Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

"Giocare la COPPA il MERCOLEDI' è una cosa INEVITABILE"

Il presidente regionale Paolo Mangini interviene dopo l'accusa fatta dal Cecina 2000

Sapevamo che Paolo Mangini fosse un attento utente di TOSCANAGOL e la conferma è arrivata puntuale dopo quanto abbiamo pubblicato in settimana (LEGGI QUA) sulla COPPA TOSCANA di SECONDA CATEGORIA. Il presidente regionale della Lega Nazionale Dilettanti chiede la parola per fare alcune osservazioni.

"In merito alle dichiarazioni rilasciate dalla società Cecina 2000 vorrei anzitutto esprimere il mio dispiacere per quanto accaduto e per le difficoltà manifestate dalla società. Devo però dire che, pur comprendendo le motivazioni che hanno portato la società a non disputare la gara, l'organizzazione della Coppa non può che prevedere le partite nella giornata di mercoledì. Lungi da noi creare difficoltà alle nostre società. Non ci sono altri margini di manovra. Non possiamo pertanto fare diversamente".

Mangini non vede però un problema generale. "La Coppa Toscana viene ormai organizzata da moltissimi anni. Se una società legittimamente non ritiene di poter partecipare, è sufficiente che lo comuniche entro la data che tutti gli anni, all'inizio della stagione sportiva, viene pubblicato sul comunicato ufficiale".

Poi un'ultima precisazione. "Leggo poi nelle dichiarazioni del segretario del Cecina 2000 un accenno al consigliere regionale Stefano Riccomi. Premesso che mi fa piacere che ci siano rapporti sul territorio tra le società e i componenti del Consiglio Direttivo del Comitato Regionale, ma il fatto che il consiglieri Riccomi non abbia risposto non è certo imputabile alla sua volontà; oggi le dinamiche lavorative e quelle legati alla corretta ricezionedei cellulari possono non aver consentito la risposta nè immediatamente nè successivamente. In ogni modo, nel caso della rinuncia alla partecipazione alla gara di una società, è indispensabile contattare il Comitato Regionale con una comunicazione scritta e al limite anche telefonica".

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 27/09/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,07088 secondi