Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Firenze


"Aiutare le SOCIETA' in DIFFICOLTA' e poi ripartire TUTTI insieme"

Intervista al delegato provinciale di Firenze della Lega Nazionale Dilettanti professor Roberto Bellocci

Da dieci anni è alla guida del movimento calcistico fiorentino, quello più importante e popoloso della Toscana. Il professor Roberto Bellocci, classe 1958, da Malmantile, località del Comune di Lastra a Signa, è uno dei riferimenti per tutti. Insegna ormai da tanti anni al Liceo "Datini" a Prato e nel pomeriggio "veste" con professionalità e serietà i panni di Delegato provinciale presso la sede del Comitato a Coverciano. 

Il momento che stiamo vivendo è chiaramente difficile per tutti. "Serve avere pazienza e non perdere l'orientamento. Chiaramente siamo chiusi come Delegazione, ma restiamo in contatto con le società".

In questa settimana vi ritroverete in video conferenza (LEGGI QUA). "Esatto, è un passaggio importante che è stato deciso di fare per tenere informate le società su quello che stiamo facendo. Penso che un confronto tra le società e il Comitato sia ora più che mai necessario".

Nella speranza che si possa davvero ripartire presto. "La speranza è che davvero si possa farlo a gennaio. Significherebbe però da dicembre poter tornare a fare attività con gli allenamenti".

Sperando che il "sistema" regga e che le società non mollino. "Questo è l'auspicio che tutti facciamo. Sono stati mesi duri, quelli della primavera del 2020, ma a Settembre abbiamo ritrovato una voglia di ripartire incredibile. A Firenze abbiamo aumentato persino il numero delle squadre iscritte. Io sono un ottimista per natura e credo che supereremo anche questa. E' chiaro che serviranno aiuti, dalla FIGC e soprattutto dal Governo che dovrà trovare le risorse per far sì che nessuno resti indietro".

Bellocci sotto questo aspetto è categorico. "Se ci saranno società in difficoltà, serve individualizzarle, capire la situazione e aiutarle. Mi sembra che finora la FIGC abbia fatto la sua parte, dando dei contributi e indicando anche la maniera come poterli attivare. Se qualcuno pensa che poteva fare di più, è libero di farlo, sono valutazioni rispettabili. Io credo che tante cose siano state fatte bene, non ultima l'assicurazione a livello nazionale per la copertura delle responsabilità dei presidenti".

Poi è chiaro che si trovano sempre gli.. scontenti. "Su questo non ci sono dubbi, come pure sul fatto che si può sempre fare di più. Il problema è che questo virus è un qualcosa di incontrollabile e di ingestibile. Sono state messe in atto tante azioni per salvaguardare il movimento. Ora noi vogliamo ascoltare le società, capire le cose che servono in questo momento. Il virus ha stroncato tutto. Anche per noi non sono stati mesi semplici per capire le varie norme e le interpretazioni delle stesse: le nostre società chiedono certezze e noi dobbiamo sempre dargliene con le comunicazioni scritte che facciamo. Credetemi che anche tutto questo ci ha portato via tanto tempo".

Qualcuno dice che questa stagione calcistica non sarebbe dovuta nemmeno partire. "Troppo facile dirlo ora. Noi a Firenze abbiamo fatto quattro riunioni in video conferenza a Maggio e in quelle occasioni ho raccolto tanti appunti. Abbiamo seguito le indicazioni avute e una di queste era di ripartire a Luglio con la nuova stagione. Devo sottolineare come il nostro Comitato regionale abbia avuto la grande idea di formare dei gironi corti e rendere la stagione più snella. Tutte scelte che sono state discusse e condivise nei colloqui continui che ci sono stati con le società. Sarebbe stato illogico stare fermi. Il ruolo che rivestono le nostre società è quello di offrire un servizio alla popolazione, fondamentale e sociale. Dobbiamo essere in grado di continuare a garantirlo. Avremmo fatto un dispetto ai nostri ragazzi. In questo momento serve stringere i denti, stare uniti e darci la forza per ripartire tutti insieme".

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 16/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...





"RIFLETTERE già sul DOPO COVID e RIPARTIRE con un CALCIO diverso"

Finirà questo maledetto Covid. Sarà tra poco, sarà tra tanto, ma finirà. Tutto forse non sarà come prima. in ogni caso giusto iniziare già a pensarci, a far sì che questi mesi di sofferenza e di dolore non siano trascorsi invani. Lecito sperare che qualcosa cambi in meglio nella nostra società, che tanti mesi di negatività p...leggi
19/11/2020

La POLISPORTIVA MEMBRINO piange la SCOMPARSA di uno STORICO DIRIGENTE

Storie di calcio, storie di vita, gioie e dolori che si alternano nella vita quotidiana e delle società calcistiche, splendido esempio di aggregazione e socialità. Storie anche di personaggi che ci lasciano dopo averle "vissute" e valorizzate con il proprio impegno e partecipazione, all'insegna del p...leggi
19/11/2020


"Ora andrebbe TUTELATO anche il LAVORO di noi ALLENATORI"

E gli ALLENATORI? In questo momento di stop assoluto al calcio dilettantistico e giovanile anche questa "categoria" si è gioco forza fermata. Una componente importante quella dei tecnici, coloro cioè che devono dare le nozioni e far crescere sotto ogni aspetto il giovane calciatore. Un ruolo difficile, spesso controverso, ma dove ci sono figure preparate e ris...leggi
17/11/2020

Ancora RINVIATA la gara tra AQUILA MONTEVARCHI e SAN DONATO

Il San Donato Tavarnelle comunica che, a seguito di comunicazione ufficiale ricevuta dalla LND, la partita in programma mercoledì prossimo, 18 novembre alle 14,30, allo stadio "Brilli Peri" contro l’Aquila Montevarchi, è stata rinviata a data da destinarsi a causa del covid...leggi
16/11/2020

Il viaggio all'INFERNO, ANDATA e RITORNO, per ELIA GUIDOTTI

Un banale infortunio extra-calcistico, l'ospedale, le cure intense, poi il ritorno ad una vita normale. In un mese è mezzo la vita di Elia Guidotti, uno dei calciatori toscani più conosciuti e più bravi a livello dilettantistico, ha subito uno scossone non da poco. Il "Gufo" (così lo chiamano a Borgo San Lorenzo, il suo paese nel Mugello, soprannome ereditato dal pad...leggi
12/11/2020

"Ma siamo su SCHERZI A PARTE o a OGGI LE COMICHE"

La situazione pare essersi "sbloccata", ma è chiaro per chi "vive" una società di calcio non sono giorni facili. Sulla pagina facebook della Sestese ecco il racconto o meglio lo sfogo del presidente Matteo Melani che ripercorre le tante problematiche vissute in questo periofo. ...leggi
29/10/2020


VIDEO: "La situazione stava diventando caotica, meglio fermare tutto"

"Si stava creando una situazione caotica perchè molti dei campionati dilettantistici una squadra arrivava e una per paura non aveva tutti e undici i giocatori. In Federazione si era creata una situazione imbarazzante: cosa dovevano fare? Sanzionare la squadra che non veniva? Così abbiamo deciso di far uscire l'ordinanza, vista soprattutto la situazione con 1526 contagi di ...leggi
24/10/2020


"Il DPCM infligge un COLPO PESANTISSIMO all'ECONOMIA delle società"

Ancora un intervento a commento dell'ultimo DPCM che ha bloccato l'attività dei campionati provinciali, facendo però proseguire quelli regionali. A parlare è il Presidente della Rondinella Marzocco Lorenzo Bosi, che invia una lettera TOSCANAGOL per esprimere il proprio pensiero. Avremmo preferito di gran lunga il blocco delle attività per qualche...leggi
22/10/2020

SERIE D GIR. E, RINVIATA una GARA in programma domenica 25 ottobre

Il Dipartimento Interregionale ha comunicato che, su richiesta inoltrata dallo Scandicci, preso atto della documentazione allegata, proveniente da strutture pubbliche e, segnatamente dall'AR Medicina, tenuto conto, altresì, del Protocollo predisposto dalla ASL competente per territorio e, comunque, dei provvedimenti e delle indicazioni provenienti dalle Autorità Sanitarie, per cau...leggi
21/10/2020

L'AUDACE LEGNAIA piange la MORTE di un suo EX GIOCATORE ventiduenne

Un tragico incidente stradale è stato fatale per Nicolò Minello, ventiduenne giocatore dell'Asd Grassaga (Terza Categoria Veneta), che ha avuto trascorsi anche nel calcio toscano. L'Audace Legnaia, sua ex squadra, lo ricorda così tramite un post sulla propria pagina Facebook: L’USD Audace Legnaia si stringe intorno alla famiglia di Nicol&o...leggi
20/10/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07746 secondi