Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

IPOTESI "GREEN PASS" anche nel CALCIO DILETTANTISTICO e GIOVANILE?

La ripartenza è ancora a forte rischio. La situazione è di totale confusione, si attende l'uscita un nuovo protocollo da parte del Comitato Tecnico Scientifico

Come ripartire nella prossima stagione? Siamo in un momento di completa confusione in fatto di vaccini, varianti e quant'altro. Un'altra estate di indecisioni e sul filo del rasoio. Nessuna certezza su quello che potrà accadere nel medio periodo, l'incubo covid (e tutto quello che ne deriva...) che aleggia ancora sopra le nostre teste.

Come programmare il calcio che verrà? Come riuscire a ipotizzare una "normalità" clamorosamente in ballo nonostante le campagne vaccinali. Ecco che anche nel calcio minore si fa strada lìidea di una specie di Green Pass, come quello che viene rilasciato oggi per poter, ad esempio, viaggiare.

Si attende, pare, a breve, il nuovo protocollo, per il calcio dilettantistico che verrà stilato su indicazione del Comitato Tecnico Scientifico. Per aggirare il problema dei tamponi e fare un decisivo passo in avanti sono in tanti a chiedere, per l'appunto, un lasciapassare per poter effettuare attività sportiva di tipo agonistico. Anche in questo caso, però, i numeri ed il tempo scarseggiano: sono pochi i giovani che stanno aderendo alla campagna vaccinale e sono poche le settimane a disposizione per poter predisporre un percorso del genere. La volontà di ripartire c’è, la consapevolezza che non sarà facile anche. Un Green Pass però azzererebbe la spesa dei tamponi e agevolerebbe notevolmente lo svolgersi dell'attività.

E in Toscana? Riprendiamo un post su facebook della Lega Nazionale Dilettanti dove si racconta che lo scorso giovedì 15 luglio il Presidente Paolo Mangini abbia incontrato, in videoconferenza, 53 società di calcio a 5 che svolgono la loro attività in regione.
 
Tra i temi toccati all’interno della riunione, quello che ha destato particolare interesse è stato il problema vaccinale. I dati degli ultimi giorni certificano un netto abbassamento dell’età dei contagiati, fattore questo che interessa particolarmente la fetta di popolazione che pratica lo sport. Si è dunque convenuto che sarebbe necessaria una campagna di promozione e sensibilizzazione relativa a questa fascia di età da parte delle massime istituzioni regionali. Il Presidente Mangini, durante la riunione, si è impegnato a rappresentare la problematica legata alle vaccinazioni in tempi brevissimi al Presidente della Regione Toscana.
 
Ieri il Presidente Mangini ha inviato un messaggio al Presidente Giani per rappresentare questa emergenza così sentita dalle nostre società, che non sia limitata alle sole fasce di età giovanili ma che possa far nascere una nuova campagna di sensibilizzazione e di promozione dei vaccini senza i quali la ripresa tanto sperata si farà più difficile.
Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 20/07/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,05632 secondi