Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


MATTEO TREFOLONI fa lezione agli ARBITRI nella sezione AIA di LUCCA

Importante incontro con il responsabile della CAN D che ha accettato l'invito del presidente Antonio Ruffo

La serata del 28 gennaio sarà ricordata a lungo nella sezione arbitri di Lucca, grazie alla lezione tenuta dal responsabile della CAN D Matteo Trefoloni. Nonostante i suoi numerosi impegni associativi lungo tutto lo stivale (e anche oltre), Matteo ha risposto, con il suo solito generoso entusiasmo, all’invito del Presidente di Sezione Antonio Ruffo a tenere una lezione nella sua Toscana.

Le stanze e la sala riunioni sezionale sono state affollate, oltre che dai numerosi associati lucchesi, anche da una nutritissima compagine di arbitri, assistenti ed osservatori delle altre sezioni toscane inseriti, insieme ai sette lucchesi, nei ruoli CAN D; ad essi si sono uniti anche i presidenti sezionali di Carrara, Pontedera e Viareggio. A fare gli onori di casa, oltre al Presidente Ruffo, il presidente della CRA Toscana, il lucchese Vittorio Bini, che non poteva far mancare la sua presenza in una serata come questa.

Trefoloni non ha smentito la sua fama di sapiente motivatore ed istruttore arbitrale. Nella serata lucchese non ha inteso affrontare tematiche tecniche ma focalizzare la sua esposizione, anche grazie all’uso di video, offrendo spunti di riflessioni, basati dalla sua esperienza come arbitro prima e come dirigente poi, ai “suoi” ragazzi e ai giovani colleghi lucchesi che ancora stanno svolgendo il loro impegno nelle categorie regionali e provinciali. Numerosi e importanti i messaggi che ha dato: primo fra tutti l’essenzialità di capire come nell’arbitraggio siano ininfluenti, per il raggiungimento dei propri obiettivi, le condizioni al contorno, che portano a dare un peso fuorviante all’immagine esterna e ad altri aspetti materiali; quello che serve ognuno deve averlo dentro di sé, nel proprio cuore.

Facendo riferimento alla propria esperienza Trefoloni ha invitato i ragazzi a considerare come la didattica tecnica arbitrale sia cambiata in questi anni, arrivando ai livelli attuali in cui le immagini delle gare sono diventate una normale fonte d’informazione e di conoscenza tecnica; di ciò le nuove leve devono sentirsi fortunate; fino a non molti anni fa tutto ciò era impensabile, eppure l’AIA è riuscita a formare grandi arbitri anche in passato; quelli arbitri possedevano una caratteristica indispensabile e primaria: avevano FAME di arbitraggio, anelavano conoscenza, credevano in quello facevano, avevano il giusto atteggiamento verso la propria attività. I giovani colleghi di adesso, sia quelli a livello nazionale sia i più giovani, non devono e non possono permettersi di aspettare che qualcuno gli fornisca il risultato già pronto affidandosi totalmente alla migliorata qualità didattica attuale. Matteo ha usato una metafora efficace: non si può attendere al tavolo l’arrivo di un piatto cucinato da altri; dobbiamo essere in grado di conoscere e controllare tutto il processo che sta alla base della sua realizzazione, dalla qualità degli ingredienti da utilizzare, ai modi corretti per prepararlo, fino all’effettivo risultato finale che per un arbitro è rappresentato dal portare a termine la gara in modo ottimale. Un arbitro deve avere cura di farsi carico e dominare l’intero percorso, basato su conoscenza, didattica, esperienza fino alla “produzione” della propria gara, essa non sarà altro che il risultato del “bagaglio” di conoscenza, atteggiamento e impegno che ognuno porta con sé andando ad arbitrare.

Arbitrare è una sfida a due, in cui è necessario avere chiaro che l’arbitro è l’elemento apparentemente più debole, il vero gigante è l’avversario: la gara stessa. Essa rappresenta un avversario che deve essere vinto grazie alla voglia e alla convinzione di riuscire a farlo; perciò è necessario mantenere un elevato livello di sana tensione mantenendo al contempo il controllo delle proprie emozioni e della paura, amica/nemica di ogni arbitro che lo accompagna fino al momento del fischio d’inizio. Ognuno troverà il proprio modo di affrontare queste emozioni raggiungendo il personale punto di equilibrio ma, sempre, avendo il “cuore in gola” per la sfida che uno si appresta ad affrontare andando al centro del terreno di gioco.

La conclusione della “lezione di vita” arbitrale, Trefoloni l’ha riservata al concetto di appartenenza associativa; ognuno deve coltivare il proprio aspetto associativo, avendo consapevolezza che il risultato di un singolo è sempre stato, e sempre sarà, il frutto di un lavoro collegiale che ha il proprio fulcro, e origine, nella Sezione Arbitrale; culla di ognuno di noi e vero pilastro della famiglia AIA. Consapevolezza che deve spingersi fino al punto di capire quanto ciò che il singolo ha avuto dalla Sezione (in termini di conoscenza, cura e considerazione) nel momento crescente dell’esperienza arbitrale debba poi ritornare verso essa, trasferendo le proprie esperienze alle giovani generazioni, quando la propria parabola associativa cambierà fisiologicamente direzione.

Non capita spesso di avere la possibilità di percepire tanta qualità nei consigli e nei concetti espressi da un relatore; Matteo Trefoloni ha sicuramente rappresentato un punto di riferimento in tal senso, con la sua lezione di alto profilo tecnico ed umano, per cui l’intera platea gli ha tributato, nel salutarlo, un caloroso applauso. 

fonte www.aialucca.it

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 31/01/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



PROMOZIONE GIR. A, cambia l'ALLENATORE del PIETRASANTA

Cambio alla guida tecnica del Pietrasanta: dopo le dimissioni di Giuseppe Della Bona, arrivate dopo la sconfitta di misura (1-0) sul campo della Pontremolese, sulla panchina del club versiliese si è infatti seduto l’ex allenatore di Aglianese e San Marco Avenza Riccardo Bracaloni. ...leggi
15/02/2019

PRIMA GIRONE A, DIAVOLI NERI GORFIGLIANO ancora senza ALLENATORE

Ancora nessuna fumata bianca per quanto riguarda il nome del nuovo allenatore dei Diavoli Neri Gorfigliano (Prima girone A). La società tramite il diesse Ivano Orsi sta portando avanti alcuni contatti, ma al momento non c'è alcun accordo definitivo. "Abbiamo dei colloqui - conferma lo stesso Orsi (NELLA FOTO) a TOSCANAGOL - ma non c'è niente di defi...leggi
14/02/2019

"IL PRIMATO DEL GIOCO": evento da non perdere per tutti gli ALLENATORI

Appuntamento importante LUNEDI' 18 FEBBRAIO (ore 15,30) presso lo Stadio Comunale di Altopascio (Via F.lli Rosselli, 45 - Altopascio) dove l'A.I.A.C. di Lucca in collaborazione con il Tau Calcio Altopascio si "andrà" in campo con Mister Francesco D'Arrigo, docente della Scuola Allenatori del Settore Tecnico di Coverciano.  ...leggi
12/02/2019

PRIMA GIRONE A, i DIAVOLI NERI GORFIGLIANO esonerano ZUDDAS

Svolta tecnica ai Diavoli Neri Gorfigliani dove all'indomani del pareggio (3-3) sul campo del Tirrenia ultimo in classifica, la società ha deciso di esonerare mister Gabriele Zuddas. Una decisione sofferta, questo è quanto emerge dal club, ma fatto solo per cercare di dare la cosiddetta "scossa" all'ambiente. Si chiude così l'esperienza di Zuddas (NELLA FOTO) dopo una stagi...leggi
12/02/2019

TERZA CATEGORIA LUCCA, i risultati dei POSTICIPI nel GIRONE A

Due posticipi lunedì 11 Febbraio nel girone A della Terza categoria di Lucca. Era in programma l'atteso derby di Viareggio tra l'Atletico Viareggio e la capolista Sporting Viareggio: la gara è terminata senza reti sullo 0-0. Con questo punto lo Sporting Viareggio sale a quota 47 punti in classifica, quattro in più del San Macario che lo insegue a quota 43. Nell'altr...leggi
12/02/2019

Il VIAREGGIO cambia ancora: esonerato l'allenatore ANTONIO AIELLO

Clamoroso al Viareggio 2014 (serie D girone E) dove si registra un altro cambio in panchina. Dopo l'esonero di Luigi Pagliuca il 7 gennaio, ora tocca a chi lo aveva sostituito. Antonio Aiello non è più l'allenatore delle zebre. Dopo sole 6 partite viene cambiato: era partito bene con 7 punti nelle prime 3 gare, poi però sono arrivate 3 sconfitte consecutive che ha...leggi
11/02/2019

VIDEO SERIE D GIRONE E, Ghivizzano Borgoamozzano-Cannara 1-2

Ghiviborgo - Cannara 1-2 GHIVIBORGO: Sottoriva, Barsotti, Dell'Orfanello (35' st Presicci), Tagliavacche (42' Remorini), Maccabruni (17' st Paccagnini), Diana, Marino (30' st Nolè), Ghini, Ortolini, Frugoli, Chianese. A disposizione: Petroni, Lecceti, Gargano, Marigliani, Nottoli. Allenatore: Spanu (Pagliuca squalificato).CANNA...leggi
11/02/2019

COPPA TOSCANA PRIMA: River Pieve-Certaldo 1-0

Recupero del  quarto di finale di Coppa Toscana Prima Categoria tra River Pieve e Certaldo, gara che non venne giocato il 30 gennaio a causa dell'intensa nevicata che aveva coperto lo Stadio "Nardini" di Castelnuovo Garfagnana. Stavolta invece splende un bel sole sulla vallata e la gara viene vinta di misura dai padroni di casa, grazie a un gol messo a segno dall'attaccante Di Sa...leggi
13/02/2019

ECCELLENZA GIR. A, al SAN MARCO AVENZA basta un GUIZZO nel primo tempo

Vorno – San Marco Avenza 0-1 VORNO: Angeli, Coselli (38’ st Battaglia), Lencioni (1’ st Gamba), Carusio, Del Ry (38’ st Degl’Innocenti), Riccomini, Matteoni (9 ’st Tabarrani), Brondi, Taddeucci, Antoni (31’ st Haoudi), Granucci. A disp. Brocchini, Frugoli, Dell’Orfanello, Bertini. All. Alfredo Cardella....leggi
10/02/2019

CGC CAPEZZANO e LA PIANO interrompono la loro COLLABORAZIONE

La società del Cgc Capezzano comunica l’interruzione del rapporto di collaborazione con il Dirigente Gianni La Piano. La decisione presa consensualmente tra le parti, interrompe la collaborazione del dirigente dopo tre anni di collaborazione. La società ringrazia La Piano per la professionalità e attaccamento al proprio ruolo del dirigente e augura le migliori soddisf...leggi
11/02/2019

Ecco i nuovi abilitati ad "ALLENATORE DI BASE" dopo il Corso di LUCCA

Il Settore Tecnico della F.I.G.C., visti i risultati degli esami sostenuti dai candidati che hanno frequentato il Corso Regionale indetto con Comunicato Ufficiale n° 331 dell'11/06/2018, tenutosi a Lucca dal 17/09/2018 al 15/12/2018, per conseguire l'abilitazione a "Allenatore di base", ha deliberato di iscrivere nei propri ruoli con tale qualifica: Yuri Andreotti, Pietro Banditori,...leggi
10/02/2019

Tra i BOMBER senza ETA' va messo anche DAMIANO BIGGI

Un articolo molto interessante quello del collega de IL TIRRENO Sandro Canu che abbiamo ripreso nei giorni scorsi (LEGGI QUA), ma che almeno per quanto riguarda la provincia di Lucca, si è dimenticato di citare due altri "vecchietti terribili" come Mirko T...leggi
07/02/2019


CALCIO LUCCHESE ancora in LUTTO per la scomparsa di LUCA PAZZAGLIA

Ancora una giornata di lutto per la scomparsa di un ex calciatore lucchese. Si tratta di Luca Pazzaglia, 53 anni, nativo di Bagni di Lucca e residente negli ultimi anni a Borgo a Mozzano. Era purtroppo malato da tempo. Pazzaglia è stato un giocatore molto conosciuto nella Media Valle del Serchio per la lunga militanza nel Bagni di Lucca di cui è stato per annil capitano. Ma non so...leggi
06/02/2019

SERIE D GIR. E, ecco quando si giocherà GHIVIBORGO-SINALUNGHESE

Si disputerà mercoledì 20 febbraio alle ore 14:30 la gara tra Ghivizzano Borgoamozzano e Sinalunghese, valevole per la ventiquattresima giornata del Girone E di Serie D, originariamente prevista per domenica 27 gennaio e rinviata per impraticabilità del campo....leggi
05/02/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02994 secondi