Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

CALCIO in LUTTO per la MORTE di un ex ATTACCANTE e poi ALLENATORE

Giovanni Andreini aveva solo 44 anni, era di Colle Compito (Lucca) e aveva lavorato in Messico

Tanto dolore in provincia di Lucca per la scomparsa di Giovanni Andreini, 44 anni, ex calciatore e allenatore. Un brutto male, con il quale combatteva da tempo, se l'è portato via. Era di Colle di Compito, frazione del Comune di Capannori.

Tanti amici stanno ricordando in queste ore Giovanni che vanta un passato calcisitico di primo piano. Cresciuto nel San Concordio (società con la quale aveva vinto anche un torneo "Koala", manifestazione importante di quegl'anni), poi era passato al Luccasette e quindi al Montecatini. La Lucchese lo aveva seguito, il professor Bianchi che guidava il settore giovanile lo apprezzava, ma non era convinto dalla sua corsa un po' "curva". Diceva che non era "bello da vedersi". Lo prese invece lo Spezia dove giocò nel campionato Primavera. Ebbe anche una proposta per andare a giocare in un college statunitense, ma non andò perchè nel frattempo si era diplomato geometra ed iniziò a lavorare. 

Iniziò quindi una carriera a livello di calcio dilettantistico perchè era in ogni caso un bomber di razza, uno che la porta la centrava spesso e volentieri, vestendo le maglie del Montuolo, del Castelvecchio e del Vorno. Significativa l'esperianza di Marginone dove Andreini ha giocato diversi anni, segnando sempre tante reti con il suo micidiale sinistro.

Poi la voglia di allenare e la partecipazione al corso allenatori Uefa B del 2013 diretto da Francesco D'Arrigo e organizzato a Lucca. Quindi alcune esperienze in panchina, a Montuolo in Seconda e a Castelvecchio in Terza. Quindi il trasferimento a Città del Messico dove aveva trovato lavoro come geometra nel 2015. Qua conobbe Daniela che nel settembre del 2019 divenne sue moglie. Poco dopo però, purtroppo, ecco le prime manifestazioni del male: il ritorno in Italia per curarsi e l'inizio di una dura battaglia contro un avversario maligno.

Giovanni lascia la moglie Daniela, il padre, due fratelli e due sorelle. Il funerale si terrà mercoled' 13 Gennaio alle ore 15 presso la Chiesa di Colle di Compito.

ALLA FAMIGLIA DI GIOVANNI ANDREINI LE PIU' SENTITE CONDOGLIANZE DA PARTE DELLA REDAZIONE DI TOSCANAGOL

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/01/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,06253 secondi