Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Firenze


"Giusto togliere il VINCOLO: nel CALCIO deve tornare la MERITOCRAZIA"

TOSCANAGOL apre un DIBATTITO su questa problematica. Fausto Bello spiega perchè è favorevole

Il VINCOLO SPORTIVO, croce e delizia, oggetto del contendere in questo momento più che mai di attualità. Da anni si parla di abolirlo, ora pare essere arrivati davvero al momento della svolta. Le società dilettantistiche sono sul piede di guerra: per anni hanno basato gran parte della loro attività sulla possibilità di trovare forme di finanziamento sulla possibilità di valorizzare i propri ragazzi. Ora questo loro "mantra" sta venendo meno e la polemica sta per scoppiare. 

TOSCANAGOL vuole capire esattamente la problematica ed apre pubblicamente un DIBATTITO. Chi volesse mandare un proprio intervento può scriversi a info@toscanagol.it oppure via whatsapp al 3295316202.

Intanto ospitiamo il pensiero di chi è FAVOREVOLE all'abolizione del VINCOLO. Ci scrive Fabio Bello, allenatore e genitore, che ci spiega nel dettagli i motivi della sua opinione.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Oggi prende corpo la notizia che il governo, (io aggiungo finalmente) tramite il ministro Spadafora, che, con un disegno di legge, si vada all’eliminazione del vincolo sportivo nel mondo del calcio.

La mia esperienza, oltre a quella di allenatore e Match-analyst, in questo ambito, è quella di genitore, avendo due figli, che fortunatamente praticano sport, ma sfortunatamente, (a malincuore) debbo dire ad oggi per tutte le vicissitudini, praticano calcio.

Il vincolo nei dilettanti e nei professionisti (non parlerò direttamente dei fatti, per non rischiare denunce di nessun tipo), porta con se, diverse problematiche.

La prima per il mio punto di vista è quella spesso, del ricatto, le società in modo subdolo, nei confronti dei genitori, “il ragazzo o firma il vincolo o non gioca più” oppure quando il ragazzo vuole andare in un’altra società “o porti i soldi oppure non parti”

Questa è indifferentemente usata sia nei dilettanti, che nei professionisti

L’altro problema deriva dalla rinuncia precoce al gioco, proprio, per colpa del vincolo, quando un ragazzo non si trova in un gruppo, per i più disparati motivi, magari gioca poco, o l’allenatore non lo vede e vuole cambiare aria, sentendosi ricattare, decide di dire basta e rinunciare al calcio.

Io mi sono trovato tra i professionisti, con un figlio, non firmando il vincolo pluriennale (tra i professionisti scende al quattordicesimo anno di età) perché non si trovava nella società di appartenenza, a non vederlo giocare per circa 4 mesi.

Immaginate un ragazzo, ancora non aveva quattordicenne, che deve continuare ad allenarsi e non giocare, magari prima era il capitano e uno dei protagonisti della squadra, senza far polemica, ma come si può permettere, ad una società solo, per le mire personali, di non far giocare e ripeto GIOCARE, perché il calcio è un gioco un ragazzo di 13 anni?

L’altra "moda" pericolosa, che, tutti conoscono, ma nessuno prende provvedimenti seri, e che legata sempre al vincolo, procura ancora più danni è quella del premio, fonte di ricatto e di innumerevoli favori di sotto banco, dove, fatiscenti procuratori si prestano, per proporre previo esborso dei genitori, ragazzi incapaci o molto al limite della categoria, in società di tutte le categorie, pagando le spese e spesso anche molti soldi in più.

Io credo che il giusto mezzo per riportare il calcio a livelli accettabili, sia la meritocrazia, questo passaggio è obbligatoriamente legato all’esclusione del vincolo e secondo il mio modesto parere, anche con l’annullamento del premio, spostando lo stesso al momento dell’effettivo debutto nel calcio dei grandi, magari dopo almeno una ventina di presenze, eliminando chiaramente l’obbligatorietà delle quote.

Il calcio funziona, come il resto del mondo dello sport e del lavoro, se va avanti chi merita, e non chi “intrallazza” o addirittura paga, pensate se per entrare a lavorare in un ufficio importante, qualcuno si trova a pagare, come si chiama questo per la legge? E allora perché nello sport è tacitamente accettato?

L’altro punto che si va a favorire eliminando il vincolo, è proprio la meritocrazia di sistema, in che senso?, se lavori bene, se hai impianti all’altezza e allenatori preparati, quindi il ragazzo ha la certezza, che lavori, per il suo costante miglioramento, perché dovrebbe andare in un’altra società, invece, un ragazzo, che magari ha dei mezzi, che si trova ad essere allenato, dal primo che capita, in campi, dove spesso non crescerebbero neppure le patate, abbindolato magari da promesse mai mantenute, perché dovrebbe rimanere nella società che non ha nessun interesse reale nei confronti del ragazzo?

Chiaramente, per cambiare la situazione attuale del calcio, non può essere solo preso di mira il vincolo, ma la riforma deve essere strutturale, prevedere appunto un modello funzionale, dove al centro di tutto torna il ragazzo.

In questa ristrutturazione, entra anche il capitolo allenatori, gli allenatori bravi (sembra che anche questo capitolo verrà preso in carico dal governo) devono essere pagati e i rimborsi minimi, devono essere riconosciuti a tutti, in questo, dovrebbe essere anche AIAC ad intervenire, perché tra il costo dei corsi, gli aggiornamenti e il tempo che dobbiamo dedicare alla nostra passione per essere sempre all’altezza dell’incarico, non possiamo rinunciare ad un incarico, interessante e vedere che arriva un altro allenatore che accetta gratis, oppure spesso, si porta in dote lo sponsor.

Il discorso è culturale, se vogliamo veramente bene ai nostri ragazzi, dobbiamo lottare tutti insieme per il loro bene, senza guardare più ai meschini affari personali, perché ciò che stiamo producendo è un calcio mediocre destinato all’implosione totale e probabilmente molto spesso aiutiamo la società a costruire persone peggiori invece di uomini.

CHI E' FAUSTO BELLO
"Ero un giocatore mediocre, quattro anni nel settore giovanile della Cerretese quando era tra i professionisti e tutte le categorie dilettantistiche Rino ai 26 anni, quando in un infortunio mi sono girato il piede di 180* e fine della carriera.  Da allenatore sono stati diversi anni al Montaionee poi Gambassi alla Juniores e come "secondo" in Eccellenza, quindi Tuttocuoio negli Esordienti professionisti), Montelupo, Ponzano e altre con diverse soddisfazion. Ho allenato qualche ragazzo che oggi gioca nei professionisti. Ho partecipato al primo corso Match Analyst a Coverciano, ma a parte qualche collaborazione da esterno non ho trovato una società per poter fare anche questa professione. Ho sempre rifiutato società dove non interessavano le mie conoscenze, ma solo i giocatori allenati e adesso sono a Limite sull’Arno, una delle poche realtà dove si può lavorare bene, anche se per adesso non ho potuto far vedere molto, allenando i giovanissimi B".

 
Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 26/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



"E' un'INGIUSTIZIA, ricorreremo in APPELLO perchè siamo INNOCENTI"

"Abbiamo subito una grande ingiustizia, sono assolutamente convinto dell'innocenza del nostro ds e della società. Ricorreremo in appello e se non restremo soddisfatti andremo anche al Collegio di Garanzia dello spor. Siamo pienamente convinti di essere dalla parte della ragione". Questo il ...leggi
26/01/2021

GIANI garantisce a MANGINI il suo IMPEGNO e AIUTO al CALCIO MINORE

In data 13 gennaio 2021 si è svolto un incontro fra il Presidente della Regione Eugenio Giani e il Presidente del Comitato Regionale Toscana Lega Nazionale Dilettanti Paolo Mangini accompagnato dal vicepresidente Massimo Taiti. Durante l’incontro, richiesto nei giorni scorsi dal Presidente Mangini, sono stati affrontati in particolare tre argomenti di estremo interesse per ...leggi
14/01/2021

A CERTALDO hanno deciso: si torna in CAMPO

L'ASD CALCIO CERTALDO e L'ASD CERTALDESE GIOVANI riaprono i cancelli del campo sportivo. Da lunedì 18 gennaio verranno svolti allenamenti individuali per tutti i nostri tesserati della scuola calcio e del settore giovanile.   Sono le due società...leggi
14/01/2021

Ultimo MANDATO per CALAMAI alla guida degli ALLENATORI fiorentini

Si sono svolte le elezioni per il rinnovo delle cariche provinciali AIAC e Cesare Calamai è stato confermato anche per il prossimo quadriennio Presidente Provinciale. Calamai esprime grande soddisfazione per la rielezione propria e del Consiglio e ringrazia il Presidente Regionale Luciano Casini che ha sostenuto la sua candidatura. E' il suo ultimo mandato e in questo quadriennio...leggi
11/01/2021

ASSEMBLEA ELETTIVA LND, ecco CHI ha DIRITTO a PARTECIPARE"

Un'importante raccomandazione per le società toscane che sabato 9 Gennaio si recheranno a Firenze, presso il "Nelson Mandela Forum" per l'assemblea elettiva del Comitato Regionale della Lega Nazionale Dilettanti.  "Ricordiamo a tutte le Società - ecco la nota della LND Toscana - che l'attuale normativa anti -Covid relativa allo svolgimento del...leggi
08/01/2021

Fiorentina, come se la sono cavata i ragazzi: così nella prossima gara

Il match di ieri si è rivelato un buco nell’acqua per i Viola, eppure di fatto non è che il Lazio abbia fatto chissà quali numeri strepitosi! Un vero peccato, una serie di errori e distrazioni che sono costati cari e un “risveglio” avvenuto troppo avanti nei minuti della partita. Con stupore dei fan viola la sfida fra Lazio e Fiorentina si è conclus...leggi
07/01/2021

VIDEO SERIE D: "Non pensavo che la mia SQUADRA potesse GIOCARE così"

L'allenatore del San Donato Tavarnelle (serie D girone E) Paolo Indiani loda la prestazione dei gialloblu al termine dei novanta minuti con la Pianese.  "Non credevo che la squadra potesse esprimersi così dopo il lungo stop. Pensavo trovasse più difficoltà, invece la squadra è andata via bene, ha fatto una buonissima gara. Il risultato ci pu&ogra...leggi
07/01/2021

VIDEO SERIE D, giusto pari tra SAN DONATO e PIANESE (1-1)

Un pareggio interno con la Pianese bagna questo prima partita del 2021 per il San Donato Tavarnelle di mister Paolo Indiani. Sono stati due calci di rigore a decidere la partita, uno per tempo. Dopo il vantaggio al 20′ del primo tempo con Arras per gli ospiti,  al 57′ è stato Caciagli a trovare il pareggio per i padroni di casa. Un pareggio che può essere consider...leggi
07/01/2021

Prandelli non è ancora riuscito a cambiare la Fiorentina

Insieme al Torino, la Fiorentina è di gran lunga la sorpresa in negativo di questo inizio di campionato. Con 11 punti conquistati in 13 giornate, la Viola continua a navigare in acque poco sicure e, almeno per il momento, l’esonero di Iachini e l’arrivo di Prandelli (foto) non hanno so...leggi
22/12/2020

MANGINI precisa: "Non ho detto che i CAMPIONATI non ripartiranno"

Un intervento televisivo nel corso della trasmissione IL GIOCO E' FATTO sull'emittente TV PRATO che ha suscitato un vasto eco, soprattutto per il titolo dato in articoli usciti su alcuni siti: CAMPIONATI REGIONALI DILETTANTI E GIOVANILI VERSO LO STOP. IL PRESIDENTE PAOLO MANGINI: "MANCANO LE CONDIZIONI DI SICUREZZA PER LA RIPRESA". Questo titolo non gli è piaciuto e...leggi
05/01/2021

ELEZIONI LND TOSCANA; ecco cosa c'è da SAPERE per PARTECIPARE

Tutto pronto per l’Assemblea Ordinaria Elettiva delle Società del Comitato Regionale Toscana che si terrà sabato 9 gennaio 2021 presso il Nelson Mandela Forum di Firenze, una location davvero opportuna e necessaria in considerazione delle criticità dovute all’emergenza sanitaria attuale. Il Mandela Fo...leggi
04/01/2021

ATTI di VANDALISMO al campo dell'ANTELLA e la società IRONIZZA

Vandali in azione al campo sportivo dell’Usd Antella. Ieri il custode, Alessandro, ha trovato la zona solitamente adibita a bar durante le partite, devastata: sedie rovesciate o appesa alle travi della tettoia, il cannicciato delle pareti danneggiato. Non è la prima volta che qualcuno sfoga così le proprie frustrazioni. Una pratica che neanche la pandemia e il coprifuoco han...leggi
30/12/2020

CALCIO TOSCANO in LUTTO per la SCOMPARSA di un NOTO DIRIGENTE

Oggi Ponte a Greve (Firenze) piange la scomparsa di Roberto Rorandelli, 76 anni, per tutti “il Panara”. Roberto è stato uno degli attori principali della realizzazione del centro sportivo del Ponte e, per molti anni, un dirigente appassionato della società che lui stesso aveva fondato insieme ad altri nel 1973.   ...leggi
28/12/2020

Fissata la DATA dell'ASSEMBLEA ELETTIVA della LND TOSCANA

ASSEMBLEA ORDINARIA ELETTIVA Per il rinnovo delle cariche elettive quadriennali, a valere per il quadriennio 2021/2024, del Comitato Toscana. L’Assemblea del Comitato Regionale Toscana è convocata per SABATO 9 GENNAIO 2021 presso il PALAZZETTO dello SPORT – NELSON MANDELA FORUM in Piazza E. Berlinguer – ...leggi
18/12/2020

ROSSANO DEGL'INNOCENTI è il nuovo PRESIDENTE della RIGNANESE

Anche  a  seguito  degli  impegni  assunti  dal  gruppo  dirigente  della  USD  Rignanese  durante  le  occasioni  interne  di  confronto;    con  l’Assemblea  dei  Soci  svoltasi  questo  pomeriggio  presso  la  Sede  sociale  e,  a&nb...leggi
11/12/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06601 secondi