Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

"Questa RIFORMA dello SPORT penalizza ancor di più le nostre SOCIETA'"

Dura presa di posizione del presidente della LND Toscana Paolo Mangini che chiede un ripensamento "perchè è in ballo la sopravvivenza del movimento"

Il Consiglio dei ministri ha approvato i cinque decreti legislativi per l'attuazione della riforma dello sport. Il via libera è arrivato in extremis, la delega scadeva il 28 febbraio, domenica. I decreti erano stati presentati dal ministro Vincenzo Spadafora, quando era in carica il governo Conte-2.

C'è stata comunque molta discussione. "Dopo tanti anni la riforma dello sport è fatta e aprirà una strada di cambiamento per tutti e solo in meglio", la soddisfazione di Spadafora. "Dopo un anno di lavoro complicato - ha aggiunto - la riforma è stata approvata. Finalmente tantissime cose diventano realtà, dalle tutele per i lavoratori sportivi, al professionismo femminile, ai paralimpici".

Contrarie molte Federazioni: Figc, Federbasket e Federvolley avevano scritto una lettera al premier Draghi, pregando di rinviare l'approvazione, viste le difficoltà che ha il mondo dello sport in questo periodo. Il riferimento era soprattutto al lavoro sportivo e all'abolizione del vincolo, osteggiata anche dalla Lega Nazionale Dilettanti. 

E proprio Paolo Mangini, presidente del CRT Toscana della LND ha voluto ribadire il suo pensiero e la sua contrarietà a quanto definito a livello nazionale. Ecco il testo del suo intervento:

APPROVAZIONE NUOVA LEGGE DELLO SPORT

Ritengo che la riforma della Legge sullo sport sia stata affrontata in modo ideologico e populista, in particolare per alcuni aspetti come quello del vincolo sportivo e dei lavoratori sportivi.

Una riforma che invece avrebbe avuto bisogno, da parte di chi l’ha scritta, di una maggiore conoscenza del variegato sistema sportivo e di confronto vero con le realtà territoriali che sopportano in gran parte l’onere di tutta l’attività di base.

Ironizzando, anche se non ci sarebbe assolutamente niente da ridere, anzi, potrei dire che questo è “l’anno buono” per emanare una riforma dello sport che penalizza in modo massiccio le nostre società, come quelle di altre discipline sportive dilettantistiche. Dopo le nefaste conseguenze della pandemia, che ancora non sappiamo bene quantificare, ci volevano anche queste norme che aumentano i costi a carico delle società, già fortemente gravate di numerose incombenze economiche e amministrative, e ne stravolgono completamente tutta l’attività di sviluppo e di formazione verso i settori giovanili.

Mi pare che la legge abbia pensato esclusivamente ai fruitori dell’attività (atleti, “lavoratori” sportivi) piuttosto che alla sopravvivenza e ai supporti per le società sportive, delle quali non si fa menzione e senza le quali, come affermato giustamente dal Presidente Sibilia, non esisterebbero nè atleti nè lavoratori.

Considerato che l’abolizione dell’attuale normativa del vincolo e le tutele del lavoro sportivo entreranno  in vigore dal 1 luglio 2022, l’auspicio è quello  che questo “differimento” temporale (che il prossimo decreto su “ristori” potrebbe allungare ancora di più dei 18 mesi previsti) possa  essere utile per raccogliere ancora una volta le preoccupazioni di tutte le federazioni sportive e degli altri organismi e avere la possibilità di inserire alcuni accorgimenti che possano tutelare maggiormente le società. Oppure, per esempio, definire in modo chiaro la distinzione fra “lavoratore sportivo” e “prestazioni amatoriali” svolte dal volontariato.

Al di la, comunque, di tanti bei discorsi, di cui onestamente ne facciamo volentieri a meno, ora è necessario che tutti coloro che per compito istituzionale hanno la possibilità di intervenire, lo facciano al più presto.

Non possiamo accettare, passivamente, che per decreto si possa destabilizzare un intero sistema sportivo costituito da migliaia di società che grazie all’opera di tanti volontari svolgono un ruolo fondamentale per quanto riguarda la formazione, non solo sportiva, di migliaia di giovani, promuovendo importanti valori morali e civili, e che possono essere considerate delle vere e proprie agenzie educative sul territorio, dei “presidi sociali”.

                                                                                     Paolo Mangini
                                                                     Presidente Comitato Regionale Toscana 
                                                                           Lega Nazionale Dilettanti

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 01/03/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,12065 secondi