Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Siena


Ricordate bomber DI PRETE? A POGGIBONSI è stato un SIMBOLO

La serie D ritrovata negli anni settanta, poi il salto storico in C2

Claudio Di Prete rappresenta nell'immaginario dei sostenitori del Poggibonsi un simbolo per due epoche: la serie D ritrovata nei primi anni Settanta e il salto storico in C2 sul finire degli Ottanta.

Classe 1953, estro e fantasia per i sogni di ascesa del Poggibonsi, Di Prete rivive il suo viaggio dagli inizi correndo sempre e inevitabilmente con la memoria dalle parti di viale Marconi. 

A quando risalgono i primissimi contatti con il pallone? "Bisogna tornare al tempo degli oratori come luoghi di aggregazione per i più piccoli, sempre pronti a cimentarsi in interminabili partite. Nel mio caso, le parrocchie di San Francesco e di San Martino, a Pisa".

Poi la Fiorentina...  "Sì, l'adolescenza vissuta con il giglio sul petto, da attaccante. Vincemmo lo scudetto Primavera, nel 1970-71. Un gran risultato per il vivaio viola. Allenatore era Sergio Cervato, uno dei protagonisti del tricolore della Fiorentina nel 1956. In squadra con me anche ragazzi destinati alla massima serie, Caso, Tendi, Rosi e i portieri Pellicano' e Mattolini"

Proprio in quel periodo, il Poggibonsi cominciò a metterle gli occhi addosso... "Esattamente nella stagione successiva, al Torneo internazionale di Viareggio 1972 nella finale per il terzo posto tra noi della Fiorentina e gli argentini del Boca Juniors. Perdemmo, col punteggio di 2-1, ma riuscii a togliermi la soddisfazione personale dell'unico gol della mia squadra in quella sfida"

Tutto avvenne alla presenza in tribuna di addetti ai lavori di vari club, compreso il Poggibonsi, allora in Promozione e in corsa per la D...  "Il dirigente Umberto Casamonti, che aveva deleghe per il calciomercato, e l'allenatore Uliano Vettori, dettero il via a una sorta di corteggiamento che sarebbe poi sfociato nel mio passaggio al Poggibonsi, salito intanto in D, per il 1972-73. Insieme con altri miei compagni d'avventura nella Fiorentina, ovvero Bozzi, Tafi, Fulignati"

Cosa ricorda della sua esperienza di esordio?  "Rivedo le amichevoli estive a Colle di Val d'Elsa, a Volterra. Contenuti agonistici assai elevati ed erano soltanto match di agosto. Pensai: 'In contesti del genere, o diventi davvero un giocatore oppure nella vita ti devi dedicare ad altro'. Mi tornano alla mente il notevole entusiasmo per i colori e un avvio di campionato strabiliante per una matricola. Tre vittorie consecutive in apertura e con realtà prestigiose, Entella Chiavari, Grosseto e Pistoiese. Avevamo in gruppo Bruno Gattai, il nostro numero 11 che sapeva segnare alla maniera di Gigi Riva, senza esagerazioni. E poi Kostner, Bracci, Dugini, componenti di un bellissimo collettivo, capace di distinguersi per un girone di andata splendido, salvo poi accusare un calo di rendimento nel ritorno"

Una prodezza di Claudio Di Prete della quale serbare memoria?  "In casa contro il Pontedera. Un tiro vincente dal vertice destro dell'area. Il mio primo centro con la maglia del Poggibonsi".  

Nocerina, Alessandria, Sanremese, Trento, Rondinella, Pistoiese, le altre tappe del tragitto professionistico. E di nuovo Poggibonsi... "Nel 1986-87 il mio ritorno, a distanza di tredici anni. Ritrovai un ambiente dai programmi chiari, definiti, con una dirigenza solida e con Uliano Vettori ancora al timone. Il tecnico che mi aveva voluto dalla Fiorentina baby per le mie potenzialità in prospettiva"

E prese il via quel triennio. Momenti di magia, di gioia autentica, uniti al dolore per la perdita di Stefano Lotti...  "Un clima che definirei affettuoso tra noi calciatori, la società, i tifosi. Una città nel suo insieme a spingere i colori verso il traguardo chiamato C2. Riuscimmo nell'impresa nel 1988 e dedicammo il successo a Stefano, che era il nostro alfiere, unico nel modo di fornire slancio alle speranze di successo del gruppo grazie a una dedizione incrollabile. Non dimentico i viaggi in treno, le carrozze colorate di giallorosso, come diceva proprio Stefano, quando salivamo a bordo dalle stazioni dei circondari pisano e livornese per raggiungere Poggibonsi durante la settimana di allenamenti"

In mezzo anche lo spareggio al Renato Curi del 17 maggio 1987...  "Incontri del genere li decidono gli episodi. Noi, al termine di un'annata vissuta quasi sempre al comando e da imbattuti, avemmo la possibilità di conquistare la C2 nei 90 minuti, ma non sfruttammo la palla gol. Può capitare. Il Gubbio ci riuscì e scrisse la storia"

Un Gubbio che Di Prete aveva pure 'giustiziato', con un calcio di punizione da applausi a Poggibonsi il 7 dicembre 1986...  "Sì, ricevo ancora oggi i complimenti per aver battuto il portiere Cacciatori con un tiro potente e preciso. In realtà era l'intero collettivo l'artefice del prodigio che si stava materializzando nell'annata poi entrata in archivio amaramente a Perugia"

Ed eccoci al 1988-89. Poggibonsi, serie C2, con capitan Di Prete...  "A 35 anni mi apprestavo all'ultima stagione in campo professionistico. In pratica, il nucleo base dell'Interregionale si era trasferito nella categoria superiore con alcuni innesti mirati. Un altro torneo di valore, impreziosito dalla vittoria col Siena. Raggiunsi e superati le 100 presenze nel Poggibonsi e il presidente Alberto Secchi mi consegnò un riconoscimento, così come ad altri compagni di questa speciale classifica della fedeltà ai colori"

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 02/04/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



DANIELE BENCISTA' non è più il DIESSE del POGGIBONSI

L’U.S. Poggibonsi S.R.L. annuncia che il rapporto intercorrente con il Direttore Sportivo sig. Daniele Bencistà non proseguirà nella stagione 2020-2021. La Società ringrazia il sig. Bencistà per il lavoro svolto con grande dedizione, augurando al contempo le migliori fortune personali e professionali all’ex calciatore e uomo mercato giallorosso....leggi
29/05/2020

La COLLIGIANA saluta GHIZZANI e ritrova in panchina PAOLO MOLFESE

La Colligiana del presidente Massimo Rugi, chiusa anticipatamente e definitivamente la stagione sportiva a causa del Covid19, sta già pensando attivamente al prossimo campionato. Ghizzani non è più l’allenatore della Colligiana Marco Ghizzani non è più l’allenatore della Colligiana. La Società biancorossa e i...leggi
26/05/2020

L'ASTA TAVERNE conferma mister BARTOLI in panchina

Mentre regna ancora la grande incertezza che riguarda i tempi ed il modo per la ripresa delle attività, il DS Casini coadiuvato dal DG Baldoni, confermano Stefano Bartoli (NELLA FOTO) come allenatore per la prima squadra dell'Asta Taverne (Promozione girone B). Il Mister in questo anno era stato protagonista di un campionato in crescendo che, grazie anche a qualche aggiustamento ...leggi
26/05/2020

Si separano le strade di MASSIMO FUSCI e il POGGIBONSI

L’U.S. Poggibonsi S.R.L comunica che il sig. Massimo Fusci non è più il Direttore dell’Area Tecnica del club. Una decisione presa di comune accordo, anche alla luce dei suoi impegni personali divenuti inconciliabili con una presenza continuativa all’interno della compagine societaria. La Società ringrazia sentitamente Fusci per l’operat...leggi
06/05/2020


"Sono d'accordo con PALUMBO: la stagione 2019-2020 è da ANNULLARE"

Come far ripartire il calcio dilettantistico? E come come considerare la stagione 2019-2020? Ecco il tema proposto nell'intervista fatta da TOSCANAGOL al diesse della Larcianese Luigi Palumbo (LEGGI QUA) che ora viene commentata in tutta la regione dagli addetti ai lavori. Ci scrive Luca Maura, direttore sportivo del Montalcino (Promozione girone C): "Condivido in toto le afferm...leggi
23/03/2020

CORONAVIRUS, completamente GUARITO il calciatore della PIANESE

In questi giorni di psicosi generale e di grandi incertezze, dal mondo del calcio arriva una bella notizia. La Pianese, tramite il proprio sito ufficiale, ha infatti comunicato la completa guarigione del proprio tesserato colpito da coronavirus. L’U.S. Pianese rende noto che l’Asl Toscana sud est e l’Azienda ospedaliera di Siena hanno comunicato la completa gua...leggi
09/03/2020

Inizia con una VITTORIA l'AVVENTURA di Fabio GUARDUCCI al BADESSE

Foiano - Badesse Lornano 1-2 FOIANO: Liberali, Zober, Vichi F., Zacchei, Mingiano, Undini, Pasqui, Monaci, Rufini, Mostacci, Bacciarini. A disposizione: Colcelli, Fabianelli, Piccolo, Sellami, Sensitivi, Catalano, Borgogni, Vichi, Mouah. Allenatore: Stefano CardinaliBADESSE CALCIO: Manis, Selimi, Cecconi, Zagaglioni, Sab...leggi
02/03/2020

C'è una GARA RINVIATA in TOSCANA per il CORONAVIRUS

Il Comitato Regionale Toscana Lega Nazionale Dilettanti rende noto che a seguito della comunicazione ricevuta  della Società A.S.D. Atletico Piancastagnaio e delle notizie riportate da alcuni organi di stampa relative ai casi di coronavirus accertati e riguardanti calciatori e il magazziniere della U.S. Pianese, Società con cui l’Atletico Piancastagnaio condivide l'util...leggi
29/02/2020

La PIANESE rassicura: "Stiamo seguendo le disposizioni del MINISTERO"

Dopo aver attuato tutte le indicazioni del Ministero della Salute e aver provveduto a richiedere il tampone di controllo su calciatori, tecnici, dirigenti e collaboratori che avevano accusato sintomi influenzali, l’U.S. Pianese comunica notizie positive sullo stato di salute dei propri tesserati e procede con l’ottemperamento delle disposizioni ufficiali. Al momento i sogget...leggi
28/02/2020

CORONAVIRUS, CALCIATORE TOSCANO positivo alle ANALISI

n giocatore della Pianese, squadra di calcio di serie C di Piancastagnaio, che dall'inizio della stagione disputa le partite interne allo stadio Secchini di Grosseto, è risultato positivo al coronavirus e, dalle prime ore di stamani, è ricoverato all'ospedale delle Scotte, a Siena, in isolamento. È in buone condizioni di salute. Ne dà notizia la Regione Toscana. ...leggi
27/02/2020

"Ho una bella BARCA da portare al traguardo e devo soffiare nel VENTO"

Per il Badesse è iniziata ufficialmente l’era Guarducci. Il nuovo tecnico biancazzurro ha diretto nel pomeriggio di mercoledì il primo allenamento a Castellina Scalo. Il suo lavoro si è concentrato soprattutto sulle motivazioni, impostando la seduta su ritmo e pressione. Al suo fianco Francesco Martelli, che nella fase finale d...leggi
27/02/2020

Il POGGIBONSI celebra la MEMORIA del compianto Stefano LOTTI

L’U.S. Poggibonsi rende noto il programma degli eventi organizzati per celebrare la memoria di Stefano Lotti, a trentadue anni di distanza dalla scomparsa del calciatore giallorosso, da sempre fonte di ispirazione per tutti i tesserati del Leone. Venerdì 28 Febbraio Ore 16.30 presso il “Giardino di Stefano”: commemorazione in ricordo di ...leggi
25/02/2020

ECCELLENZA GIR. B, CAMBIA ancora l'ALLENATORE del BADESSE LORNANO

Cambia ancora l'allenatore delle Badesse Lornano, capolista del Girone B di Eccellenza. Fatale ad Alessandro Deri, che era subentrato a Giovanni Maneschi a fine novembre, il k.o. interno dell'ultimo turno (1-2) contro il Baldaccio Bruni. Questo il comunicato del club: La società Badesse Calcio Lornano comunica di aver sollevato dall’incarico di tecnico della...leggi
25/02/2020

PROMOZIONE GIR. C, il MONTALCINO cambia ancora ALLENATORE

Michele De Masi non è più l'allenatore del Montalcino, attuale quart'ultima forza del Girone C di Promozione e reduce da tre sconfitte consecutive. A succedere a De Masi, che era stato chiamato in ottobre al posto di Luca Corbucci, sarà "promosso" dalla Juniores mister Alfons Muca. Questo il comunicato del Montalcino: Con la sola passione per...leggi
25/02/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07213 secondi