Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

GIOCATORE si "SBAGLIA" e mette la MAGLIA del COMPAGNO sostituito

E' successo nell'intervallo di San Marco Avenza-Atletico Piombino (Eccellenza girone A): ora cosa succederà?

Il fatto è davvero insolito e rischia di diventare una "caso" che potrebbe fare giurisprudenza, chiaramente a livello calcistico. E' successo ieri ad Avenza (Carrara) nell'intervallo della gara valevole per il girone A dell'Eccellenza. Spogliatoio ospite, quello dell'Atletico Piombino. Il capitano Luca Gherardini non sta bene, ha mal di stomaco e chiede di essere sostituito. Si siede sulla panca e si toglie la maglia che ha il numero 4 come si vede nella foto qua sopra prima dell'inizio della partita. Accanto a lui l'inseparabile amico e compagno Alessio Fatticcioni. I due si cambiano sempre in posti vicini. Fatticcioni ha invece il numero 5: si toglie anche lui la casacca da gioco per cambiarsi la maglia sottopelle che è intrisa di sudore.

Poi cosa succede? "Prima di rientrare in campo Alessio - è il racconto del dirigente dell'Atletico Piombino Roberto Ulivi - prende la maglia senza accorgersi che è quella con il numero 4 e la indossa senza pensarci. Iin tribuna non ci siamo accorti di niente, oltretutto nel secondo tempo i padroni di casa ci hanno costretto molto alla difensiva e dunque abbiamo sempre visto Fatticcioni dalla parte davanti, quella del viso. Questo per quarantatre minuti, fino al momento in cui l'arbitro è andato ad ammonirlo. Qua lui è stato bravo, perchè si è accorto subito, visivamente, che aveva già ammonito Fatticcioni nel primo tempo e dunque che era il secondo giallo. Fatticcioni è cascato dalle nuvole, non sapeva di avere indossato il numero 4. A quel punto l'arbitro ha riferito al nostro capitano Papa che il numero 4 Gherardini doveva ritenersi ammonito anche lui per l'errore. Gherardini era diffidato e dunque sarà squalificato domenica prossima".

Diversa è la valutazione di quanto successo in casa San Marco Avenza. La società sta valutando l'ipotesi di fare ricorso e nelle prossime ore deciderà. Ha tempo fino alle 24 di lunedì per inoltrare il preavviso e poi sette giorni per l'effettivo reclamo. "Al novanta per cento lo faremo - dichiara il presidente Luca Bini a TOSCANAGOL - perchè la storia ci sembra un po' assurda e c'è una serie di coincidenza che non vanno bene. Non siamo rammaricati per il risultato del campo, ma per questa cosa. Ci sentiamo presi in giro".

Bini prosegue dicendo che "Fatticcioni doveva essere subito ammonito nel secondo tempo, nel caso in cui l'arbitro si fosse accorto che non aveva più il 5 ma il numero 4. L'Atletico Piombino doveva giocare in dieci tutta la ripresa e lo ha fatto solo al 45' quando ha subito il secondo giallo. La partita è stata irregolare. E' un errore tecnico che ci ha penalizzato"

Cosa succedere dunque? Banale dimenticanza o malafede? Esiste una normativa in tal senso? E in passato sono successi casi del genere? Attendiamo gli sviluppi.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 19/02/2018
Tempo esecuzione pagina: 1,02591 secondi