile come quello dell’Eccellenza, alcune volte si arrivava alla domenica sera dopo una gara andata male e la mancanza di certezze sull’assetto tattico potevano essere rimesse in discussione, ma con il mio staff ci rimettevamo subito al lavoro per ritrovarle”.

Da non dimenticare quello che poi è successo nel “mercato” di dicembre con la partenza di due pedine importanti come Petracci e Remedi. Il Vorno sembrava spacciato nonostante l’arrivo di un attaccante di grande esperienza come Marino Taddeucci. “Chi ha lasciato Vorno, lo ha fatto chi per problemi lavorativi, chi per mancanza di spazio, chi per scelta nostra perchè faticava a fare questa categoria. Petracci soffriva di mancanza del gol e faceva un po’ di fatica, ma noi lo avremmo aspettato, però lui per mancanza di stimoli ha preferito cambiare. Io credo però che una categoria come l'Eccellenza gli stimoli possa solo darteli, anche perché non mi sembra che l’avesse mai fatta da protagonista. Abbiamo però rispettato la sua scelta e la società lo ha lasciato andare, mentre Remedi è un giocatore che tutti gli anni a dicembre cambia casacca e la cosa si commenta da sola. Detto questo il direttore Dal Porto si è rimesso al lavoro e i risultati ancora una volta hanno confermato le sue capacità. I suoi “ritocchi” ci hanno permesso di centrare l'obiettivo”.

Cosa è cambiato con l’arrivo dei nuovi? “Intanto ci tengo a dire che anche prima la squadra era fuori dai playout, come l’anno scorso fummo primi dalla prima giornata fino all’ultima anche quest’anno siamo sempre stati fuori dai play out. L’arrivo dei nuovi ha portato entusiasmo e tranquillità in uno spogliatoio che faticava a fare gruppo. I nuovi si sono messi subito a disposizione con molta umiltà e soprattutto con la carica che questa categoria trasmette, hanno portato serenità e ottimismo: Poi tenere il profilo basso, rispettare tutti, ma non aver paura di nessuno e lavorare senza fare tabelle non ha interrotto il cammino verso il traguardo”.

C’è qualche giocatore che in una maniera o in un’altra ha fatto la differenza? “Faccio due nomi perche so che tutto il gruppo la pensa come me. Il primo è Carusio che come ho sempre detto è come un allenatore in campo: è un professionista vero, ha dato sicurezza tattica a tutta la squadra, Sono convinto che diventerà in futuro un buon allenatore, se saprà ascoltarmi, anche se penso che possa ancora giocare a buon livello. Il secondo è Catania, un giocatore di 37 anni che appena l’ho chiamato è corso a darmi una mano: lui ha portato fiducia e spensieratezza con la sua umiltà e la sua voglia di vincere sempre. Ha dato quella marcia in più a tutti”.

Come giudica il lavoro in queste due stagioni della società Vorno? “C’è gente che sa di calcio, è competente ed è abituata a lottare, che con i suoi difetti cerca di non farti mancare niente. E’ una società che negli ultimi anni ha sempre raggiunto l'obiettivo prefisso, due campionati vinti e due salvezze alle prime esperienze in categoria. Credo che siano numeri che parlano da soli sul come si lavora a Vorno. A mio avviso la “ciliegina” sulla torta è sicuramente rappresentata dal direttore sportivo Maurizio Dal Porto, persona competente e intenditore di calcio, conoscitore di giovani e in grado di capire quali innesti fare, una persona che con budget ridotti riesce sempre a lavorare al meglio”.

A salvezza ottenuta ora si può parlare del futuro di Alfredo Cardella? “E' presto per dirlo, manca sempre una partita e vogliamo finire bene. Credo che per il Vorno il discorso allenatore sia secondario, con questa salvezza si sono aperti scenari importanti che la società dovrà valutare con tutta calma. Sono molto soddisfatto a livello personale di questi due anni: l 'Eccellenza è una sorta di campionato “semiprofessionismo” che ti affascina e ti permette di lavorare come piace a me, Vorno mi ha dato tanto e io credo di aver dato qualcosa al Vorno, il calcio è bello per questo ma poi quello che si è fatto ieri, domani è già dimenticato e si ricomincia. Con Cardella o senza Cardella il Vorno andrà avanti e continuerà a fare bene, perché è una società che sa fare calcio e non improvvisa mai. Chi verrà a Vorno potrà lavorare in un ambiente ideale per fare calcio”.

Dalle sue parole sembrerebbe profilarsi un divorzio. “Ad oggi sono concentrato sul festeggiare con i ragazzi questo traguardo raggiunto e poi su concludere bene il campionato perché abbiamo la partita con il Piombino tra due settimane. Per cui parlare di conferme o addii non mi sembra il caso. A tempo debito saprete tutto”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 10/04/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



La mostra fotografica ORGOGLIO BIANCONERO sarà aperta sino al 4 Maggio

Rimarrà aperta fino al prossimo sabato 4 maggio la mostra fotografica ‘Orgoglio bianconero 1919-2019 Cento anni di calcio a Viareggio’ allestita nei locali della galleria Acrel in via Verdi 247 e visitata fino ad oggi da molti appassionati, ex calciatori, ex dirigenti che si sentono legati al pallone locale. Una mostra con 120 foto – curata da Mario Niccolai della tipog...leggi
23/04/2019

"Siamo un grande GRUPPO, UNITO per portare a termine questa CAVALCATA"

Un solo punto divide il River Pieve dallo storico passaggio in Promozione: la formazione allenata da Edoardo Micchi è infatti in vetta al Girone A di Prima Categoria con sei punti di vantaggio sul Tau Calcio Altopascio quando mancano appena due turni al termine della regular season. Uno dei protagonisti della grande stagione dei garfagnini è sicuramente il centrocampista c...leggi
19/04/2019

"Imparate a SOSTENERE chi fa SFORZI, anziché DENIGRARLI e SMINUIRLI"

Tuona pesante Cristiano Baroni, ex Presidente del Viareggio 2014 che ha ricoperto la carica fino allo scorso novembre. L'ex numero uno bianconero è pesantemente irritato dalle voci denigratorie circa l'operato suo e dei suoi collaboratori in questi ultimi anni e, tramite una lettera, esterna tutto il proprio rammarico. Basta gettare fango! Ormai t...leggi
16/04/2019

"L'ARBITRO non ha voluto aspettare e ci ha persino preso in giro"

Tuona pesantemente il Presidente del Don Bosco Mazzola (Terza Categoria Lucca Girone A) Gabriele Saviozzi dopo le decisioni del Giudice Sportivo della Delegazione provinciale che gli ha comminato la sconfitta per 3-0 a tavolino contro il Viareggio 86, un punto di penalizzazione in classifica e 800€ di multa. La sanzione è arrivata perché la squadra "non si è pr...leggi
11/04/2019

TERZA LUCCA GIR. A, pesante MULTA per il DON BOSCO MAZZOLA

GARA ASD SPORTING VIAREGGIO 86 - USD DON BOSCO MAZZOLA del 6/4/19 NON DISPUTATA Il G.S.T. esaminati gli atti ufficiali dai quali rileva che: - la Società DON BOSCO MAZZOLA non si è presentata in campo nei termini previsti dal regolamento; -visto l'art. 53 n. 2 e 7 delle NOIF; INFLIGGE alla Società DON BOSCO MAZZOLA la...leggi
11/04/2019

VIDEO, lo SPORTING PIETRASANTA non vuole più fermarsi e salire ancora

Bastava un pareggio e così è stato, 1-1 nel derby contro il Lido di Camaiore e con tre turni di anticipo lo Sporting Pietrasanta sale in prima categoria. La formazione di mister Gabriele Mazzei, ha condotto questa cavalcata vincente dalla prima giornata con una regolarità nei risultati impressionante. La squadra che aveva dominato la terza categoria è stata costruita...leggi
08/04/2019

PRIMA GIR. A, il TAU CALCIO ne fa CINQUE in casa dell'ORENTANO

Orentano - Tau Calcio Altopascio 1-5 ORENTANO: Gori, Battaglia, Cirillo, Cecchi, Rugani, Giani, Casini (5' st Giacalone), Centoni (37' st Menichinelli), Verola (37' st Ruglioni), Franchini, Nannelli. A disposizione: Ramacciotti, Montorzi, Mazziotta. Allenatore: Capioni.TAU CALCIO ALTOPASCIO: Daviddi, Casali, Lunardini, France...leggi
08/04/2019

TERZA LUCCA, il VIAREGGIO '86 trionfa nel girone A

Lo Sporting Vareggio 86 conquista il campionato di Terza categoria Lucca Girone A con una giornata di anticipo, grazie alla vittoria a tavolino contro il Don Bosco Mazzola, e soprattutto grazie al San Macario supera per 4-3 il Lucca Calcio, consentendo alla squadra bianconera di portarsi a +5 dalla seconda in classifica. ...leggi
08/04/2019

Lo SPORTING PIETRASANTA è ancora CAMPIONE e vola in PRIMA CATEGORIA

Con tre turni di anticipo i versiliesi dello Sporting Pietrasanta si aggiudicano la vittoria del Girone A di Seconda Categoria. Il team di mister Gabriele Mazzei, salito in vetta alla terza  giornata di ritorno, non ha mai mollato lo scettro fino al triplice fischio nella gara vinta in Lunigiana in casa della pericolante Monti con il minimo scarto. Non ci sono più parole e aggettivi...leggi
02/04/2019

PRIMA GIR. A, netto SUCCESSO interno per il TAU CALCIO ALTOPASCIO

Tau Calcio Altopascio - Sporting Bozzano 4-1 TAU CALCIO ALTOPASCIO: Daviddi, Casali, Lunardini, Bruni (43’ pt Donati), Franceschi, Giardini, Paoletti (45’ pt Vannucci), Vanni Leonardo (29’ pt Vanni Andrea), Biggi (19’ pt Tognotti), Sardelli (25’ pt Lenci), Haoudi. A disposizione: Bertenni, Pieri, Balli, Del Sarto. Allenator...leggi
01/04/2019

L'OLTRESERCHIO vola in SERIE A2 di CALCIO A 5 femminile

Grandissima impresa delle ragazze del Calcio a 5 femminile dell'Oltreserchio, che al primo anno di attività centrano la promozione nel campionato nazionale di Calcio a 5 di Serie A2. La squadra di mister Nelli e capitan Barsocchi dopo la vittoria a Prato contro il Futsal Bagnolo ha festeggiato la promozione con due giornate di anticipo dopo aver passato tutto il campionato in testa alla ...leggi
01/04/2019

LIBERTAS, l'ennesima FIGURACCIA: in campo in OTTO e senza ALLENATORE

Jesina - Libertas 13-0 JESINA: Cantori, Gallina (75′ Zambonelli), Crocioni (46′ Paolini), Boccanera, Alessandrini, A.Modesti (51′ Oleucci), Rossetti, Piergallini, Ventura (75′ Battistoni), C.Modesti, Fontana (46′ Fiorella). All. Iencinella.LIBERTAS: Acciari, Barsotti, Bura...leggi
29/03/2019


DE ZERBI "strega" gli ALLENATORI con la sua FILOSOFIA di CALCIO

Due passaggi specifici. Il primo in cui racconta quando ha smesso di giocare nel 2013, a 33 anni, quando nonostante fosse un calciatore professionista, la testa andava più veloce delle gambe e il suo pensiero era già di iniziare ad allenare. Il secondo riguarda il ruolo di allenatore e la credibilità che arriva dal grado conoscenza che uno ha: il rapporto con i giocatori ch...leggi
26/03/2019

La mostra fotografica "ORGOGLIO BIANCONERO" durerà fino al 18 Aprile

Per esigenze organizzative, la mostra fotografica ‘Orgoglio bianconero’ dedicata ai 100 anni del calcio a Viareggio, aperta il 20 marzo nei locali del circolo Acrel di via Verdi 247, chiuderà in anticipo per poi riaprire in un secondo momento. Domani dunque la rassegna viene smontata ma verrà riproposta nella stessa galleria a partire dall’8 aprile fino al 18 del...leggi
26/03/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04849 secondi