Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Lucca


MATTEO TREFOLONI fa lezione agli ARBITRI nella sezione AIA di LUCCA

Importante incontro con il responsabile della CAN D che ha accettato l'invito del presidente Antonio Ruffo

La serata del 28 gennaio sarà ricordata a lungo nella sezione arbitri di Lucca, grazie alla lezione tenuta dal responsabile della CAN D Matteo Trefoloni. Nonostante i suoi numerosi impegni associativi lungo tutto lo stivale (e anche oltre), Matteo ha risposto, con il suo solito generoso entusiasmo, all’invito del Presidente di Sezione Antonio Ruffo a tenere una lezione nella sua Toscana.

Le stanze e la sala riunioni sezionale sono state affollate, oltre che dai numerosi associati lucchesi, anche da una nutritissima compagine di arbitri, assistenti ed osservatori delle altre sezioni toscane inseriti, insieme ai sette lucchesi, nei ruoli CAN D; ad essi si sono uniti anche i presidenti sezionali di Carrara, Pontedera e Viareggio. A fare gli onori di casa, oltre al Presidente Ruffo, il presidente della CRA Toscana, il lucchese Vittorio Bini, che non poteva far mancare la sua presenza in una serata come questa.

Trefoloni non ha smentito la sua fama di sapiente motivatore ed istruttore arbitrale. Nella serata lucchese non ha inteso affrontare tematiche tecniche ma focalizzare la sua esposizione, anche grazie all’uso di video, offrendo spunti di riflessioni, basati dalla sua esperienza come arbitro prima e come dirigente poi, ai “suoi” ragazzi e ai giovani colleghi lucchesi che ancora stanno svolgendo il loro impegno nelle categorie regionali e provinciali. Numerosi e importanti i messaggi che ha dato: primo fra tutti l’essenzialità di capire come nell’arbitraggio siano ininfluenti, per il raggiungimento dei propri obiettivi, le condizioni al contorno, che portano a dare un peso fuorviante all’immagine esterna e ad altri aspetti materiali; quello che serve ognuno deve averlo dentro di sé, nel proprio cuore.

Facendo riferimento alla propria esperienza Trefoloni ha invitato i ragazzi a considerare come la didattica tecnica arbitrale sia cambiata in questi anni, arrivando ai livelli attuali in cui le immagini delle gare sono diventate una normale fonte d’informazione e di conoscenza tecnica; di ciò le nuove leve devono sentirsi fortunate; fino a non molti anni fa tutto ciò era impensabile, eppure l’AIA è riuscita a formare grandi arbitri anche in passato; quelli arbitri possedevano una caratteristica indispensabile e primaria: avevano FAME di arbitraggio, anelavano conoscenza, credevano in quello facevano, avevano il giusto atteggiamento verso la propria attività. I giovani colleghi di adesso, sia quelli a livello nazionale sia i più giovani, non devono e non possono permettersi di aspettare che qualcuno gli fornisca il risultato già pronto affidandosi totalmente alla migliorata qualità didattica attuale. Matteo ha usato una metafora efficace: non si può attendere al tavolo l’arrivo di un piatto cucinato da altri; dobbiamo essere in grado di conoscere e controllare tutto il processo che sta alla base della sua realizzazione, dalla qualità degli ingredienti da utilizzare, ai modi corretti per prepararlo, fino all’effettivo risultato finale che per un arbitro è rappresentato dal portare a termine la gara in modo ottimale. Un arbitro deve avere cura di farsi carico e dominare l’intero percorso, basato su conoscenza, didattica, esperienza fino alla “produzione” della propria gara, essa non sarà altro che il risultato del “bagaglio” di conoscenza, atteggiamento e impegno che ognuno porta con sé andando ad arbitrare.

Arbitrare è una sfida a due, in cui è necessario avere chiaro che l’arbitro è l’elemento apparentemente più debole, il vero gigante è l’avversario: la gara stessa. Essa rappresenta un avversario che deve essere vinto grazie alla voglia e alla convinzione di riuscire a farlo; perciò è necessario mantenere un elevato livello di sana tensione mantenendo al contempo il controllo delle proprie emozioni e della paura, amica/nemica di ogni arbitro che lo accompagna fino al momento del fischio d’inizio. Ognuno troverà il proprio modo di affrontare queste emozioni raggiungendo il personale punto di equilibrio ma, sempre, avendo il “cuore in gola” per la sfida che uno si appresta ad affrontare andando al centro del terreno di gioco.

La conclusione della “lezione di vita” arbitrale, Trefoloni l’ha riservata al concetto di appartenenza associativa; ognuno deve coltivare il proprio aspetto associativo, avendo consapevolezza che il risultato di un singolo è sempre stato, e sempre sarà, il frutto di un lavoro collegiale che ha il proprio fulcro, e origine, nella Sezione Arbitrale; culla di ognuno di noi e vero pilastro della famiglia AIA. Consapevolezza che deve spingersi fino al punto di capire quanto ciò che il singolo ha avuto dalla Sezione (in termini di conoscenza, cura e considerazione) nel momento crescente dell’esperienza arbitrale debba poi ritornare verso essa, trasferendo le proprie esperienze alle giovani generazioni, quando la propria parabola associativa cambierà fisiologicamente direzione.

Non capita spesso di avere la possibilità di percepire tanta qualità nei consigli e nei concetti espressi da un relatore; Matteo Trefoloni ha sicuramente rappresentato un punto di riferimento in tal senso, con la sua lezione di alto profilo tecnico ed umano, per cui l’intera platea gli ha tributato, nel salutarlo, un caloroso applauso. 

fonte www.aialucca.it

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 31/01/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Un TOSCANO nello STAFF del PAOK SALONICCO neo CAMPIONE di GRECIA

Dopo trentaquattro anni il Paok di Salonicco ha vinto lo scudetto del campionato greco. E che ci importa a noi di quel che accade, calcisticamente parlando in quel paese? Potrebbe essere questa la prima frase che sgorga in un osservatore disattento e poco curioso. Spigolando però nello staff tecnico guidato dall’allenatore Razvan Lucescu (figlio del tecnico Mircea che in Italia ha ...leggi
23/04/2019

La mostra fotografica ORGOGLIO BIANCONERO sarà aperta sino al 4 Maggio

Rimarrà aperta fino al prossimo sabato 4 maggio la mostra fotografica ‘Orgoglio bianconero 1919-2019 Cento anni di calcio a Viareggio’ allestita nei locali della galleria Acrel in via Verdi 247 e visitata fino ad oggi da molti appassionati, ex calciatori, ex dirigenti che si sentono legati al pallone locale. Una mostra con 120 foto – curata da Mario Niccolai della tipog...leggi
23/04/2019

"Siamo un grande GRUPPO, UNITO per portare a termine questa CAVALCATA"

Un solo punto divide il River Pieve dallo storico passaggio in Promozione: la formazione allenata da Edoardo Micchi è infatti in vetta al Girone A di Prima Categoria con sei punti di vantaggio sul Tau Calcio Altopascio quando mancano appena due turni al termine della regular season. Uno dei protagonisti della grande stagione dei garfagnini è sicuramente il centrocampista c...leggi
19/04/2019

"Imparate a SOSTENERE chi fa SFORZI, anziché DENIGRARLI e SMINUIRLI"

Tuona pesante Cristiano Baroni, ex Presidente del Viareggio 2014 che ha ricoperto la carica fino allo scorso novembre. L'ex numero uno bianconero è pesantemente irritato dalle voci denigratorie circa l'operato suo e dei suoi collaboratori in questi ultimi anni e, tramite una lettera, esterna tutto il proprio rammarico. Basta gettare fango! Ormai t...leggi
16/04/2019

"L'ARBITRO non ha voluto aspettare e ci ha persino preso in giro"

Tuona pesantemente il Presidente del Don Bosco Mazzola (Terza Categoria Lucca Girone A) Gabriele Saviozzi dopo le decisioni del Giudice Sportivo della Delegazione provinciale che gli ha comminato la sconfitta per 3-0 a tavolino contro il Viareggio 86, un punto di penalizzazione in classifica e 800€ di multa. La sanzione è arrivata perché la squadra "non si è pr...leggi
11/04/2019

TERZA LUCCA GIR. A, pesante MULTA per il DON BOSCO MAZZOLA

GARA ASD SPORTING VIAREGGIO 86 - USD DON BOSCO MAZZOLA del 6/4/19 NON DISPUTATA Il G.S.T. esaminati gli atti ufficiali dai quali rileva che: - la Società DON BOSCO MAZZOLA non si è presentata in campo nei termini previsti dal regolamento; -visto l'art. 53 n. 2 e 7 delle NOIF; INFLIGGE alla Società DON BOSCO MAZZOLA la...leggi
11/04/2019

Il VORNO festeggia la SALVEZZA, ma CARDELLA ora potrebbe lasciare

Il Vorno festeggia la salvezza in Eccellenza. Era la prima volta per questa piccola società alla porte di Lucca al cospetto di piazze e società blasonate. Un traguardo raggiunto persino con una giornata di anticipo che premia il lavoro serio e competente di una società che sapeva che c’era il rischio di pagare una certa inesperienza a questi livelli e di uno staff tec...leggi
10/04/2019

VIDEO, lo SPORTING PIETRASANTA non vuole più fermarsi e salire ancora

Bastava un pareggio e così è stato, 1-1 nel derby contro il Lido di Camaiore e con tre turni di anticipo lo Sporting Pietrasanta sale in prima categoria. La formazione di mister Gabriele Mazzei, ha condotto questa cavalcata vincente dalla prima giornata con una regolarità nei risultati impressionante. La squadra che aveva dominato la terza categoria è stata costruita...leggi
08/04/2019

PRIMA GIR. A, il TAU CALCIO ne fa CINQUE in casa dell'ORENTANO

Orentano - Tau Calcio Altopascio 1-5 ORENTANO: Gori, Battaglia, Cirillo, Cecchi, Rugani, Giani, Casini (5' st Giacalone), Centoni (37' st Menichinelli), Verola (37' st Ruglioni), Franchini, Nannelli. A disposizione: Ramacciotti, Montorzi, Mazziotta. Allenatore: Capioni.TAU CALCIO ALTOPASCIO: Daviddi, Casali, Lunardini, France...leggi
08/04/2019

TERZA LUCCA, il VIAREGGIO '86 trionfa nel girone A

Lo Sporting Vareggio 86 conquista il campionato di Terza categoria Lucca Girone A con una giornata di anticipo, grazie alla vittoria a tavolino contro il Don Bosco Mazzola, e soprattutto grazie al San Macario supera per 4-3 il Lucca Calcio, consentendo alla squadra bianconera di portarsi a +5 dalla seconda in classifica. ...leggi
08/04/2019

Lo SPORTING PIETRASANTA è ancora CAMPIONE e vola in PRIMA CATEGORIA

Con tre turni di anticipo i versiliesi dello Sporting Pietrasanta si aggiudicano la vittoria del Girone A di Seconda Categoria. Il team di mister Gabriele Mazzei, salito in vetta alla terza  giornata di ritorno, non ha mai mollato lo scettro fino al triplice fischio nella gara vinta in Lunigiana in casa della pericolante Monti con il minimo scarto. Non ci sono più parole e aggettivi...leggi
02/04/2019

PRIMA GIR. A, netto SUCCESSO interno per il TAU CALCIO ALTOPASCIO

Tau Calcio Altopascio - Sporting Bozzano 4-1 TAU CALCIO ALTOPASCIO: Daviddi, Casali, Lunardini, Bruni (43’ pt Donati), Franceschi, Giardini, Paoletti (45’ pt Vannucci), Vanni Leonardo (29’ pt Vanni Andrea), Biggi (19’ pt Tognotti), Sardelli (25’ pt Lenci), Haoudi. A disposizione: Bertenni, Pieri, Balli, Del Sarto. Allenator...leggi
01/04/2019

L'OLTRESERCHIO vola in SERIE A2 di CALCIO A 5 femminile

Grandissima impresa delle ragazze del Calcio a 5 femminile dell'Oltreserchio, che al primo anno di attività centrano la promozione nel campionato nazionale di Calcio a 5 di Serie A2. La squadra di mister Nelli e capitan Barsocchi dopo la vittoria a Prato contro il Futsal Bagnolo ha festeggiato la promozione con due giornate di anticipo dopo aver passato tutto il campionato in testa alla ...leggi
01/04/2019

LIBERTAS, l'ennesima FIGURACCIA: in campo in OTTO e senza ALLENATORE

Jesina - Libertas 13-0 JESINA: Cantori, Gallina (75′ Zambonelli), Crocioni (46′ Paolini), Boccanera, Alessandrini, A.Modesti (51′ Oleucci), Rossetti, Piergallini, Ventura (75′ Battistoni), C.Modesti, Fontana (46′ Fiorella). All. Iencinella.LIBERTAS: Acciari, Barsotti, Bura...leggi
29/03/2019



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03845 secondi