Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Prato


CICCIO TAVANO: "Ho 41 anni, ma senza CALCIO non so STARE"

L'attaccante del Prato racconta la sua grande carriera e la voglia di continuare ancora a giocare

Una domenica di stop forzato ed ecco l'interessante intervista che l'attaccante del Prato (serie D girone D) Ciccio Tavano ha rilasciato alla rivista della Lega Nazionale di serie D.
 
L'accento tradisce le origini. Ciccio Tavano, che quasi nessuno chiama Francesco come all'anagrafe, è nato a Caserta ma ha messo radici e fatto famiglia in Toscana. Dal 2007 a oggi, solo una parentesi di un anno ad Avellino; per il resto, Livorno, Empoli, Prato, Carrarese e ancora Prato. Non era mai sceso nei Dilettanti, Tavano, "ma la passione per il calcio non ha categoria". La Serie D va avanti; Tavano, a 41 anni che a marzo saranno 42, pure.
 
Tavano, contento che la Serie D continui? "Certamente, fa felice me e tutti i protagonisti di questo campionato. Dispiace per la situazione, ma il calcio deve andare avanti perché ci dà l'opportunità di socializzare e a tanta gente di passare le giornate con un sorriso. Senza ovviamente dimenticare chi lavora in questo settore".
 
Ha avuto paura di un nuovo stop come a marzo? "Ho pensato che senza il calcio non so stare. Durante il lockdown, a casa con la mia famiglia, mi sono allenato ogni giorno. E lì è scattata la scintilla, che mi ha fatto capire che non è ancora il momento di fermarmi. Ero in scadenza di contratto con la Carrarese, volevo giocare vicino casa. Così quando è arrivata la chiamata del Prato non ci ho pensato un attimo".
 
Si sente più toscano o campano? "Molto toscano, diciamo così. Ho vissuto più anni qui che a casa. Poi in Toscana si vive bene e c'è un'ottima cultura del calcio. Ho avuto la fortuna di arrivare in una società come l'Empoli che mi ha fatto crescere a livello calcistico e umano".
 
Per quanti anni vuole ancora andare avanti? "La carta d'identità ha il suo peso, ma sono gli stimoli e il fisico che contano di più. Mi sento benissimo: non ho avuto infortuni gravi in carriera e questa cosa mi ha aiutato. Non so dire se questo sarà o meno il mio ultimo anno. Più avanti ci si penserà, lasciare il calcio sarà dura. Di sicuro, vorrei rimanere nell'ambiente".
 
Ha già pensato a come giocare il suo "secondo tempo"? "Prenderò il patentino per fare l'allenatore. Mi piacerebbe iniziare con i giovani, anche per il carattere che ho. Molti miei colleghi hanno cominciato già dalle prime squadre, o addirittura dalla Serie A. Io invece vorrei iniziare dal basso".
 
Ci racconta il suo primo giorno nello spogliatoio del Prato? Alcuni suoi compagni, per età, potrebbero essere suoi figli... "Dovreste chiederlo a loro (ride, ndr). Non credo ci sia stato timore, ma piuttosto curiosità, nel vedere un giocatore di esperienza seduto accanto a loro. Ma per il carattere che ho, sono più ragazzino io di loro. Ci siamo accettati subito l'uno con l'altro, il gruppo è fantastico e speriamo si possa lavorare sempre così per raggiungere gli obiettivi".
 
E il rapporto con i difensori avversari? "Mi danno l'impressione di dare qualcosa in più nell'affrontarmi. Vogliono fare bella figura. Ma c'è profondo rispetto tra me e loro, e penso sia anche merito del mio comportamento. Non ho mai avuto atteggiamenti da fenomeno, anzi, è capitato più volte che a fine partita ci si faccia una foto insieme per ricordare la "battaglia" sul campo".
 
Cosa si sente di dire a un ragazzo di 18 anni che sogna di diventare un calciatore? "Di non mollare mai, e di non buttarsi mai giù dopo un errore o dopo una partita sbagliata. E poi di cercare sempre di allenarsi al meglio, cosa che cerco di fare ancora io. A 41 anni".
 
In questi 41 anni, chi è il giocatore più forte che ha avuto come compagno di squadra? "Francesco Totti. Un calciatore di enormi qualità calcistiche ma soprattutto umano. Vedendolo da fuori, si può pensare abbia la chiacchiera facile nello spogliatoio. Invece parliamo di un lavoratore che si è sempre messo a disposizione di ogni compagno. Scherzava sì, ma il giusto, con la classica battuta pronta tipica dei romani, ma mai una parola fuori posto. E delle qualità innate, che non scopro certo io".
 
E l'avversario più forte che ha avuto davanti? "Fabio Cannavaro, senza dubbio".
 
Stava per essere il suo capitano al Mondiale. E' quello del 2006 il più grande rimpianto della sua carriera? "Sì. Venivo da una stagione straordinaria (19 gol in Serie A con l'Empoli, ndr), ero tra i convocati per uno degli ultimi stage prima della presentazione della lista dei 23 di Lippi. Mi feci male, mi dovetti accontentare di fare il tifo da casa. Potevo essere campione del mondo, sono stato sfortunato ma non mi sono mai arreso".
 
Cosa c'è di magico nella coppia Tavano-Maccarone? "Me lo chiedono in tanti, anche perché i numeri parlano chiaro. C'è sempre stato un feeling particolare, ci siamo completati per anni".
 
Tra i tecnici che ha avuto in carriera, se dovesse scegliere un allenatore da cui farsi guidare per l'ultima stagione della carriera? "Ne lascerei qualcuno scontento. Però mi sento di citare Silvio Baldini che mi ha fatto esordire, e Mario Somma con cui sono "esploso". Ma ne ho avuti tanti: Sarri, Spalletti e altri".
 
A 41 anni ha esordito in Serie D. Che idea si è fatto di questo campionato? E' l'ideale per i giovani? "Devono giocare per regolamento, ma credo sia soprattutto un passaggio indispensabile per chi vuole fare il calciatore. C'è chi nasce e resta tra i professionisti sin da giovanissimo, ma la Serie D è un grande trampolino di lancio".
 
FOTO MARIANNA PIERALLINI
 
fonte www.ilcalcioillustrato.it
Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



L'ASSOCIAZIONE ALLENATORI di PRATO ha RINNOVATO le CARICHE

Eletto il nuovo consiglio provinciale della sezione di Prato dell’Assoallenatori, la quale rappresenta oggi oltre la metà dei tecnici calcistici pratesi, di ogni ordine e grado, abilitati dal Settore Tecnico della FIGC attualmente in attività (122 su 235) e che rimarrà incarica per il quadriennio 2021/2024. Il consiglio, come risultato dalle elezioni svoltesi ...leggi
21/01/2021

PRATO, quinto posto con vista verso l'alta classifica

Il cammino che ha tenuto il Prato fino a questo momento, nel girone D di Serie D, è comunque positivo. Ci sono tante squadre racchiuse nel giro di pochi punti e, con una classifica così compatta, è indubbiamente più facile rimanere a contatto, anche se poi è necessario, a un certo punto, provare a dare la sterzata decisiva. ...leggi
19/01/2021

A PRATO c'è un NUOVO PRESIDENTE dell'ASSOCIAZIONE ARBITRI

Martedì 5 gennaio alle 20,30 si è tenuta l’assemblea elettiva per la sezione A.I.A. di Prato. L’evento si è svolto a distanza, tramite la piattaforma Zoom, ed ha visto la partecipazione di oltre 100 associati in aggiunta alla gradita presenza del presidente regionale Vittorio Bini e di Fabio Bianciardi, suo collaboratore. La serata si è apert...leggi
07/01/2021

Quel CARTELLONE che ricorda PAOLO ROSSI al campo di SANTA LUCIA

Questo grande manifesto, posto all'ingresso del "Vittorio Rossi" di Santa Lucia a Prato, in questi giorni sta suscitando una grande attenzione dopo la morte di Paolo Rossi. È finito su gran parte dei giornali e delle TV locali e nazionali. Insieme a Rossi, ecco Bobo Vieri e Alessandro Diamanti, due altri bambini che sono diventati poi calciatori professionisti e che sono passati da quel ...leggi
12/12/2020

PAOLO ROSSI era il PRESIDENTE ONORARIO del COIANO S. LUCIA

La decisione fu presa poco dopo le gesta del Mondiale spagnolo del 1982, quello del trionfo dell'Italia trascinata dai gol di uno straordinario Paolo Rossi. Lui, nato in via Fucini nella frazione di Santa Lucia e che aveva iniziato a giocare a pallone con la maglia biancorossa, proprio in quell'impianto che sarebbe poi stato dedicato alla memoria del padre Vittorio, storico dirigente del club p...leggi
10/12/2020

Il CALCIO TOSCANO piange un suo CAMPIONE del MONDO

Un'altra drammatica notizia per il mondo del calcio, e non solo, a pochi giorni dalla scomparsa di Diego Armando Maradona. È morto a 64 anni Paolo Rossi: la leggenda della Nazionale italiana del Mondiale 1982. La notizia è trapelata nella notte tra mercoledì e giovedì, dal profilo Twitter del vicedirettore di RaiSport, Enrico Varriale. Poi la co...leggi
10/12/2020

Un POSITIVO nel PRATO, giocatori in quarantena e sottoposti a TAMPONE

La Società Associazione Calcio Prato SSD a RL comunica che a seguito di richiesta inoltrata al Dipartimento Interregionale e preso atto della comunicazione pervenuta dalla competente Autorità Sanitaria, la partita Prato – Ghivizzano, prevista per domenica 22 novembre alle ore 14:30, recupero della 5^ giornata di andata del campionato di serie D, è rinviata a data da d...leggi
19/11/2020

SERIE D, ancora RINVIATA la gara PRATO-GHIVIBORGO

Il Dipartimento Interregionale comunica che, a seguito della richiesta inoltrata dalla società Ghivizzano, tenuto conto, del Protocollo predisposto dalla ASL competente per territorio e, comunque, dei provvedimento e delle indicazioni provenienti dalle Autorità Sanitarie, per cause di forza maggiore la gara PRATO-GHIVIZZANO BORGOAMOZZANO, recupero della 5^ giornata del campionato ...leggi
02/11/2020

SERIE D GIRONE D, rinviata la gara PRATO-GHIVIBORGO

La società Associazione Calcio Prato SSD a RL comunica che a seguito di comunicazione ufficiale da parte del competente Dipartimento Interregionale su richiesta della società Ghivizzano, la gara Prato-Ghivizzano Borgoamozzano in programma il 25 ottobre 2020 e valida per la quinta giornata di andata del Campionato di Serie D 2020/2021, è rinviata al 4 novembre 2020 alle ore ...leggi
23/10/2020

PROMOZIONE GIR. A, cambia l'ALLENATORE del VIACCIA

Il Direttore Sportivo Cristiano Reali a tempo di record ha trovato il nuovo tecnico per la panchina della prima squadra che sostituirò Simone Sensi: arriva, anzi, torna, al Viaccia Calcio l'ex centrocampista rossoblù Federico Montagnolo, che nel club pratese aveva chiuso con il calcio giocato vincendo il campionato di Prima Categoria per l'accesso in Promozione. Tecnico co...leggi
07/10/2020

DICIOTTO società di PRATO sottoscrivono un "PATTO PER LA RINASCITA"

Diciotto società della provincia di Prato, Coiano Santa Lucia, Prato Sport, Grignano, CF2001, Giovani Vernio, Jolo, Maliseti Seano, PSG, Pietà 2004, Tavola Calcio, Vernio, Poggio a Caiano, Chiesanuova, La Querce, Mezzana, Prato Nord, Galcianese e Zenith Audax,  hanno sottoscritto un “patto per la rinascita”. Il documento sottoscritto dai presiden...leggi
08/06/2020

Gli ALLENATORI si OPPONGONO: "Nessun ACCORDO con le SOCIETA'"

E' scontro aperto a Prato tra le società calcistiche (le 18 che si sono unite nel progetto LEGGI QUA) e la locale Associazione Allenatori. A poche ore dalla pubblicazione di un ecco la dura risposta dell'AIAC in una lettera firmata dal presidente provin...leggi
08/06/2020

"Ora servono INTERVENTI a SOSTEGNO del nostro MOVIMENTO"

Il direttore generale del Maliseti Seano Simone Bardazzi interviene al sito ufficiale maliseticalcio.it: "Sono orgoglioso per come la nostra comunità sta affrontando l’emergenza sanitaria, la funzione sociale dello sport e le difficoltà economiche con le quali le associazioni sportive si dovranno confrontare nella cosiddetta “fase 2” di graduale ripa...leggi
17/04/2020

"Le PRIME DUE in CLASSIFICA vengono PROMOSSE e nessuna RETROCESSIONE"

I giorni passano e non di vede la "luce" a questo momento di tristezza assoluta. Si assottigliano le "speranze" di chi spera in una ripartenza del calcio a livello dilettantistico. Il realismo induce sempre di più a pensare che la stagione sia finita qua. E' così che la pensa anche Samuele Ciolini, direttore sportivo del Mezzana, società di Prato che milita a livell...leggi
27/03/2020

Il GS MEZZANA annuncia il nuovo DIRETTORE SPORTIVO

Il GS Mezzana comunica l’ingaggio del nuovo direttore sportivo Damiano Farace. Figura sportiva di grande esperienza regionale, da subito si occuperà della gestione tecnico-sportiva della società pratese. Proprio Farace ripercorre a TOSCANAGOL la sua carriera sin qui. "Sono partito da Grignano, per approdare poi al Prato Nord, dove ho vinto il campionato Allie...leggi
26/02/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06954 secondi