Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Firenze


"Ripartiremo solo quando ci sarà la SICUREZZA per la SALUTE di tutti"

Il presidente della LND Paolo Mangini spera di poter tornare in campo prima possibile

Giornate difficili piene di contatti con i proprio collaboratori, ma anche con altri esponendi della Lega Nazionale Dilettanti. Si è preso del tempo il presidente regionale Paolo Mangini per cercare di capire l'evolversi di un'emergenza che nessuno poteva contemplare. In questi giorni di "attesa" si sono scatenate una ridda di ipotesi, soluzioni, risposte dalla base del movimento. Le società chiedono, cercano di capire, ipotizzano il loro futuro.

Mangini prova dunque a fare il punto della situazione in questa lettera aperta e rivolta a tutti gli addetti ai lavori del calcio toscano, affidandosi magari prossimamente a un VIDEO per spiegare direttamente i passaggi futuri.

------------------------------------------------------------------------------------------------------

Cari amici, mi rivolgo nuovamente a voi a distanza di due settimane dall’ultima comunicazione, per fornire alcune informazioni sulla difficile situazione nella quale ci troviamo.

Mai come in questi giorni siamo tra noi fisicamente lontani ma per altri versi molto vicini. E lo siamo perché tutti nella stessa condizione e soprattutto perché abbiamo la stessa preoccupazione per il presente e anche per il futuro.  

Siamo oggi prioritariamente di fronte a un’emergenza, quella sanitaria, che ha cambiato il nostro modo di vivere, di percepire le cose che ci circondano, le relazioni con gli altri, siamo soggetti a restrizioni rigide, sacrosante , a cui dobbiamo sottostare per il bene individuale e collettivo, senza mai abbassare la guardia.

Anche da un punto di vista sociale abbiamo un’emergenza perché questa situazione ci impone un isolamento forzato, impone a tanti nostri giovani di non avere più la possibilità di incontrarsi e di frequentarsi nei soliti luoghi di aggregazione, come nelle scuole, nelle parrocchie, ma anche nelle nostre società sportive, dei veri e propri presidi di socialità,  importanti per la formazione, l’inclusione e integrazione di tanti giovani.

E poi la parte sportiva, che per forza ora è in secondo piano, ma a cui bisogna comunque pensare.  Molti mi domandano e si domandano, quando ripartiremo e se ripartiremo. Purtroppo non posso dare risposta a queste domande.

Posso, però, garantire che ripartiremo solo se ci saranno tutte e sottolineo tutte le condizioni per cui l’attività possa essere svolta in sicurezza, condizioni che dovranno essere certificate nei decreti che le autorità sanitarie e il governo emaneranno in questo senso. Prima la salute  e il benessere di tutti

Un elemento importante  che potrebbe essere indicativo è rappresentato  dalla data di apertura delle scuole, una data fissata per il 6 aprile ma che sicuramente sarà prorogata.  L’altro elemento, ovviamente, è la data in cui il governo potrà dare l’autorizzazione a riprendere l’attività e, da quel momento, quanto tempo potremmo avere per concludere i vari campionati in sicurezza, compreso un eventuale periodo precedente di  riatletizzazione dei giocatori.

Non mi voglio addentrare in calcoli, vorrei solo, per quello che conta in questo momento, fare alcune riflessioni; per terminare tutti i campionati in Toscana le giornate da recuperare sono poche e, proprio per questo, potrebbero esserci diverse soluzioni.  La mia speranza, come penso quella di tutti, è di poter terminare in qualche modo i nostri tornei, sarebbe una grande impresa con un significato del tutto particolare, al di là  di quello sportivo. Questo anche per evitare strumentalizzazioni di qualsiasi tipo, interpretazioni fantasiose della norma, ricorsi infiniti. 

Ripeto, però, le condizioni di sicurezza in cui si dovrà eventualmente svolgere l’attività sono prioritarie e inderogabili.

Se poi verrà deciso di fermarsi definitivamente sarà la FIGC a stabilire quali saranno le modalità per terminare la stagione  ben sapendo che nessuna delle soluzioni che attualmente vengono ipotizzate sui mezzi di comunicazione e che sono oggetto di dibattito fra esperti, è codificata dallo Statuto Federale, dalle Norme Organizzative della Federazione o dal Codice di Giustizia Sportiva.

Posso assicurare che ad oggi nessuna di queste soluzioni prevale sulle altre.

Ritengo, però, che se in questa situazione eccezionale dovessero essere assunte, da parte degli organi federali, decisioni eccezionali tutti dovremmo accettarle per quello che sono e tutti dovremmo rimanere uniti per il bene futuro del nostro movimento dilettantistico.  L’unità del movimento, in questo momento, è più importante di ogni altro interesse specifico.

Questo è il presente, a me preme, però, parlare anche del futuro. E’ nostro compito come Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Toscana contribuire a proporre e sostenere azioni e iniziative che possano rendere meno incerto il futuro, anche se sono consapevole della enorme difficoltà in cui si trovano oggi molte società. Nella scorsa lettera vi avevo già informato in merito alla richiesta rivolta al nostro Presidente, Cosimo Sibilia, di un intervento forte della Lega Nazionale a favore delle società in relazione alla diminuzione dei costi federali o altre forme di contributi, aggiungendo anche che il Comitato Regionale avrebbe comunque fatto la sua parte. In questi ultimi giorni, a livello regionale, ho avuto alcuni contatti con un Istituto di Credito, nostro partner ormai da qualche anno nel sostenere le società per le varie incombenze economiche, per preparare un pacchetto di incentivi a sostegno delle famiglie dei giovani calciatori e delle società. Sarà mia cura farvi sapere al più presto i dettagli dell’operazione.

In questo ultimo periodo ho potuto notare che nella nostra Regione sono molte le Amministrazioni Comunali che, singolarmente o insieme ad alcune società sportive, hanno avanzato legittimamente proposte e richieste ai vari enti pubblici (territoriali o nazionali) in merito a contributi o agevolazioni. A questo proposito ritengo che, per non disperdere queste proposte, si debba necessariamente far riferimento a un tavolo di coordinamento in cui siano presenti l’Anci regionale, che rappresenta tutti i Comuni della Toscana e il Coni regionale in rappresentanza e a tutela di tutti gli sport. Un tavolo che potrebbe:

a) avviare un confronto con le aziende che gestiscono le utenze non solo per la sospensione di pagamenti, come previsto dal decreto governativo, ma anche per la revisione delle tariffe praticate negli impianti sportivi

b) verificare la fattibilità di alcune azioni a sostegno delle società e a carico dei Comuni

c) stilare una serie di richieste per il governo regionale e nazionale.

Questa è la proposta che ho inoltrato al Presidente del Coni Regionale Salvatore Sanzo e da lui pienamente condivisa e dal quale, due giorni fa, ho avuto conferma di un primo contatto con l’ANCI. Questo credo sia un primo passo importante.

Vi posso garantire, comunque, che la LND farà la sua parte così come pure la FIGC, consapevoli di quanto le nostre società fanno per la promozione di importanti valori morali, ma anche della grande partecipazione e impegno dei volontari che sono la parte trainante del nostro movimento. Non è possibile disperdere questo patrimonio, questa ricchezza, che va al di là del fatto sportivo in sé stesso e coinvolge le dinamiche sociali in cui ognuno di noi è inserito.  

Martedì scorso 24 marzo, come forse già saprete, il Consiglio Direttivo ha deciso l’annullamento di alcune manifestazioni, come per esempio il Trofeo Cerbai, il Torneo Orlandi, le coppe regionali allievi, giovanissimi, juniores e calcio a 5, lasciando, per il momento, quelle che riguardano la promozione in categoria superiore. Annullamento dovuto, in parte per motivi obiettivi e in parte perchè abbiamo ritenuto di lasciare libero da impegni soprattutto il mese di giugno, nell’ipotesi di una ripresa dei campionati per eventuali recuperi  e per lasciare libertà a tutte le società, se ce ne sarà la possibilità,  di organizzare eventi iniziative all’interno delle loro strutture.

Siamo in una situazione generale molto difficile. Mi appello nuovamente al senso di responsabilità di ognuno e sono convinto che i sacrifici che oggi facciamo contribuiranno ad uscire da questa difficile situazione.

Tutti insieme ce la faremo anche a tornare a riempire i nostri impianti sportivi, le nostre tribune, a incitare e seguire le nostre squadre.

Un abbraccio e un caro saluto a tutti.

                                    Il Presidente Paolo Mangini a nome di tutto
                                   il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Toscana

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 28/03/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Lo SCANDICCI conferma in BLOCCO lo STAFF per la prossima stagione

Il presidente Fabio Rorandelli di concerto con il Direttore Generale Simona Ciagli comunicano che per gli organici della prossima stagione calcistica saranno confermati i capisaldi dell’anno bruscamente interrotto dalla pandemia. Mirko Garaffoni confermato nel suo ruolo di Direttore Sportivo della Prima Squadra e degli Juniores Nazionali sarà inoltre superv...leggi
26/05/2020

FUCECCHIO in LUTTO per la SCOMPARSA della sua BANDIERA

Tutta Fucecchio sportiva si stringe vicino alla famiglia Salvadori per la scomparsa della leggenda Renzo Salvadori, per gli amici Lilletto. All'età di 88 anni ci lascia una vera e propria bandiera della maglia bianconera, il giocatore del Fucecchio con il maggior numero di presenze di sempre (472 in gare ufficiali) ed un esempio inarrivabile di attaccamento alla maglia del nostro...leggi
23/05/2020

"Non esiste che le SOCIETA' ancora paghino UTENZE così salate"

Momento di grande confusione a tutti i livelli per una ripartenza che certo troverà tanti problemi per le società di calcio. Da tempo il presidente regionale Paolo Mangini ha indicato alcuni passaggi necessari per aiutare i club in questo difficile passaggio. Due in particolare sono ritenuti da lui alquanto importanti. “Come detto in più occasioni...leggi
21/05/2020

Il SAN DONATO TAVARNELLE pianifica il FUTURO

Il presidente del San Donato Tavarnelle Andrea Bacci, assieme a tutta la dirigenza,  sta gettando le basi per il futuro, in attesa di capire come terminerà la stagione 2019/2020, a seguito delle decisioni che arriveranno dalla federazione proprio in questi giorni. Per poter programmare la prossima stagione occorre concludere l’attuale e l’ultima parola spetta alla f...leggi
20/05/2020

"Voglio fare solo l'ALLENATORE"

Dopo l’avvicendamento con Marco Manganiello, le parole di Michele Gangoni, Direttore Sportivo “uscente” dell’ASD Calcio Certaldo e attuale allenatore degli Juniores viola: “Quella di lasciare il ruolo di Direttore Sportivo è una decisione che avevo preso già da molto tempo. La mia decisione era quella di fa...leggi
20/05/2020

LORENZO CHITI farà parte della FIORENTINA in SERIE A

La società Aglianese Calcio 1923 intende esprimere la propria soddisfazione per l'aggregazione alla prima squadra della Fiorentina di Lorenzo Chiti. Dopo l'esperienza positiva in serie D con la maglia nero-verde, la scorsa estate il giovane difensore centrale classe 2001 era passato alla Prim...leggi
19/05/2020

Il CERTALDO annuncia l'arrivo di MARCO MANGANIELLO: è il nuovo DS

L’ASD Calcio Certaldo è lieta di comunicare l’accordo raggiunto con il nuovo Direttore Sportivo Marco Manganiello. Dopo tante avventure da allenatore, Marco è stato Direttore Sportivo della fantastica escalation del Gambassi negli anni 2014/15, 2015/16 e 2016/17 dove ha potuto lavorare a fianco dell’attuale allenatore dell’ASD Calcio Certaldo Albert...leggi
19/05/2020

"Nessuna RETROCESSIONE quest'anno, i miei CRITERI per le PROMOZIONI"

Ecco come Luca Lazzeri, presidente del Fucecchio (Eccellenza), propone di "chiudere" la stagione 2029-2020 con tutti i VERDETTI e come riorganizzerebbe la stagione 2020-2021. "Mi sono permesseo di entrare nei particolari - dice a TOSCANAGOL- con dei meccanismi che permetterebbero di ritornare nella stagione 2021/2022 alla normalità, con gironi a 16 squadr...leggi
11/05/2020

La "FARSA" della presunta FINALE di COPPA TOSCANA in epoca COVID 19

In epoca di coronavirus succede anche questo. Lo leggiamo sulla pagina facebook della Sancascianese (Seconda categoria) che racconta quello che è successo alcuni giorni fa. Lo riportiamo integralmente qua sotto: La società U.S. Sancascianese smentisce ogni articolo inerente alla presunta organizzazione della finale di Coppa Toscana di Seconda Categoria con...leggi
06/05/2020

A MAGGIO le VIDEO CONFERENZE sul CALCIO GIOVANILE

Il Coordinamento Federale Regionale Toscana del Settore Giovanile e Scolastico dellaF.I.G.C., intende organizzare delle “video conferenze” con tutte le società che svolgono attività giovanile. Le video conferenze saranno su base provinciale, e vedranno la partecipazione del responsabile tecnico d...leggi
24/04/2020


AGATENSI saluta il PONTASSIEVE e approda alla FORTIS JUVENTUS

Il calcio si muove (giustamente) e pensa al futuro. La notizia che arriva dal Mugello riguarda l'arrivo (per la prossima stagione) di Andrea Agatensi alla Fortis Juventus (Eccellenza): ricoprirà il ruolo di Direttore dell'Area Tecnica. Un paio di giorni fa Agatensi aveva chiuso il suo rapporto (era il direttore generale da tre anni) del Pontassieve (Promozione). La carriera del n...leggi
23/04/2020

Il calcio toscano piange la MORTE di MARCELLO CIOFI

Ci ha lasciato Marcello Ciofi Dirigente Benemerito della F.I.G.C.. Nella sua lunga carriera di dirigente sportivo Marcello ha ricoperto innumerevoli ruoli di importanza, tanto per citarne qualcuno Presidente del Comitato Provinciale di Firenze della L.N.D., Segretario provinciale del C.O.N.I. e attuale Commissario di campo per il CRT LND. Ruoli sempre ricoperti c...leggi
15/04/2020

"TELECAMERE subito ATTIVE per sorvegliare gli IMPIANTI SPORTIVI"

Il virus è un’onda, vedremo quanto lunga, che rischia di sommergere la vita di prima. E anche quasi tutto lo sport di base – solo in Toscana sono più di 10mila le società affiliate, con 400mila tesserati, ventimila tecnici e un milione di persone coinvolte – che è un formidabile collante sociale. Tutto scricchiola e i decreti del Governo per ora non...leggi
08/04/2020

VIDEO MANGINI: "La LND farà la sua parte per aiutare le SOCIETA''"

Ecco il lVIDEO MESSAGGIO del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Paolo Mangini che fa il punto della situazione in questo momento di grande difficoltà. Mangini ribadisce che si ripartirà in questa stagione solo nel momento in cui le problematiche sanitarie fossero risolte e ci saranno le ideali condizioni di sicurezza.  "Se poi si decidesse di finirla q...leggi
01/04/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07036 secondi