Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Firenze


L'ISOLOTTO riparte da... OLIVIERO e FABRIZIO MANCINI

Orgoglio, ambizione e appartenenza per tornare ai vertici

È ufficialmente iniziata la nuova esperienza di Fabrizio Mancini e Oliviero Mancini al timone dell'Isolotto. Non si tratta di una novità assoluta, bensì di un ritorno considerato che avevano gestito la Scuola Calcio, con risultati molto lusinghieri, per ben otto anni dal 2004 al 2011.

Oggi i tempi sono completamente cambiati rispetto ad allora e anche l'Isolotto nel frattempo, si è dato una nuova struttura presieduta da Giovanni Biondi. Dopo oltre trenta anni di grandi successi sportivi e umani, dedicati a costruire e dirigere Scuole Calcio, Fabrizio e Oliviero Mancini hanno deciso di lanciare, quella che loro stessi considerano l'ultima grande sfida di un percorso sportivo che li ha visti sempre precursori e innovatori.

In questa nuova esperienza all'Isolotto non si occuperanno soltanto di scuola calcio, ma dirigeranno l'intera attività giovanile dai piccoli amici-primi calci agli allievi, portando in dote la loro grandissima esperienza, le loro vaste conoscenze, la loro indiscussa professionalità, e la loro voglia di costruire un club diverso da tutti gli altri, fondato su quelli che secondo la visione condivisa con la Società, sono i principi e i valori che dovrebbero contraddistinguere il calcio giovanile e dilettantistico a ogni latitudine.

La sfida che hanno ben impressa nella testa e nel cuore appare sotto certi aspetti perfino utopistica, ma considerata la loro storia sportiva anche questo sogno potrebbe nel volgere di qualche stagione trasformarsi in una lucente realtà.
L'Isolotto si è dimostrata abile e attenta nel saper cogliere questa grandissima opportunità e con determinazione ha sposato un progetto sportivo che nelle intenzione si presenta di assoluta eccellenza.

Per conoscerne i contenuti e saziare la nostra curiosità, abbiamo quindi deciso di incontrare Fabrizio Mancini.

Fabrizio, quali sono gli aspetti caratterizzanti di questo nuovo progetto? "Vogliamo sovvertire gli attuali paradigmi che caratterizzano il calcio giovanile e dilettantistico che specialmente negli ultimi anni abbiamo vissuto con profondo disagio. In primo luogo quello della mercificazione dei piccoli calciatori. Ma anche quello relativo a una diffusa improvvisazione sia tecnico programmatica che organizzativa. Per questo punteremo su alcuni concetti fondamentali: fidelizzazione, radicamento con il territorio, programmazione tecnico-formativa ed eccellenza organizzativa il tutto inserito in un quadro di valori etici, umani e sportivi".

Non hai parlato di risultati sportivi? "Infatti. Il risultato sportivo non deve costituire un assillo e non deve essere perseguito ad ogni costo, ma a nostro modo di vedere nel calcio giovanile e dilettantistico deve essere una conseguenza di quanto sopra e non viceversa. Ovviamente l'Isolotto ha l'ambizione di risollevarsi e tornare a essere assoluta protagonista. Ma senza vendere l'anima al diavolo".

Spiegaci meglio il concetto di fidelizzazione? "Semplice. Lavoreremo con grande determinazione affinché nel giro di qualche anno le nostre squadre giovanili siano composte per almeno due terzi, da giocatori cresciuti nella nostra scuola calcio. Vogliamo vincere attraverso la cultura del lavoro quotidiano sul campo. Vogliamo attraverso la cura della programmazione tecnica e filosofica migliorare settimana dopo settimana il potenziale dei nostri calciatori. Per questo consideriamo i nostri tecnici non degli allenatori, ma istruttori. All'Isolotto il percorso formativo di un calciatore non si esaurirà con la scuola calcio ma si protrarrà fino agli allievi. In questo senso cercheremo di costruire un vero patto con le famiglie e i ragazzi. Vogliamo insieme a loro rappresentare un intero quartiere, probabilmente l'unico e ultimo vero quartiere rimasto a Firenze. E dobbiamo avere l'orgoglio di fare parte di questa sfida e di questo progetto a prescindere dai risultati sportivi e dalle categorie che andremo ad affrontare. Ripeto, questo non deve apparire come un segnale di scarsa ambizione. Al contrario. Noi siamo e dobbiamo essere molto ambiziosi ma la bontà di ciò che ci apprestiamo a fare non sarà determinata dal solo risultato di una o più partite".

Ricorre spesso nelle tue parole il termine programmazione. Un concetto spesso disatteso a livello giovanile. In che termini si esprimerà all'Isolotto? "Al di là della programmazione complessiva che contraddistinguera' ogni processo organizzativo societario, io mi riferisco in particolare alla programmazione tecnica, alla quale abbiamo dedicato un profilo di assoluto spessore che si occuperà di indirizzare, coordinare, dirigere e monitorare tutto il programma tecnico dai piccoli amici primi calci agli allievi, nonché di formare ed evolvere gli istruttori. La nostra metodologia sarà unica. Tutti i nostri istruttori parleranno un'unica lingua. Ci muoveremo su precisi macro e micro cicli programmatici seguendo la filosofia del metodo globale specifico FOOWEL coaching, ideato e sviluppato dal laboratorio tecnico del Centro Formazione Calcio da me diretto con la collaborazione per i portieri di Davide Quironi. Siamo all'avanguardia e certi che il tempo ci darà ragione".

Il tempo appunto. Sembra essere un progetto di lungo respiro. Quanti anni vi siete dati per cogliere i frutti di questo progetto? "Dobbiamo avere l'umiltà di comprendere il punto dal quale partiamo e l'essenza di ciò che vogliamo fare. Umili ma al tempo stesso consapevoli della nostra forza, orgogliosi di ciò che siamo e soprattutto ambiziosi. Grazie alla qualità del rinnovato impianto sportivo Elio Boschi, all'acquisizione in gestione dei nuovi spazi di calcio a5, abbiamo la più bella struttura sportiva dedicata al calcio della nostra città. La società grazie al suo Presidente Giovanni Biondi, al Consiglio tutto e al direttore generale Claudio Guarducci si è data una struttura di prim'ordine. Questa prima stagione ci servirà per gettare le basi. Nella prossima primavera tireremo le prime importanti conclusioni e se necessario rimoduleremo alcuni aspetti del progetto. Fra tre anni contiamo di vedere concretizzati alcuni punti importanti del progetto. Fra cinque anni dobbiamo cominciare a raccogliere i frutti del lavoro che abbiamo iniziato oggi e negli anni a seguire potremmo passare alla fase di consolidamento. Insomma, l'Isolotto sta tornando!"

Cosa altro bolle in pentola? "Tantissime cose. Intanto abbiamo messo in campo anche una squadra amatori. Questo ci consentirà di differenziare il percorso dei nostri calciatori all' interno della società. Immaginate tutti quei ragazzi che terminati gli juniores non se la sentono di affrontare il calcio dilettantistico. Da noi troveranno una valida alternativa. Potranno cioè continuare a giocare in coerenza con quella che è la loro volontà in un contesto conosciuto e affidabile. Ovviamente questa è solo una delle opzioni possibili. Noi lavoreremo per offrire l'opportunità ai nostri calciatori di crescere e maturare esperienze ad alti livelli, se dimostreranno di avere le giuste potenzialità tecnico comportamentali. Per questo abbiamo avviato contatti per inaugurare una collaborazione del tutto esclusiva con un' importante società professionistica. Fin dal prossimo autunno ci concentreremo poi, anche sulla costruzione di una sezione di calcio femminile, e nello sviluppare una rete di calcio condiviso con il Futsal. Senza dimenticare tutte le attività coordinate da Gino Fantechi relative al calcio integrato, vero e proprio fiore all'occhiello della società".

Dalle tue parole emerge un progetto a tutto tondo. Cosa ti senti di dire a conclusione di questo nostro incontro? "Il calcio giovanile e dilettantistico ha disconosciuto nel tempo i suoi valori e i suoi obiettivi. Probabilmente è figlio dei nostri tempi. L'Isolotto ha deciso di non subire più passivamente certe logiche. Da oggi, con grande entusiasmo ci rimboccheremo le maniche per costruire una società modello. Abbiamo tutto per poterci riuscire. Tempo qualche anno e dimostreremo innanzi tutto a noi stessi che un altro calcio è possibile".

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 13/09/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Lo SCANDICCI ha PRESENTATO le sue FRECCE del SETTORE GIOVANILE

Scandicci ed Hard Rock Firenze: un binomio vincente, rinsaldato dopo quella della prima squadra, dalla presentazione delle formazioni di punta del florido settore giovanile. Nel caratteristico locale di piazza della Repubblica a Firenze, della multinazionale a stelle strisce, la società del presidente, Fabio Rorandelli, ha passato in rassegna le sue squadre di punta, che fungono da prezi...leggi
23/09/2022

L'AFFRICO apre una COLLABORAZIONE con una società di SERIE A

Presso il teatro della polisportiva U.S. Affrico, si è svolta la conferenza stampa per ufficializzare l’affiliazione di Affrico Calcio a ACF Fiorentina, alla presenza dei Dirigenti di entrambe le società. La grande sala è gremita di ragazzi della scuola calcio, di famiglie, di allenatori e dirigenti. “Play to be different” recita il ...leggi
22/09/2022

SCANDICCI, PRESENTAZIONE di JUNIORES NAZIONALI e SETTORE GIOVANILE

Si terrà giovedì 22 settembre 2022 la presentazione degli Juniores Nazionali e del Settore Giovanile dello Scandicci, nella suggestiva location dell'Hard Rock Cafe Firenze. Dopo il primo, grande evento che ad inizio mese ha coinvolto Scandicci e Hard Rock Cafe Firenze con la presentazione della Prima Squadra Blues, giovedì sarà il momento di Juniores, Allievi...leggi
22/09/2022

"L'OBIETTIVO è di far arrivare più RAGAZZI possibile in PRIMA SQUADRA"

Intercettare talenti fin da giovanissimi, accompagnarli passo passo nel percorso di crescita fino alla prima squadra, approdo e obiettivo finale del vivaio dell’Empoli. Come ribadisce a più riprese il Responsabile del settore giovanile azzurro Federico Bargagna, coadiuvato nella sua azione dal Responsabile dell’area tecnica del settore giovanile Matteo Silvestri. ...leggi
14/09/2022

L'USC MONTELUPO annuncia i QUADRI TECNICI per il SETTORE GIOVANILE

L'USC Montelupo comunica i quadri tecnici del Settore Giovanile per la stagione 2022/2023: ALLIEVI REGIONALI UNDER 17 2006: Cristiano Coli e Fabio Fabiani (confermati) ALLIEVI B MERITO UNDER 16 2007: Mauro Cardellicchio (dal San Miniato Basso) GIOVANISSIMI REGIONALI UNDER 15 2008: Gianfranco Falcini (dalla Sales) – assistente Tommaso Fornai GIOVANISSIMI B UNDER 1...leggi
08/09/2022

La RAPPRESENTATIVA GIOVANISSIMI si ritrova a CENA a FIRENZE

Quando il calcio riesce ad essere un favoloso mezzo di comunicazione e di amicizia, quando riesce a trasmettere quei valori positivi che poi ne sono la sua essenza e la sua forza. Ecco come si può spiegare quanto accaduto nei giorni scorsi per quanto riguarda la Rappresentativa Regionale Toscana classe 2007 che nello scorso giugno ha vinto un torneo che si è giocato a Gatteo a Mar...leggi
06/09/2022

Al via l'UNDER 12 dell'EMPOLI: ecco ROSA e nuovi ACQUISTI

Al via la stagione dell’Under 12 classe 2011 dell'Empoli guidata da Cristian Calì e Massimo Saccà, che ha iniziato ad allenarsi al Centro Sportivo di Monteboro. Questa la rosa a disposizione dei tecnici azzurri: Niccolò Allochis (dalla Sestese), Davide Atzeni, Lorenzo Bianchi, Gabriele Cattin (dal Pontedera), Omar Cristiano, Diego Di Natale, David Yoran Ekani ...leggi
31/08/2022

"MONTESPERTOLI è ora una GRANDE REALTA' del CALCIO TOSCANO"

Intervista al confermato responsabile tecnico della scuola calcio del Montespertoli Stefano Biotti. A breve inizierà  il quarto anno di gestione della scuola calcio del Montespertoli: com'è cambiata, se è cambiata, rispetto all'inizio del suo mandato? "La gestione attuale è certamente cambiata rispetto all'inizio. La pandemia che ci lasciamo...leggi
19/08/2022

ANTONIO GIORDANO "sbarca" in TOSCANA e approda ai GIOVANI FUCECCHIO

Una bella novità per i Giovani Fucecchio e per il calcio toscano in generale. Antonio Giordano arriva nella nostra regione dopo le numerose presenze nello staff IMPARANDO FOOWEL a Corfino ha deciso di unire l'attività lavorativa a quella calcistica e ha scelto i Giovani Fucecchio. Una settimana di ritiro a Fiumalbo, ora sono iniziati gli allenamenti in sede. Antonio&n...leggi
02/09/2022

Lo SCANDICCI ALLIEVI è pronto per la nuova STAGIONE

Otto nuovi arrivi, alcuni dai professionisti, e tante conferme. Questa la rosa degli Allievi Regionali Elite 2006 dello Scandicci a disposizione di Fabio Zuccaro! Gli innesti sono il portiere Mario Lami (dal Pontedera), i difensori Anis Baraoumi (dalla Pistoiese), Alessio Francini (dalla Fiorentina) e Tommaso Pisc...leggi
11/08/2022

Un "esercito" GIALLOROSSO sbarca in SERIE D e in ECCELLENZA

Anche per la stagione 2022-2023 ci sarà un “esercito” di calciatori, tutti giovanissimi, provenienti dal settore giovanile della San Michele Cattolica Virtus che saranno inseriti nelle rose  delle principali realtà dilettantistiche toscane tra serie D ed Eccellenza, senza dimenticare coloro che sono in forza a società professionistiche. Si tratta di...leggi
10/08/2022


VIDEO, il FIRENZE OVEST cambia volto nel SETTORE GIOVANILE

E' venuto a trovarci nella redazione di TOSCANAGOL l'amico Walter Bonciani che stagione 2022-2023 è il nuovo direttore generale del Firenze Ovest. Proprio nell'anno dei festeggiamenti per i 50 anni della società, l'Ovest cambia "pelle" con l'arrivo di diversi nuovi personaggi. Proprio Bonciani ha avuto l'incarico dalla famiglia Colzi, proprietaria del club, di allestire lo staff d...leggi
04/08/2022

Un giovane ALLENATORE TOSCANO approda al BOLOGNA

Francesco Ricci, allenatore fiorentino classe 1991, nella prossima stagione sarà al Bologna Calcio, dove farà parte dello staff della formazione Under 13 rossoblu. "Ho iniziato a giocare nel Firenze Ovest, poi sono passato a Margine Coperta dove ho fatto tutto il settore giovanile. Molto giovane ho subito un brutto infortunio ed ho dovuto smettere pr...leggi
29/07/2022



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02722 secondi