Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


Il VORNO festeggia la SALVEZZA, ma CARDELLA ora potrebbe lasciare

Intervista a cuore aperto con il tecnico che in ogni caso dice: "Chi verrà qua troverà una società competente e un bell'ambiente"

Il Vorno festeggia la salvezza in Eccellenza. Era la prima volta per questa piccola società alla porte di Lucca al cospetto di piazze e società blasonate. Un traguardo raggiunto persino con una giornata di anticipo che premia il lavoro serio e competente di una società che sapeva che c’era il rischio di pagare una certa inesperienza a questi livelli e di uno staff tecnico che si è dimostrato competente e preparato anche in categoria superiore.

A guidarlo il tecnico Alfredo Cardella che ora confessa a TOSCANAGOL tutta la sua soddisfazione. “Abbiamo raggiunto la salvezza con una giornata di anticipo e per noi questo equivale a vincere un campionato. I meriti sono ragazzi, della società e dello staff.  In questi ultimi due anni abbiamo fatto la storia, ritengo però che parlare di sogno o di miracolo sia molto riduttivo nei confronti di tutti: dietro questo risultato non c'è casualità, oltre a me c'è un allenatore in seconda, un preparatore atletico, un match analyst, un preparatore dei portieri, un fisioterapista per il recupero degli infortunati, un massaggiatore, e persone competenti dietro una scrivania. Nulla è lasciato al caso, il lavoro sul campo, le nostre riunioni tecniche, i confronti con i dirigenti. Tutto ciò ci ha permesso di raggiungere l'obiettivo prefissato ad inizio stagione. Per questo parlare di sogni o di miracolo non è nel mio modo di lavorare e di pensare”.

Analizzando la stagione, Cardella focalizza il momento più bello e quello più deludente. “Sicuramente battere la corazzata Grosseto allo stadio “Porta Elisa” di Lucca è stata una grande soddisfazione che difficilmente la società Vorno dimenticherà. A noi come squadra quel giorno ha dato la consapevolezza che stavamo lavorando bene e che il motto “rispettare tutti ma non aver paura di nessuno” cominciava ad essere applicato sul campo. Quel giorno i ragazzi cominciarono a capire che trasformare il lavoro settimanale sul campo era possibile. Delusioni particolari non ce ne sono state, anche se è chiaro che quando facciamo un campionato difficile come quello dell’Eccellenza, alcune volte si arrivava alla domenica sera dopo una gara andata male e la mancanza di certezze sull’assetto tattico potevano essere rimesse in discussione, ma con il mio staff ci rimettevamo subito al lavoro per ritrovarle”.

Da non dimenticare quello che poi è successo nel “mercato” di dicembre con la partenza di due pedine importanti come Petracci e Remedi. Il Vorno sembrava spacciato nonostante l’arrivo di un attaccante di grande esperienza come Marino Taddeucci. “Chi ha lasciato Vorno, lo ha fatto chi per problemi lavorativi, chi per mancanza di spazio, chi per scelta nostra perchè faticava a fare questa categoria. Petracci soffriva di mancanza del gol e faceva un po’ di fatica, ma noi lo avremmo aspettato, però lui per mancanza di stimoli ha preferito cambiare. Io credo però che una categoria come l'Eccellenza gli stimoli possa solo darteli, anche perché non mi sembra che l’avesse mai fatta da protagonista. Abbiamo però rispettato la sua scelta e la società lo ha lasciato andare, mentre Remedi è un giocatore che tutti gli anni a dicembre cambia casacca e la cosa si commenta da sola. Detto questo il direttore Dal Porto si è rimesso al lavoro e i risultati ancora una volta hanno confermato le sue capacità. I suoi “ritocchi” ci hanno permesso di centrare l'obiettivo”.

Cosa è cambiato con l’arrivo dei nuovi? “Intanto ci tengo a dire che anche prima la squadra era fuori dai playout, come l’anno scorso fummo primi dalla prima giornata fino all’ultima anche quest’anno siamo sempre stati fuori dai play out. L’arrivo dei nuovi ha portato entusiasmo e tranquillità in uno spogliatoio che faticava a fare gruppo. I nuovi si sono messi subito a disposizione con molta umiltà e soprattutto con la carica che questa categoria trasmette, hanno portato serenità e ottimismo: Poi tenere il profilo basso, rispettare tutti, ma non aver paura di nessuno e lavorare senza fare tabelle non ha interrotto il cammino verso il traguardo”.

C’è qualche giocatore che in una maniera o in un’altra ha fatto la differenza? “Faccio due nomi perche so che tutto il gruppo la pensa come me. Il primo è Carusio che come ho sempre detto è come un allenatore in campo: è un professionista vero, ha dato sicurezza tattica a tutta la squadra, Sono convinto che diventerà in futuro un buon allenatore, se saprà ascoltarmi, anche se penso che possa ancora giocare a buon livello. Il secondo è Catania, un giocatore di 37 anni che appena l’ho chiamato è corso a darmi una mano: lui ha portato fiducia e spensieratezza con la sua umiltà e la sua voglia di vincere sempre. Ha dato quella marcia in più a tutti”.

Come giudica il lavoro in queste due stagioni della società Vorno? “C’è gente che sa di calcio, è competente ed è abituata a lottare, che con i suoi difetti cerca di non farti mancare niente. E’ una società che negli ultimi anni ha sempre raggiunto l'obiettivo prefisso, due campionati vinti e due salvezze alle prime esperienze in categoria. Credo che siano numeri che parlano da soli sul come si lavora a Vorno. A mio avviso la “ciliegina” sulla torta è sicuramente rappresentata dal direttore sportivo Maurizio Dal Porto, persona competente e intenditore di calcio, conoscitore di giovani e in grado di capire quali innesti fare, una persona che con budget ridotti riesce sempre a lavorare al meglio”.

A salvezza ottenuta ora si può parlare del futuro di Alfredo Cardella? “E' presto per dirlo, manca sempre una partita e vogliamo finire bene. Credo che per il Vorno il discorso allenatore sia secondario, con questa salvezza si sono aperti scenari importanti che la società dovrà valutare con tutta calma. Sono molto soddisfatto a livello personale di questi due anni: l 'Eccellenza è una sorta di campionato “semiprofessionismo” che ti affascina e ti permette di lavorare come piace a me, Vorno mi ha dato tanto e io credo di aver dato qualcosa al Vorno, il calcio è bello per questo ma poi quello che si è fatto ieri, domani è già dimenticato e si ricomincia. Con Cardella o senza Cardella il Vorno andrà avanti e continuerà a fare bene, perché è una società che sa fare calcio e non improvvisa mai. Chi verrà a Vorno potrà lavorare in un ambiente ideale per fare calcio”.

Dalle sue parole sembrerebbe profilarsi un divorzio. “Ad oggi sono concentrato sul festeggiare con i ragazzi questo traguardo raggiunto e poi su concludere bene il campionato perché abbiamo la partita con il Piombino tra due settimane. Per cui parlare di conferme o addii non mi sembra il caso. A tempo debito saprete tutto”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 10/04/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



TAU CALCIO, cinque ragazzi passano dagli ALLIEVI ELITE all'ECCELLENZA

Prosegue a grandi ritmi la campagna di rafforzamenti del Tau Calcio Altopascio che la prossima stagione sarà impegnato nel campionato di Eccellenza a seguito della fusione con il Vorno.  Lo staff sta infatti completando la squadra e tra i nuovi arrivati ci sono: Alex Donati (portiere), Gianmarco e Lorenzo Magini (difensore il primo, centrocampista il secondo), Giacomo Prates...leggi
15/07/2019

Accordo tra FOLGORE SEGROMIGNO e ACQUACALDA S. PIETRO A VICO

E' ufficiale l'accordo tra due società della piana di Lucca. Si tratta della Folgore Segromigno, storico club che da oltre cinquanta anni svolge un importante lavoro nel settore giovanile e dell'Acquacalda San Pietro a Vico, retrocesso in Seconda categoria nell'ultima stagione. Il diesse giallorosso Graziano Giannini e il presidente Giampiero Bandettini hanno definito una collabo...leggi
11/07/2019


Vittorio BINI confermato PRESIDENTE del CRA TOSCANO

Il Comitato nazionale dell'AIA ha confermato Vittorio Bini quale Presidente del Comitato Regionale Toscano Arbitri. "Ringrazio della fiducia che mi è stata accordata - ha detto Vittorio Bini - il Comitato Nazionale. Sento vicini a me i Presidenti delle Sezione Toscane e mi accingo ad iniziare questa terza stagione alla guida degli arbitri toscani con stim...leggi
10/07/2019

MUORE giovane ARBITRO: aveva solo ventidue anni

La Sezione AIA “Mario Gianni” di Lucca piange la tragica scomparsa del suo associato Alessio Sicolo, figlio del consigliere Marco Sicolo, che è scomparso ieri a soli ventidue anni. "Il Presidente Antonio Ruffo, il Consiglio Direttivo e gli associati della Sezione di Lucca - è scritto nel post su facebook - si stringono nell’i...leggi
09/07/2019

Il TAU CALCIO ALTOPASCIO vestirà KAPPA

Ancora una partnership d'eccezione per il Tau calcio Altopascio. Dopo aver rinnovato la scorsa estate il legame con l'Inter, di cui la società amaranto è Centro di formazione, il Tau ha ufficializzato proprio in queste settimane il nome del nuovo sponsor tecnico. Si tratta del noto marchio di abbigliamento sportivo Kappa, con cui è stato concluso un contratto di fornit...leggi
09/07/2019

YURI AMICO rinnova con il REAL FORTE QUERCETA:"Onorato per la fiducia"

Proseguono senza sosta i lavori in casa Real Forte Querceta. Notizia di poche ore fa: anche Yuri Amico, centrocampista classe 1998, vestirà nuovamente la maglia bianconerazzurra della società presieduta da Mussi e co.  A ufficializzare la notizia lo staff tecnico della formazione di Forte dei Marmi, d...leggi
25/06/2019

La FORTIS CAMAIORE conferma PALMERINI e FEDERIGI in panchina

Prime novità in casa Fortis Camaiore: la società del Direttore Generale Dante Raffaelli, in vista de prossimo CAMPIONATO DI SECONDA CATEGORIA rinnova lo staff dirigenziale che vede il ritorno di Cristiano Francesconi e Francesco Palmerini, che insieme al confermato Andrea Sacchelli dovranno allestire una rosa competitiva per puntare alla zona PlayOFF. Confermati alla guida...leggi
22/06/2019

TAU in ECCELLENZA, ecco chi ne farà parte: CHIANESE è l'acquisto boom

La notizia circolava già da qualche settimana tra gli addetti ai lavori, ma adesso è arrivata l'ufficialità: nella prossima stagione il Tau calcio Altopascio giocherà in Eccellenza. Un risultato reso possibile grazie alla fusione della società amaranto con il Vorno. Non una semplice cessione del titolo sportivo dunque, ma una ...leggi
21/06/2019

BARGA al lavoro per allestire le due nuove squadre

C'è chi è già in vacanza, c'è chi ancora deve farle, parlando dal punto di vista calcistico il Barga è sempre al lavoro per cercare di costruire le due squadre per la prossima stagione 2019/2020, la prima squadra che si accinge a disputare il Campionato di 2^ categoria con in panchina il riconfermatissimo tandem tecnico formato da Stefano Marchi e Simone Romei...leggi
19/06/2019

SERIE D, oggi il GHIVIZZANOBORGO presenta il nuovo ALLENATORE

Da tempo ormai si sapeva che sarebbe tornato sulla panhina del Ghivizzanoborgo (serie D). Ora tutto è ufficiale, o meglio sarà ufficializzato questa pomeriggio nel corso di una conferenza stampa presso il ristobar Il Blanco a Lucca. Pacifico Fanani sarà presentato come il nuovo allenatore della società della Media Valle del Serchio che per il quarto anno consecutivo ...leggi
19/06/2019

SERIE D, FALCHINI pronto a ripartire con il REAL FORTE QUERCETA

Alla sua quarta stagione in maglia Real Forte Querceta, Gabriele Falchini sceglie di sposare ancora una volta il progetto della formazione presieduta da Mussi e co.  “A Forte dei Marmi si sta bene, è un ambiente tranquillo dove poter lavorare con serenità. Non è stato difficile trovare un accordo con i vertici della società, visto che l&rsq...leggi
18/06/2019

Il REAL FORTE QUERCETA riparte dalle conferme di BIAGINI e GUIDI

Due le riconferme, per il momento, per la formazione del Real Forte Querceta. Sarà la quinta stagione in maglia nerazzurra per Fabio Biagini, centrocampista centrale, capitano del RFQ. Arrivato a Forte dei Marmi ben cinque anni fa, il viareggino Biagini ha subito conquistato una promozione dall'Eccellenza alla serie D proprio in maglia neroazzurra, fino ad arrivare alla salvezz...leggi
18/06/2019

La storia del portiere LEONARDO CITTI: dalla JUVENTUS ai DILETTANTI

Una storia che vale la pena di raccontare, di un calcio che ti dà, ti illude e poi ti presenta il conto, magari togliendoti tutti i sogni. Dall'altare alla polvere, dall'essere dentro o a un passo da un calcio iper-professionistico, a quello di... casa, dilettantistico o pseudo tale, fatto di passione e tanti sacrifici. Ecco, Leonardo Citti, classe 1995, portiere di Lucca, pu&ogr...leggi
14/06/2019



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08534 secondi