Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

ATTENZIONE,il nuovo PROTOCOLLO per il "RETURN TO PLAY" non è in VIGORE

Non ha ancora valore legale: deve essere approvato con una circolare del Ministero della Salute

Il nuovo PROTOCOLLO (LEGGI QUA) redatto dalla Federazione Medico Sportiva Italiana riferito al "RETURN TO PLAY" per la ripresa dell'attività agonistica per gli atleti risultati positivi e guariti dal Covid-19 non è ancora ATTIVATO.

Lo precisiamo perchè ci risulta che in questi giorni molte famiglie toscane si stanno rivolgendo a vari centri preposti, coinvolgendo anche le proprie società. Calma e gesso dunque, visto che proprio oggi il segretario generale della FMSI Maurizio Galdi, ha inviato a tutti i soci una lettera in cui spiega proprio questo.

Il presidente federale Maurizio Casasco si è personalmente attivato con il Ministro della Salute Roberto Speranza e con la Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero medesimo, con i quali è in costante contatto, affinchè il documento possa essere velocemente verificato dal CTS e, poi, approvato con debita circolare ministeriale. Viene così precisato che il documento FMSI non ha, al momento, alcun valore legale.

A oggi dunque, si è tenuti a rispettare le norme vigenti e chiunque applicasse il nuovo protocollo "RETURN TO PLAY" opererebbe in condizioni di illeceità. Attendiamo dunque fiduciosi che nel breve la situazione si sblocchi. 

In ogni caso va specificato che "IL RETURN TO PLAY" non sarebbe una nuova idoneità, ma una serie di esami che documentano che il Covid non ha lasciato conseguenze, e dovrebbero (almeno così dovrebbe essere...= essere eseguiti dal medico che ha fatto la visita: in questo caso però la scadenza rimane quella del precedente certificato.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/01/2022
Tempo esecuzione pagina: 0,05628 secondi