Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


La storia del portiere LEONARDO CITTI: dalla JUVENTUS ai DILETTANTI

"A Torino sono cresciuto tanto, poi ho avuto tanta sfortuna e ora vorrei tornare a giocare in Toscana"

Una storia che vale la pena di raccontare, di un calcio che ti dà, ti illude e poi ti presenta il conto, magari togliendoti tutti i sogni. Dall'altare alla polvere, dall'essere dentro o a un passo da un calcio iper-professionistico, a quello di... casa, dilettantistico o pseudo tale, fatto di passione e tanti sacrifici.

Ecco, Leonardo Citti, classe 1995, portiere di Lucca, può raccontare le due facce di uno sport affascinante e bellissimo, ma anche duro e illusorio, specchio fedele di una società "usa e getta" che niente di perdona.

Una storia iniziata nel 2011 quando il quindicenna Leonardo dopo essere stato seguito dagli osservatori della Juventus, fu acquistato dalla Lucchese dove giocava negli Allievi Nazionali. Tre anni in bianconero, il passaggio in Primavera, poi gli allenamenti con la Prima squadra e il mito Buffon. Quindi un anno in Lega Pro, Gubbio, poi Pontedera, due stagioni ancora in Lega Pro, dal 2015 akl 2017. Poi da febbraio 2018, serie D vicino casa, Ghivizzanoborgo. Infine, ultima stagione, a Castelvetro, grazioso borgo a 25 chilometri da Modena, nell'Eccellenza emiliana.

Andiamo per ordine. Periodo Juventus, cosa ha significato per un ragazzo di quindici anni andare in un club così importate? "Penso di essere cresciuto tanto come persona - risponde Leonardo -  visto che sono partito di casa che ero un ragazzino. Ovviamente non è mancata la preparazione tecnica in campo, guidata dai maggiori esperti del ruolo, cito i miei ex allenatori Chimenti, Scarpello e Claudio Filippi, quest'ultimo attuale preparatore della prima squadra dellaJuventus. I ricordi indelebili sono ovviamente il primo allenamento in Prima squadra: giocavo negli  Allievi, ricordo che c'era la neve e mi trovai davanti dei campioni per una partitella. Davanti a me avevo come difensori... Bonucci e Barzagli. E poi i ritiri estivi di Chatillon, con circa 4000 tifosi agli allenamenti, la tournée americana a San Francisco Los Angeles e Miami, e poi, a causa dell'infortunio di Rubinho, ho fatto tre panchine in A, la prima a San Siro in Inter-Juve 1-1 con i fischi all’entrata in campo per il riscaldamento che penso non dimenticherò mai. Li ho capito cos’era la Juve per chi non la tifava, era la squadra da battere. E le due convocazioni in Champions con Copenaghen fuori casa e Galatasaray allo Juventus Stadium. Indelebili anche i ricordi delle vittorie della Coppa Italia Primavera e della Supercoppa Primavera con le sfilate davanti agli spettatori dello Stadium: ricordi che ti fanno venire i brividi".

In quel periodo anche le convocazioni con le Nazionali Under 18 e Under 19. Poi si apre una seconda fase, quella di "andare a farsi le ossa" come si suol dire, per verificare di "che pasta si è fatti". Ecco Gubbio e la Lega Pro. "Non è stata una parentesi semplice: arrivai in Umbria il 25 Agosto e davanti a me c'era un grande portiere come Iannarilli che mi fece capire cosa significa fare il portiere tra i "grandi" e cos’era la vera competizione. Per chi va avanti e chi invece rimane dietro!  Iannarilli è stato un grande compagno di squadra e tutt’ora lo sento ogni tanto. A gennaio eravamo nelle prime cinque posizioni e quasi sicuri di salvarci in netto anticipo. Alla fine siamo invece andati ai playout: risultato finale, retrocessione e zero partite giocate per me. Un anno durissimo. Poi arrivò il Pontedera che mi prese dalla Juve con un progetto di due anni, il primo di “formazione”, il secondo per esplodere. Nel primo anno giocai quattro partite. Ebbi la rottura del menisco una settimana prima del mio esordio in Coppa Italia con la maglia granata. Quindi esordio rimandato alle ultime partite. Il secondo anno invece è stato diciamo il più sfortunato che ho avuto nella mia seppur breve carriera. Strappo di secondo grado il 30 luglio in Coppa Italia a Foggia. Rientro dopo solo un mese per la prima di campionato con il Siena, alla fine dei conti, altro strappo. Per un titolare di tre strappi in ree partite e rientro effettivo dopo sei mesi a febbraio quando ormai i giochi erano fatti. È' li che ho perso il treno. E' da lì è iniziato diciamo il calvario per la ricerca di uno squadra".

Nuova stagione e ancora problemi. "Prima di Ghivizzano rischiai di passare a Livorno, ma non si concluse e a febbraio, a causa dell'infortunio del secondo portiere, mi chiamano. Ero il quinto portiere in una stagione. Mi promisero di rimanere. Venturi era d’accordo. Ma con l’arrivo di Pagliuca fui costretto a non rimanere. Voleva la quota".

E siamo arrivati a giorni nostri. Estate 2018. "A Ferragosto dopo vani tentativi per trovare squadra in D, accetto Castelvetro, composta da una staff particolare: Masitto (ex calciatore con trascorsi a Carrara e Lucca ndr) come primo allenatore e Andrea Rossi fino all’anno scorso alla guida dei portieri della Reggiana. Mi accontentano in tutto e parto, visto che mi viene data anche la possibilità di poter continuare i miei studi di Ecnomia. Quindi la scelta non mi precludeva nulla!"

L'esperienza è stata positiva. "È’ stato un anno bello, anche perché ho ritrovato la serenità di giocare, la voglia di aspettare e di rivivere la domenica dopo sei mesi passati a casa a mangiarmi lo stomaco. È’ stato un anno positivo personalmente, chiuso con trenta partite tra campionato e coppa Italia. Il calcio in Emilia è diverso da quello toscano, gli impianti sono stratosferici e le squadre forti, vedi la Correggese che ha stravinto il nostro girone".

Nonostante questo però Leonardo ora vorrebbe avvicinarsi a casa. "Vorrei provare a cimentarmi qua in Toscana e provare a far circolare il mio nome anche vicino casa, perché ho sempre tanta voglia e mandando a quel paese le regole degli under e degli over, penso di essere ancora giovane per dimostrare ciò che in passato, non sempre son riuscito a fare. La categoria? Non faccio un problema,  serie D o Eccellenza che sia. La serie D sarebbe ambita anche per sfatare questo mito che debbano giocare gli Under. Quest'anno il Modena ha scelto di far giocare l'Under e ha perso il campionato di serie D per i portieri. Con noi quest'anno si è allenato Narciso, un ex portiere che ha fatto tanta serie A e B, la spina dorsale di una squadra dal portiere alla punuta centrale dovrebbe essere formata tutta da elementi esperti".

Print Friendly and PDF
  Scritto da Gino Mazzei il 14/06/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



La LIBERTAS FEMMINILE ripartirà dal campionato di ECCELLENZA

La nuova stagione della Liberta femmile è iniziata in un pomeriggio di festa, che ha visto protagoniste tutte le giocatrici del settore giovanile, a partire dalle piccole Under 9 fino alle Under 15.  Elena Linari, “il muro” della Nazionale Italiana femminile, è stata l’ospite d’eccezione, testimonial di un movimento, quello del calcio del femmi...leggi
22/07/2019


Presentate PRIMA SQUADRA e JUNIORES del BARGA

Di fronte ad un numeroso pubblico, caldo e accogliente, nella piazzetta della Barghetta di fronte allo splendido Teatro dei Differenti di Barga si è svolta la presentazione della prima squadra e Juniores del Barga per la Stagione 2019/2020. Con una cornice di pubblico che ha applaudito e intonato veri cori da stadio le due squadre sono salite sul palco per presentarsi e dimostrar...leggi
19/07/2019

CORSANICO ripescato in PRIMA: la gioia del presidente CROVARA

E' ufficiale il ripescaggio in Prima categoria del CORSANICO, società dell'entroterra versiliese, brillante protagonista nelle ultime stagioni in Seconda che sale dove mai non era arrivato nella sua storia. Una notizia che era nell'aria dopo che il Corsanico aveva preso parte agli spareggi nell'ultimo campionato per salire di categoria. Entusiasta il presidente Alessandro Crovara...leggi
18/07/2019

CGC CAPEZZANO ambizioso ai nastri della PRIMA CATEGORIA

Tutto pronto per la partenza della prima squadra della società del presidente Coli Ivo per il campionato di prima categoria. Uno scatenato direttore sportivo Dario Calamari ha portato importanti novità tra le fila dei giocatori con gli acquisti di Samuele Pizza centrocampista (NELLA FOTO QUA SOPRA) che non ha bisogno di ta...leggi
18/07/2019

CLAMOROSO in ECCELLENZA: il VIAREGGIO 2014 non si ISCRIVE

C'è un nuovo "caso" nell'estate calcistica toscana. E' quello che riguarda il Viareggio 2014 che non avrebbe ottemperato alla richiesta di iscriversi al campionato di Eccellenza, confidando nel ripescaggio in serie D.  Tutto è scoppiato in questi giorni, dopo la scadenza di sabato 13 Luglio, quella da tempo pubblicizzata dal Comitato Regionale Toscana della Lega Nazio...leggi
17/07/2019

TAU CALCIO, cinque ragazzi passano dagli ALLIEVI ELITE all'ECCELLENZA

Prosegue a grandi ritmi la campagna di rafforzamenti del Tau Calcio Altopascio che la prossima stagione sarà impegnato nel campionato di Eccellenza a seguito della fusione con il Vorno.  Lo staff sta infatti completando la squadra e tra i nuovi arrivati ci sono: Alex Donati (portiere), Gianmarco e Lorenzo Magini (difensore il primo, centrocampista il secondo), Giacomo Prates...leggi
15/07/2019

Accordo tra FOLGORE SEGROMIGNO e ACQUACALDA S. PIETRO A VICO

E' ufficiale l'accordo tra due società della piana di Lucca. Si tratta della Folgore Segromigno, storico club che da oltre cinquanta anni svolge un importante lavoro nel settore giovanile e dell'Acquacalda San Pietro a Vico, retrocesso in Seconda categoria nell'ultima stagione. Il diesse giallorosso Graziano Giannini e il presidente Giampiero Bandettini hanno definito una collabo...leggi
11/07/2019


Vittorio BINI confermato PRESIDENTE del CRA TOSCANO

Il Comitato nazionale dell'AIA ha confermato Vittorio Bini quale Presidente del Comitato Regionale Toscano Arbitri. "Ringrazio della fiducia che mi è stata accordata - ha detto Vittorio Bini - il Comitato Nazionale. Sento vicini a me i Presidenti delle Sezione Toscane e mi accingo ad iniziare questa terza stagione alla guida degli arbitri toscani con stim...leggi
10/07/2019

MUORE giovane ARBITRO: aveva solo ventidue anni

La Sezione AIA “Mario Gianni” di Lucca piange la tragica scomparsa del suo associato Alessio Sicolo, figlio del consigliere Marco Sicolo, che è scomparso ieri a soli ventidue anni. "Il Presidente Antonio Ruffo, il Consiglio Direttivo e gli associati della Sezione di Lucca - è scritto nel post su facebook - si stringono nell’i...leggi
09/07/2019

Il TAU CALCIO ALTOPASCIO vestirà KAPPA

Ancora una partnership d'eccezione per il Tau calcio Altopascio. Dopo aver rinnovato la scorsa estate il legame con l'Inter, di cui la società amaranto è Centro di formazione, il Tau ha ufficializzato proprio in queste settimane il nome del nuovo sponsor tecnico. Si tratta del noto marchio di abbigliamento sportivo Kappa, con cui è stato concluso un contratto di fornit...leggi
09/07/2019

YURI AMICO rinnova con il REAL FORTE QUERCETA:"Onorato per la fiducia"

Proseguono senza sosta i lavori in casa Real Forte Querceta. Notizia di poche ore fa: anche Yuri Amico, centrocampista classe 1998, vestirà nuovamente la maglia bianconerazzurra della società presieduta da Mussi e co.  A ufficializzare la notizia lo staff tecnico della formazione di Forte dei Marmi, d...leggi
25/06/2019

La FORTIS CAMAIORE conferma PALMERINI e FEDERIGI in panchina

Prime novità in casa Fortis Camaiore: la società del Direttore Generale Dante Raffaelli, in vista de prossimo CAMPIONATO DI SECONDA CATEGORIA rinnova lo staff dirigenziale che vede il ritorno di Cristiano Francesconi e Francesco Palmerini, che insieme al confermato Andrea Sacchelli dovranno allestire una rosa competitiva per puntare alla zona PlayOFF. Confermati alla guida...leggi
22/06/2019

TAU in ECCELLENZA, ecco chi ne farà parte: CHIANESE è l'acquisto boom

La notizia circolava già da qualche settimana tra gli addetti ai lavori, ma adesso è arrivata l'ufficialità: nella prossima stagione il Tau calcio Altopascio giocherà in Eccellenza. Un risultato reso possibile grazie alla fusione della società amaranto con il Vorno. Non una semplice cessione del titolo sportivo dunque, ma una ...leggi
21/06/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05537 secondi