Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pistoia


MONTAGNOLO è amareggiato: "A QUARRATA non mi hanno dato tempo"

Il giovane tecnico ringrazia la società per l'occasione avuta, ma vuole fare alcune precisazioni

Quando sei allenatore e vieni esonerato, è come se il mondo ti cadesse addosso. Metti tutto te stesso per cercare il bene della squadra, poi arriva come una pugnalata "il prego si accomodi". Storie di calcio, è vero, storie abitudinarie, ormai consuetudini, giuste o sbagliate, di un mondo che tanto ti dà e tanto ti toglie. 

Se poi sei un giovane allenatore "in rampa di lancio", è chiaro che aspettative, sogni e ambizioni sono al top, come pure il rischio, di "ricadute" se le cose non vanno per il verso giusto.

Sono giorni di "dolore calcistico" per Federico Montagnolo, 26 anni, allenatore giovanissimo appena esonerato dal Quarrata (Promozione girone A) dopo il pareggio casalingo contro il Villa Basilica. Federico è triste, ammette anche "di aver pianto al telefono con un giocatore che lo rincuorava", cose normali, quando si fa tutto con il cuore e la determinazione.

"Io devo innanzitutto ringraziare il Quarrata per l'importante opportunità che mi ha dato - dice a TOSCANAGOL - perchè hanno puntato su un giovane che arrivava da un'esperienza nel settore giovanile e in Seconda con la Pietà 2004. Oltretutto mi hanno allestito una buona rosa, ini un campionato difficile dove almeno sette-otto squadre sono partite con ambizioni importanti. Ringrazio la società che mi ha fatto allenare giocatori con esperienze di alto livello con i quali mi sono trovato benissimo".

Montagnolo accetta l'esonero, ma vuole fare alcune precisazioni. "Siamo d'accordo sul fatto che per il valore della squadra, i risultati ottenuti non sono stati sinora quelli che si aspettava. E' però vero che non ci è girato niente per il verso giusto. La squadra ha sempre giocato bene, ha costruito tanto. Abbiamo avuto qualche infortunio sfortunato come quello al gomito di Corsini e qualche banale distorsione. Il Quarrata è al penultimo posto in un girone superlivellato, dove bastano due vittorie per ritrovarsi a ridosso delle migliori".

Il tecnico di Prato si aspettava di poter avere più tempo per lavorare. "Non voglio fare alcuna polemica, però una considerazione la devo fare: se hanno puntato su un allenatore giovane, giusto darmi qualche possibilità, altrimenti non è credessero poi così tanto in me. I giocatori so che mi hanno difeso, erano dalla mia parte, ci sono rimasti male e in questi giorni mi stanno chiamando. Il clima è sempre stato sereno, credevano tantissimo nel mio lavoro. Con De Gori mi sono persino commosso".

A proposito di questo esperto attaccante, Montagnolo vuole chiarire che "domenica ha fatto un gol pazzesco e quando ha saputo del mio esonero mi ha chiamato, sentendosi un po' in colpa perchè non ha reso sinora come era nelle aspettative. "Il vero Pippo a Quarrata non l'hanno ancora mai visto", mi ha detto. Perchè un altro punto è proprio questo: in questi primi mesi di campionato, anche confrontandoci con la società, si è sempre pensato alle aspettative su Filippo, un elemento che 36 anni in Promozione può fare ancora la differenza". 

Il giovane allenatore è amareggiato, ma è pronto a ripartire. "Non porto rancore, sono grato al Quarrata per avermi dato questa opportunità, però dovevano crederci di più. Comunque il calcio va avanti, ora mi lecco le ferite, proseguirò a vedere partite e ad imparare. Oltre al patentino UEFA B, ho quello di match analyst e mi piacerebbe applicarmi anche su questo. Essere mandato via dopo un pareggio in casa, non è cosa di tutti i giorni. Però è successa e auguro al Quarrata di dimostrare in futuro di non meritare l'attuale classifica".

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Gino Mazzei il 21/11/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



SERIE D, ridotta la squalifica a CORALLI che torna nell'AGLIANESE

L'Aglianese Calcio 1923 comunica che, nella giornata di ieri, la Corte d'Appello Sportiva Nazionale di Roma ha accolto il reclamo promosso dalla società in merito alla squalifica di tre giornate del proprio tesserato Claudio Coralli, riducendola a due giornate. La società neroverde, rappresentata dall'avvoca...leggi
24/01/2020

GHIDOTTI: "Dobbiamo essere NOI stessi a decidere il nostro FUTURO"

Dopo due vittorie consecutive l'Aglianese lavora per preparare al meglio la trasferta di Albano Laziale. L'impegno non è dei più agevoli, l'Albalonga è la terza forza del campionato, ma la ritrovata fiducia della squadra neroverde è un motivo valido per sperare in una prestazione convincente. La pensa così anche Daniele Ghidotti, esperienza e qualità al...leggi
23/01/2020

MATTEO BRECCIA è il nuovo ALLENATORE dei GIOVANI VIA NOVA

L'UC Giovani Via Nova (Seconda girone B) comunica che il signor Matteo Breccia è il nuovo allenatore della prima squadra. Calcisticamente cresciuto nel vivaio della Fiorentina, vanta trascorsi nei dilettanti a buoni livelli. Da tecnico ha guidato gli juniores del Montecatini e la prima squadra del Borgo a Buggiano che ha portato dalla Terza alla Seconda....leggi
10/01/2020

SECONDA GIR. B, Patrizio PAZZINI lascia l'ATLETICO SPEDALINO

Reduce da quattro sconfitte consecutive e da due punti conquistati nelle ultime sette gare, Patrizio Pazzini (fratello dell'attaccante dell'Hellas Verona Giampaolo, ndr) ha rassegnato le proprie dimissioni da allenatore dell'Atletico Spedalino, quart'ultima forza del Girone B di Seconda Categoria. "Sapevamo che stavamo lottando e che c'erano dei problemi - dichiara il D...leggi
09/01/2020

SECONDA GIR. B, si DIMETTE l'ALLENATORE dei GIOVANI VIA NOVA

Luca Biagi non è più l'allenatore dei Giovani Via Nova. In sella alla prima squadra del club presieduto da Osvaldo Romani dall'estate 2018, il tecnico ha preso la decisione di lasciare la propria panchina, con la squadra che occupa dopo sedici gare il terzo posto nel Girone B di Seconda Categoria con 31 punti. Questo il post di Biagi sul proprio profilo Facebook:...leggi
09/01/2020

"D'ora in poi i ragazzi dovranno avere il COLTELLO tra i DENTI"

L'anno dell'Aglianese è iniziato così come era finito il precedente, con un sofferto pareggio casalingo agguantato in rimonta nei minuti finali. Un risultato, quello contro il Bastia, che non ha apportato sostanziali variazioni di classifica e ha rinviato ancora una volta a data da destinarsi il ritorno alla vittoria della truppa di mister Francesco Colombini. Archiviato i...leggi
09/01/2020

Matteo GHIMENTI festeggia le CINQUANTA presenze con il MONTECATINI

Sessantadue presenze totali fra Serie D ed Eccellenza con le casacche di Valdinievole Montecatini e Prato fanno del classe 1999 Matteo Ghimenti una delle quote più presenti nei campionati dilettantistici in un ruolo, quello di difensore centrale, dedito di solito dalle società a giocatori più anziani. Nella vittoriosa trasferta di Perignano Ghimenti ha raggiunt...leggi
30/12/2019

SECONDA GIRONE B, nel recupero svettano i GIOVANI VIA NOVA

Giovani Via Nova-Chiesina Uzzanese 2-1 GIOVANI VIA NOVA: Sorini, Mascani, Panelli, Tardella, Benvenuti, Nardi (40' st. Ben Salam), Governi, Accardi (44' st. Matera), Marzico (43' st. Cecchini), Serafini (31' st. Arcoraci), Luppi (15' st. Leto). A disposizione Cecchi, Parva. Allenatore Luca BiagiCHIESINA UZZANESE: Baiocchi, D'...leggi
19/12/2019

"AGLIANA mi ricorda CITTADELLA: è un AMBIENTE ideale per fare CALCIO"

Ha scelto Agliana e non se ne pente Claudio Coralli: in neroverde da appena cinque giorni ma già ambientato e pronto a dare un contributo importante alla causa. Mister Colombini sta preparando la sfida interna con il Trestina e l'attaccante ex Empoli, Cittadella e Carrarese si sta allenando a pieno ritmo con i nuovi compagni, una settimana inte...leggi
18/12/2019

SECONDA GIRONE B, esonerato l'allenatore del BORGO A BUGGIANO

La società Asd Borgo a Buggiano (Seconda girone B) comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra Emanuele Biondi. Il club azzurro saluta Biondi ringraziandolo per il lavoro svolto fino ad oggi, augurandogli le migliori fortune per il proseguimento della carriera. La direzione tecnica è stata affidata a Daniele Natali tecnico della formazi...leggi
11/12/2019

In PISTOIESE-BOLOGNA un GOAL contro la VIOLENZA sulle DONNE

Un gesto simbolico per ricordare a tutti che la lotta a questa emergenza sociale non deve fermarsi. E' così, scambiandosi la statuetta emblema della campagna di sensibilizzazione e la maglia col 1522 del Centro Antiviolenza, che oggi le calciatrici della Pistoiese e del Bologna hanno rilanciato il messaggio di "Palla alle donne contro ogni violenza", iniziativa ...leggi
09/12/2019

"Abbiamo GIOVANI molto bravi, ora sta agli OVER a dimostrare chi sono"

La prima settimana di lavoro per Francesco Colombini sulla panchina dell'Aglianese è anche quella più delicata dall'inizio del campionato, per tutto l'ambiente neroverde. C'è da fare quadrato dopo le due sconfitte consecutive e ripartire dall'entusiasmo del nuovo mister con l'obiettivo di tornare subito a fare punti. La posizione di classifica non è ancora pericolosa...leggi
05/12/2019

E' FRANCESCO COLOMBINI il nuovo ALLENATORE dell'AGLIANESE

L'accordo è stato raggiunto pochi minuti fa. E' Francesco Colombini il nuovo tecnico dell'Aglianese (Serie D girone E) dopo l'addio di Matteo Cioffi. Pisano doc, Colombini è alla secondo esperienza in panchina dopo quella fatta da gennaio 2019 fino al termine del campionato a Ponsacco in serie D, al posto di Giovanni Maneschi di cui era il "secondo".  Colombini h...leggi
03/12/2019

"AGLIANESE mangia-allenatori? Ma no, CIOFFI non se la sentiva più"

Ha sorpreso, e non poco, la notizia del secondo cambio di allenatore in quattordici giornale all'Aglianese (serie D girone E). Dopo Iacobelli, via anche Cioffi, come spesso accaduto in questi ultimi anni nel club neroverde, dove la "panchina"  trema davvero... Il direttore generale Fabio Ciatti però vuole smentire questa "definizione" e spiega a TOSCANAGOL cosa è acca...leggi
03/12/2019



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03627 secondi