Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

"Giusta la nostra richiesta, assurda la reazione dell'ATLETICO LUCCA"

Ci scrive il presidente del MEZZANA che risponde alle accuse del suo omologo BARTOLI: "Invece di scrivere alla stampa poteva interpellarmi e avremmo chiarito"

  Scritto da La Redazione il 11/10/2017

Una giornata di "riflessione" dopo aver letto (e chiaramento non gradito) le pesanti dichiarazioni del presidente dell'Atletico Lucca (LEGGI QUA) Stefano Bartoli dopo i fatti avvenuti sabato scorso. Poi la decisione del presidente del Mezzana Rosario D'Orsi di affidarsi ad un comunicato per spiegare dettagliatamente la posizione della sua società: Lo riportiamo integralmente qua sotto.

In relazione a quanto pubblicato sul portale "Toscanagol.it - portale del calcio toscano", relativo all'incontro Juniores Regionale Atletico Lucca - G.S. Mezzana disputato sabato 7 ottobre 2017 alle ore 16.00 presso l'impianto di San Macario (LU) e a tutela dell'immagine propria e dei propri tesserati, il Presidente del G.S. Mezzana a.s.d. dichiara quanto segue:

Nei cinquant'anni di storia, il G.S. Mezzana a.s.d. ha sempre doverosamente rispettato le regole fondamentali imposte dalla F.I.G.C. e i risultati ottenuti sul campo. "Vergognoso" è il comportamento di chi non rispetta le regole e di chi con leggerezza usa termini offensivi con molta facilità. Nel caso specifico voglio ribadire il nostro legittimo diritto nel chiedere la verifica dell'altezza delle porte, o prima, o durante o a fine gara per effettuare il reclamo al Giudice Sportivo Territoriale (art. 29 e 46 C.G.S.) e non certo vincere una gara "a tavolino", peraltro, alla quinta giornata di campionato, tutt'altro che fondamentale e che non giustifica in nessun modo reazioni offensive o rabbiose nei confronti dei nostri tesserati. I nostri obiettivi sono ben altro che vincere a "tavolino"!. Forse, Lei, Signor Presidente è stato molto frettoloso nel comunicare alla stampa quanto accaduto, peraltro vincendo la partita, oppure essendo ospite al Campo di San Macario, aveva il timore che effettivamente ci fosse qualcosa di non regolare. Voglio ricordare ancora che per il G.S. Mezzana a.s.d. la salute dei nostri atleti è una priorità assoluta. Il metro è uno strumento in dotazione ai nostri impianti. come il defibrillatore, come la sala medica, e non è oggetto "da trasportare per i campi della Toscana". Quello usato per la misurazione (portachiavi/metro), infatti, fu fornito dalla struttura stessa. Infine, auguro a Lei, Signor Presidente, e alla sua Società le migliori fortune non solo calcistiche e mi permetta di consigliarLe, la prossima volta (qualora le ricapitasse!) di tener presente anche il "Codice di Giustizia Sportiva", che conoscerà sicuramente (art. 5 - Dichiarazioni lesive-), di risolvere il caso interpellando il Suo corrispondente e non i "media".
Cordialità.

                                                                                              G.S. MEZZANA A.S.D.
                                                                                                  Il Presidente
                                                                                                 Rosario D'Orsi

Da parte nostra ringraziamo il Mezzana per averci dato la sua versione dei fatti. Senza entrare nel merito della vicenda che certo non è stata simpatica, ma che è un po' un esempio tipico di quanto spesso accade suoi nostri campi, vogliamo ribadire come il nostro movimento calcistico sia ancora "indietro" a livello di sportività, di educazione e di etica. Si va alle partite ancora pensando di avere davanti degli "avversari" e non degli sportivi come noi, dove ogni mezzo è buono per portare a casa il risultato, dove manca il rispetto per tutto e per tutti. La stessa reazione dell'Atletico Lucca non è quella giusta e anche questo va censurato. Il fatto di San Macario è ancora l'esempio di una cultura calcistica e sportiva retrograda e ci piacerebbe che quanto accaduto possa servire a tutti per fare un passo indietro e affrontare gli impegni agonistici con un altro spirito.

Gino Mazzei

NELLA FOTO IL PRESIDENTE DEL MEZZANA ROSARIO D'ORSI

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/10/2017
Tempo esecuzione pagina: 0,73498 secondi